20 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/08/2007
FILIPPINE – ITALIA
Missionari PIME: Con p. Bossi, alla logica della violenza rispondiamo con la grazia del perdono
Il missionario rientrerà in Italia domenica a mezzogiorno, con un volo di linea proveniente da Dubai. A Manila il PIME e la Chiesa locale hanno discusso sul futuro della missione nelle Filippine: resta alto il pericolo sequestri, ma la loro presenza è “fondamentale”.

Manila (AsiaNews) – “Il sequestro di p. Bossi è l’esperienza del perdono di Dio che si offre al suo popolo; esso racchiude il senso della missione e il compito del missionario che dona tutto se stesso”. Così p. Gianni Sandalo, superiore del PIME nelle Filippine, descrive il significato della permanenza dei missionari nel Paese asiatico al termine di una tre giorni di riflessioni e preghiera che si è conclusa ieri a Manila. All’incontro hanno partecipato tutti i missionari del PIME, il Superiore Generale p. Gian Battista Zanchi, un padre clarettiano e l’arcivescovo di Mindanao, mons. Romulo Geolina Valles.

Tre gli spunti sui quali si è discusso nello specifico: il profilo storico e socio-culturale della realtà di Mindanao, la presenza della Chiesa nell’isola e il ruolo del missionario straniero. “P. Bossi – sottolinea p. Sandalo – incarna la vittoria della speranza in una realtà in cui predomina la logica della violenza: ‘Io li perdono, anzi vorrei costruire un rapporto di amicizia con loro’. Ecco, questa frase pronunciata da Giancarlo all’indomani della liberazione racchiude tutto il senso della nostra missione, perché alla logica della violenza dobbiamo rispondere con il valore assoluto del perdono”. A Mindanao è “evidente lo stato di povertà” della popolazione per questo il missionario rappresenta “l’espressione della solidarietà” e del “valore della Chiesa nella sua universalità, perché essa va oltre i confini dei singoli stati e abbraccia tutte le genti della terra”.

“Come dimostra il rapimento di p. Bossi – ribadisce p. Sandalo – i sequestri avvengono solo per motivi economici: non c’è uno scontro fra religioni, la verità è che i missionari stranieri e gli occidentali in genere rappresentano una scorciatoia per fare soldi”. Anche l’arcivescovo di Zamboanga ha ribadito la “presenza fondamentale dei missionari nella diocesi”; al riguardo è allo studio un programma volto alla “sensibilizzazione della popolazione locale, per far capire loro che è necessario un senso di corresponsabilità: il prete si prende cura della comunità e, allo stesso tempo, la comunità è vicina al suo pastore, come è avvenuto nel caso del sequestro di p. Bossi, in cui cristiani e musulmani hanno pregato e lavorato assieme per la sua liberazione”.

A margine dell’incontro di Manila, p. Giancarlo Bossi confessa ad AsiaNews  “il desiderio di rientrare per abbracciare i parenti e di ritirarsi per un periodo di meditazione e preghiera in vista dell’incontro a Loreto con il Papa”. “Il mio desiderio – conferma p. Bossi  - è tornare a Payao ma la situazione è delicata e non si possono fare programmi”. Egli conferma il pericolo di nuovi sequestri e sottolinea che il suo “non rappresenta un caso isolato e in futuro eventi di questo tipo potranno ancora succedere” per ragioni di carattere “economico: è solo una questione di soldi”.

Il missionario del PIME  - nella foto in compagnia di un gruppo di bambini al suo ritorno a Payao - dice “di essere in buona salute e di aver ripreso 6 dei 20 chili persi durante i giorni di prigionia: i sequestratori mi hanno trattato bene, dividendo lo stesso cibo, ma nutrirsi per 40 giorni solo con riso e pesce secco è davvero dura. Così come è dura non fumare, ma ho deciso di smettere e per ora riesco a resistere”.

Il rientro di p. Giancarlo Bossi in Italia è previsto per domenica 12 agosto, con un volo di linea proveniente da Dubai che atterrerà all’aeroporto di Roma Fiumicino verso mezzogiorno. Il tempo di salutare i familiari, poi verrà sottoposto agli interrogatori di rito dai magistrati che hanno aperto un’inchiesta sul suo rapimento. Nel frattempo emergono altri particolari sulle fasi iniziali del sequestro: i rapitori gli hanno legato le mani con del nastro adesivo dal quale si è subito liberato. Si è creata una situazione di tensione e di pericolo, ma p. Bossi non ha voluto opporre resistenza, facendosi accompagnare sino al fiume dove ad attenderli c’era una barca: questo per non mettere in pericolo la vita delle altre due persone che erano con lui al momento del rapimento. 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/07/2007 FILIPPINE – ITALIA
P. Bossi: “Vorrei incontrare il Papa”
30/07/2007 ITALIA – FILIPPINE
Nell’anniversario del PIME il "grazie" per la liberazione di p. Bossi
20/07/2007 ITALIA – FILIPPINE
Il "grazie" del Pime a quanti hanno contribuito alla liberazione di p. Bossi
15/06/2007 ITALIA – FILIPPINE
Fiaccolata in silenzio, candele alle finestre per la liberazione di p. Bossi
25/07/2007 FILIPPINE – ITALIA
Payao, grande festa per il ritorno di p. Bossi
di Santosh Digal

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate