4 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 24/06/2012
EGITTO
Mohammed Morsi, dei Fratelli musulmani, vince le elezioni presidenziali in Egitto
Il candidato del partito Giustizia e Libertà, ha battuto lo sfidante Ahmed Shafiq con il 51% dei voti. Decine di migliaia di islamisti scendono in piazza per festeggiare il nuovo presidente, dopo 30 anni di governo Mubarak. L'esercito minaccia di imporre il coprifuoco in caso di disordini.

Il Cairo (AsiaNews/ Agenzie) - Mohammed Morsi, leader del partito Giustizia e Libertà (Fratelli musulmani) vince le prime elezioni presidenziali dell'era post-Mubarak. Secondo i dati ufficiali, pubblicati oggi pomeriggio dalla commissione elettorale, egli avrebbe battuto lo sfidante Ahmed Shafiq, ex Premier del regime e favorito dai militari, con il 51,3% delle preferenze.

Decine di migliaia di sostenitori dei Fratelli musulmani e salafiti affollano da questa mattina le principali piazze del Paese, fra tutte piazza Tahrir, luogo simbolo della rivoluzione dei Gelsomini. Subito dopo l'annuncio della vittoria, la folla ha gridato "Allahu Akbar" (Dio è grande) e altri canti islamisti, che hanno ormai sostituito gli slogan a favore della democrazia, diritti umani e Stato laico cantati dai giovani protagonisti della Primavera araba. Circa 2mila sostenitori di Ahmed Shafik si sono radunati invece nel distretto di Nasr City (il Cairo) contestando il risultati del voto. Per evitare scontri fra islamisti e sostenitori di Ahmed Shafiq l'esercito ha schierato migliaia di soldati, annunciando che imporrà il coprifuoco in caso di tensioni.

In un comunicato il neo eletto presidente ha annunciato che formerà un governo inclusivo di tutte le componenti della società egiziana e ha fatto appello a tutti gli egiziani, musulmani e cristiani, a partecipare alla costruzione del nuovo Egitto. Per rassicurare la minoranza copta cristiana, Morsi ha promesso di non voler trasformare il Paese in una teocrazia e di voler rispettare i diritti delle altre religioni, pur riservando all'Islam una parte centrale del governo. 

Morsi, 60 anni, ha studiato ingegneria negli Stati Uniti. Per la sua appartenenza al movimento islamista egli ha trascorso diversi anni in carcere durante i primi anni del governo Mubarak. Dopo la caduta del regime, Morsy ha collaborato a fondare il partito Giustizia e Libertà, espressione politica del movimento islamista  vincitore delle elezioni parlamentari, annullate di recente, con oltre il 50% dei voti. Egli ha sostituito nella corsa alla presidenza egiziana Kairat al-Shater, archittetto della campagna elettorale dei Fratelli musulmani a cui è stato impedito di candidarsi perché ex detenuto. 

I risultati delle votazioni presidenziali dovevano già essere comunicati lo scorso 22 giugno, ma la Commissione elettorale ha preferito attendere a causa del clima di tensione fra islamisti ed esercito, dopo l'annullamento delle elezioni parlamentari anch'esse vinte dagli islamisti. Temendo una nuova vittoria dei Fratelli musulmani,  lo scorso 17 giugno - poche ore prima della chiusura dei seggi elettorali - l'esercito ha varato un emendamento che riduce i poteri del presidente e dà ai militari il facoltà di nominare una nuova Assemblea costituente, gestire i finanziamenti esteri e indire nuove elezioni parlamentari. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
25/06/2012 EGITTO
Speranze e timori della comunità internazionale sul neo presidente egiziano Morsi
28/08/2013 EGITTO
Minya: scuole, chiese e orfanotrofi bruciati per cancellare ogni traccia dei cristiani
17/05/2013 EGITTO - ISLAM
Magistrati islamisti e accuse di blasfemia la nuova arma per colpite i cristiani e laici
14/08/2013 EGITTO
Egitto, Fratelli Musulmani assaltano 22 chiese cristiane
11/04/2013 EGITTO
Cristiani e musulmani marciano insieme contro l'egemonia islamista

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate