11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/07/2011, 00.00

    CINA

    Mongolia Interna: nuove proteste e scontri con la polizia, decine di feriti



    I nuovi scontri scoppiano dopo che il governo locale assegna terre a un imprenditore han, che uccide il bestiame per cacciare i pastori mongoli. Decine di feriti. Ma Pechino cerca una soluzione per evitare le proteste nella regione, grande fornitrice di carbone.
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Oltre 1.000 etnici mongoli hanno protestato chiedendo la restituzione dei terreni espropriati, a Bairin Right Banner e a Sharmurun Som (in cinese: BalinYouqi e Xilanulum Sumu) il 18 luglio, anche se solo il 23 luglio la notizia è stata diffusa dal Centro di informazione per i diritti umani dei mongoli meridionali (Smhric). Nella Mongolia Interna la tensione rimane alta, dopo le proteste dello scorso maggio che hanno causato morti e feriti.

    I dimostranti lamentano che il governo locale ha consentito a imprenditori di appropriarsi in modo illegale delle terre dei residenti. Le proteste sono esplose dopo che un imprenditore di etnia Han è stato accusato di avere ingaggiato oltre 200 picchiatori per uccidere il bestiame dei pastori mongoli, investendolo con autoveicoli e bulldozer, e pestare a sangue i pastori che si opponevano all’esproprio.

    Circa 300 poliziotti in tenuta antisommossa sono intervenuti per sciogliere la protesta e ci sono stati scontri con decine di feriti.

    Il Smhric riferisce di una petizione on-line nella quale i mongoli protestano che “siamo stati impoveriti. Abbiamo perso la nostra terra presa dai cinesi. Siamo stati privati delle nostre risorse naturali. Il nostro bestiame muore. Molti di noi sono senzatetto nella nostra stessa terra”. “Siamo trattati senza rispetto. Dobbiamo alzarci in piedi e difendere i nostri diritti”.

    Nella zona ci sono forti contrasti tra gli etnici mongoli, originari della regione, e i cinesi di etnia han immigrati di recente ma che spesso detengono posizioni di potere politico ed economico. A maggio sono esplose diffuse proteste dopo la morte di un etnico mongolo in scontri con i dipendenti di una compagnia mineraria.

    Pechino è intenzionata a non consentire alcuna protesta e, dopo che studenti e pastori sono scesi insieme in piazza per domandare maggior tutela per i loro diritti e per l’ambiente (minacciato dal forte sfruttamento minerario e industriale), nella regione sono state mandate molte forze dell’ordine per rinforzare il controllo sociale.

    A giugno il tribunale ha condannato a morte l’autista di un autocarro che aveva investito e ucciso il pastore Murgen. Ma questo non ha placato il risentimento della popolazione, che non accetta lo sfruttamento e l’esproprio delle praterie da sempre usate per la pastorizia.

    Dopo le recenti proteste, il 20 luglio i media statali hanno annunciato nuove disposizioni, che prevedono la partecipazione di rappresentanti dei pastori alla ideazione dei piani di sviluppo delle ditte minerarie. Inoltre il 24 luglio Liu Zhuozhi, ex vicepresidente della regione, è stato espulso dal Partito comunista per corruzione. Liu è ritenuto uno dei promotori dell’intenso sfruttamento minerario della regione, principale fornitrice di carbone per la Cina, che ha portato all’attuale aperto contrasto.

    Gli etnici mongoli sono circa 6 milioni e sono appena il 20% dei 24 milioni di residenti della Mongolia Interna.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/03/2016 07:46:00 MONGOLIA
    Mongolia, i minatori in piazza: Basta svendere il nostro sottosuolo

    Oltre 2mila persone si sono unite al gruppo “Ethical Mongol” per chiedere le dimissioni del governo e la revoca del mandato parlamentare. Nel mirino gli accordi con ditte straniere per lo sfruttamento delle miniere di carbone e delle cave di terre rare. Il 94% del Prodotto interno lordo viene da questi settori, ed è per il 50% in mano ad aziende non nazionali.



    10/01/2017 12:02:00 CINA
    Quattro pastori della Mongolia interna arrestati per una petizione online

    I mongoli etnici rappresentano il 20% della popolazione della Mongolia interna (circa 23 milioni) e si lamentano sempre di più per il diffuso deterioramento ambientale e le ingiuste politiche di sviluppo della regione.



    27/05/2011 CINA
    Mongolia Interna: in piazza la protesta contro i soprusi cinesi
    In migliaia scendono in piazza, in varie città, dopo che etnici Han hanno ucciso 2 leader dei pastori locali, che lottavano contro la distruzione dell’ambiente. Pechino vuole soprattutto sfruttare le miniere della zona e gli etnici mongoli sono in minoranza nella loro stessa terra.

    08/07/2008 MONGOLIA
    Finito lo Stato di emergenza, la Mongolia si interroga sul futuro
    Permane la tensione, anche se non ci sono stati nuovi disordini. Appello del premier alla legalità. Il nodo da sciogliere sarà come sfruttare le grandi ricchezze minerarie.

    31/05/2011 CINA
    Crescono tensioni e controlli nella Mongolia Interna
    Centinaia di poliziotti della sicurezza vigilano sulle piazze; internet è stato sconnesso; giovani sono reclusi nei loro campus. I mongoli criticano gli investimenti minerari nella regione (carbone e terre rare), che inquinano le loro terre e distruggono i pascoli e la loro vita quotidiana. Giornale del Partito: Queste manifestazioni non sono simili a quelle del Tibet e dello Xinjiang.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®