13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/04/2015, 00.00

    CAMBOGIA - INDONESIA

    Molucche: anche 58 pescatori cambogiani fra le centinaia di migranti ridotti in schiavitù



    Erano rinchiusi in gabbie o nascosti nelle foreste dell’isolotto di Benjina. Ridotti in condizioni di schiavitù e costretti a lavorare per imbarcazioni battenti bandiera thai. L’area è un crocevia internazionale del lavoro forzato, soprattutto nel settore ittico. I lavoratori migranti erano oggetto di vessazioni e abusi.

    Phnom Penh (AsiaNews/Agenzie) - Ci sono almeno 58 cittadini cambogiani fra gli oltre 300 pescatori, costretti a lavorare in condizioni di schiavitù, scoperti e tratti in salvo di recente in un’isola remota della provincia delle Molucche, in Indonesia. Nei giorni scorsi il governo di Jakarta ha scoperto un gruppo di lavoratori migranti con base sull’isolotto di Benjina, in seguito a una indagine promossa da alcuni cronisti della Associated Press (Ap) e durata oltre un anno.

    L’inchiesta ha rivelato la presenza di pescatori provenienti da Myanmar, Laos e Cambogia bloccati da tempo sull’isola; i lavoratori migranti erano costretti a lavorare con la forza e le minacce, in condizioni di semi-schiavitù, a bordo di imbarcazioni battenti bandiera thai, specializzate nella pesca a strascico in acque territoriali indonesiane.

    A bordo di pescherecci i migranti erano oggetto di abusi e vessazioni, fra cui frustate con corde composte da materiale tossico; essi sono stati abbandonati sull’isola, per essersi rifiutati di lavorare e per una legge approvata di recente da Jakarta, finalizzata alla repressione di attività illegali. Alcuni fra i pescatori erano rinchiusi all’interno di gabbie appartenenti alla Pusaka Benjina Resources, l’unica impresa dedita alla pesca autorizzata a operare sull’isola; altri si erano nascosti nella foresta, per sfuggire agli aguzzini.

    Secondo le cifre fornite dall’Organizzazione internazionale per i migranti (Ilo) 58 dei 319 pescatori salvati erano di nazionalità cambogiana. Dall’inchiesta promossa dalla Ap emerge inoltre che almeno un migliaio di pescatori, in tempi diversi, sono stati bloccati sull’isola di Benjina, un vero e proprio hub internazionale del lavoro forzato e della moderna schiavitù legata al settore della pesca.

    Ogni anno migliaia di lavoratori migranti di origine cambogiana valicano il confine con la Thailandia, in cerca di impiego e condizioni di vita migliori. Tuttavia, la maggior parte di essi entrano nel Paese senza documenti regolari, dopo aver pagato trafficanti senza scrupoli che lucrano sulla tratta con la promessa (vana) di un lavoro. Secondo gli esperti la mancanza di documenti e permessi li rende vulnerabili e facili vittime del lavoro forzato, come avvenuto per i pescatori salvati in questi giorni in Indonesia.

    Ai primi di febbraio anche la Chiesa cattolica ha dedicato una giornata di preghiera e sensibilizzazione sul tema della tratta delle persone e delle forme moderne di schiavitù. Secondo papa Francesco essa è “una vergognosa piaga, indegna di una società civile” e rivolgendosi ai governanti il pontefice ha chiesto di adoperarsi “con decisione” per rimuoverla.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/02/2016 09:59:00 INDONESIA
    Premio Onu ai pescatori di Aceh, salvatori dei migranti del mare

    Gli attivisti di Geutanyoe Foundation indicano i pescatori della provincia indonesiana per il Nansen Refugee Award. Il riconoscimento è assegnato ogni anno dall’Unchr per quanti operano a favore di rifugiati e sfollati. Lo scorso anno salvate centinaia di Rohingya e bangladeshi alla deriva nei mari.



    09/01/2015 NEPAL
    Il Messaggio del papa per la pace libererà gli schiavi nepalesi nel Golfo
    Kathmandu condivide la posizione di Francesco sul "lavoro schiavo" e spera di influenzare le autorità del Kuwait, che non consentono il rimpatrio di 135 donne nepalesi. Malaysia, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti sono le destinazioni più comuni per i lavoratori migranti non qualificati, prime vittime del traffico di esseri umani.

    18/04/2015 VATICANO
    Papa: Denunciare e combattere la tratta di esseri umani, un male che si vuole occultare
    Nell’udienza ai partecipanti alla plenaria della Pontificia accademia delle scienze sociali, papa Francesco spinge a trovare legislazioni nazionali e internazionali per “assicurare i trafficanti alla giustizia e reimpiegare i loro ingiusti guadagni per la riabilitazione delle vittime”. La lotta alla schiavitù, opera di santi cristiani e di “tanti uomini e donne di buona volontà, che non si riconoscono in una fede religiosa”.

    29/09/2016 11:21:00 THAILANDIA
    Bangkok, l’economia non riparte: cresce la rabbia contro gli immigrati

    Nell’ultimo mese la polizia ha arrestato centinaia di lavoratori illegali. Essi rischiano 5 anni di prigione o la deportazione. Capo della polizia: “I migranti dovrebbero fare i lavori che ai thai non piacciono, come pulire le case”. Quest’anno il Pil della Thailandia crescerà del 3%, ben lontano dal 7% degli anni ’90. Sono almeno 3 milioni i lavoratori stranieri nel Paese.

     



    19/09/2015 ASIA
    Nel 2015 liberati dalla schiavitù 2mila pescatori nel sud-est asiatico
    Nelle isole orientali dell’Indonesia sono detenuti e sfruttati migliaia di migranti provenienti da Myanmar, Cambogia e Thailandia. Alcuni colossi alimentari statunitensi sono stati denunciati per aver acquistato prodotti marittimi provenienti da lavoro schiavo. In Thailandia, il 20% dei minori sfruttati nell’industria peschiera subisce infortuni o mutilazioni.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®