19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  •    - Kazakistan
  •    - Kyrgyzstan
  •    - Tagikistan
  •    - Turkmenistan
  •    - Uzbekistan
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/01/2018, 11.32

    UZBEKISTAN

    Mirziyoyev: i 52 morti nell’autobus in fiamme, vittime della disoccupazione



    Le vittime erano tutte uzbeke. Ieri, il rimpatrio dei corpi nel Paese. Sono già stati identificati 30 di essi. “Dobbiamo ancora fare molto per il nostro popolo” costretto a cercare lavoro all’estero.

    Tashkent (AsiaNews/Agenzie) – “La tragedia avvenuta a Aktobe indica molte cose, incluso il fatto che dobbiamo ancora fare molto per il nostro popolo. Le persone devono cercare un lavoro in altri Paesi, perché non abbiamo creato alcuna possibilità per loro”. Commenta così il presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev la morte di 52 cittadini uzbeki su un autobus in fiamme, avvenuta il 18 gennaio.

    Il capo di Stato uzbeko ha pregato ieri per le vittime presso il mausoleo Khakimi at-Termez (v. foto 2). In tutte le moschee del Paese a maggioranza musulmana si sono tenute preghiere di cordoglio.

    L’autobus “Ikarus” aveva preso fuoco sul kilometro 1.068 della strada Samara-Shymkent, nel distretto di Irgiz. Sulla vettura c’erano due autisti e 55 passeggeri, quasi tutti – ad esclusione di due cittadini kazaki – di cittadinanza uzbeka. Delle persone a bordo, solo cinque sono riuscite a salvarsi. Al momento, le indagini sono ancora in corso, ma si esclude un’origine dolosa dell’incendio.

    Ieri mattina, l’aereo del ministero uzbeko delle situazioni d’emergenza ha lasciato la regione di Aktobe trasportando le 52 salme, 30 sono già state identificate. Shukhrat Teshaboyev, console uzbeko in Kazakhstan aggiunge che i corpi ancora privi d’identità saranno sottoposti a test del Dna in Uzbekistan.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2018 09:01:00 KAZAKHSTAN
    Irgiz, prende fuoco un autobus: 52 morti

    L’incidente è avvenuto nel nord-ovest del Paese questa mattina. Le vittime sono tutte di nazionalità uzbeka. Sono riuscite a scappare solo cinque persone.



    24/09/2011 UZBEKISTAN
    Tashkent rispolvera metodi sovietici contro l’urbanizzazione
    Preoccupate dall’eccesso di giovani e disoccupati provenienti dalle campagne, le autorità riapplicano il sistema della propiska: chi si sposta dal suo distretto perde diritti di base come istruzione e assistenza sanitaria.

    28/05/2009 UZBEKISTAN - KIRGHIZISTAN
    Si riaffaccia in Asia centrale il pericolo dell’estremismo islamico
    Un attentato esplosivo uccide un poliziotto ad Andijan. Sul confine con il Kirghizistan c’è un conflitto a fuoco contro la polizia di frontiera. Esperti temono che nella valle Ferghana, crocevia di vari Stati, repressione del governo e povertà rendano la gente sensibile ai gruppi radicali islamici.

    26/01/2010 KIRGHIZISTAN - UZBEKISTAN
    Una guerra tra poveri la ricerca di lavoro dei migranti uzbeki in Kirghizistan
    Vengono come stagionali da marzo a novembre, accettano qualsiasi lavoro per salari minimi, a volte non sono pagati, ma sono clandestini e non possono protestare. Ma il lavoro è comunque poco e gli operai kirghisi lamentano che così rimane basso il prezzo della mano d’opera. Il pericolo di tensioni interetniche.

    27/06/2013 UZBEKISTAN
    Musulmano in carcere per "estremismo", ignorati gli appelli dell'Onu
    Astana concede l’estradizione. Condannato a 12 anni di reclusione il 38enne uzbeko accusato di estremismo musulmano. Ignorati gli appelli delle Nazioni Unite e le proteste dei familiari, ai quali la Corte non ha fatto pervenire alcuna copia della sentenza.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®