2 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2012
EGITTO
Mohammed Morsi incontra i vescovi cattolici al Cairo
La riunione si è tenuta questa mattina nel palazzo presidenziale. Il neo-presidente ha sottolineato che farà di tutto per risolvere i problemi della Chiesa egiziana. Portavoce della Chiesa cattolica egiziana: "questo è buon segno per il futuro dei cristiani in Egitto".

Il Cairo (AsiaNews) - Risolvere i problemi della Chiesa cattolica e riportare la serenità fra i cristiani, è la promessa  di Mohammed Morsi, neo presidente egiziano e leader dei Fratelli musulmani,  ai vescovi cattolici egiziani. L'incontro si è tenuto questa mattina al Cairo. Ieri, il neo-presidente ha ricevuto in visita la delegazione ufficiale della Chiesa copta ortodossa. 

Secondo p. Greiche, portavoce della Chiesa cattolica e presente alla riunione, le dichiarazioni del neo presidente islamista sono un buon segno per il futuro dei cristiani in Egitto. Il sacerdote sottolinea che l'incontro non era in programma ed è stato voluto dallo stesso Morsi. "Egli - afferma - ha desiderato incontrare di persona i vescovi e si è  mostrato cordiale e disponibile a lavorare insieme ai cattolici per affrontare e risolvere i problemi della nostra comunità". 

Proclamato presidente lo scorso 23 giugno con il 52% dei voti, Morsi ha più volte dichiarato nella sua campagna elettorale di voler "diventare il presidente di tutti gli egiziani", non solo dei musulmani. Secondo gli analisti questa sarebbe solo una tattica per mantenere il consenso della popolazione e della minoranza cristiana, che da sempre teme i Fratelli musulmani accusati da molti di voler costruire uno Stato confessionale islamico basato sulla sharia. Tuttavia, p. Greiche sottolinea che quanto affermato dal neo-presidente potrebbe contenere un fondo di verità.

"Oggi - spiega - Morsi ha confermato la possibile nomina di un cristiano copto e di una donna alla vice-presidenza. Questo sarebbe una svolta per il Paese, ma  essi dovranno avere un effettivo potere. In caso contrario tali nomine rischiano di essere solo un'operazione di facciata".  (S.C.)

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
30/06/2012 EGITTO
“Luci e ombre” sul giuramento di Mohammed Morsi in piazza Tahrir
04/11/2013 EGITTO
Egitto: il processo a Morsi "è un segno di cambiamento per il Paese"
09/03/2013 EGITTO
Egitto, la polizia scende in piazza contro i Fratelli Musulmani
28/02/2013 EGITTO
Egitto, le Chiese cristiane abbandonano "l'inutile" dialogo con il presidente
06/07/2013 EGITTO
Sinai, ucciso sacerdote copto ortodosso

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate