22/08/2018, 12.24
INDIA
Invia ad un amico

Mons. Barwa: Le difficoltà delle famiglie si superano con la fede in Cristo

di Nirmala Carvalho

Arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar: “Le preghiere dei cristiani del Kandhamal sono un dono per tutti”. Poi l’invito: “Non abbiate paura, ponete la vostra fiducia in Gesù, pregate e digiunate. E tutte le difficoltà saranno superate”.

Cuttack-Bhubaneswar (AsiaNews) – “Tutte le difficoltà delle famiglie possono essere superate grazie alla fede nel Signore Gesù Cristo, con la preghiera e il digiuno. Alla fine, si raccoglie pace”. Lo dice ad AsiaNews mons. John Barwa, arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar. Nei giorni in cui si svolge a Dublino l’Incontro mondiale delle famiglie, il vescovo parla delle sfide delle coppie del Kandhamal. Poi ricorda che il card. Oswald Gracias, presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci), presiederà la messa domenicale del 26 agosto in Irlanda. Per questo non potrà essere presente alla Messa di Riconciliazione, Ringraziamento e Pace che la diocesi terrà il 25, nel 10mo anniversario dei pogrom dell’Orissa. In seguito sottolinea: “Tutte le famiglie dell’Orissa pregano per l’incontro [di Dublino], inviano le loro preghiere e chiedono benedizioni per l’Orissa, l’India e tutto il mondo”.

Secondo l’arcivescovo, le preghiere dei cristiani del Kandhamal, segnato nel 2008 dalla più feroce persecuzione anti-cristiana mai compiuta in India, “sono un dono per tutti”. Con queste preghiere, aggiunge, “vogliamo rafforzare le famiglie, rendere più forti i legami e costruire i rapporti familiari”.

Mons. Barwa evidenzia che “le sfide esistono in ogni famiglia, a prescindere dalla ricchezza o dalla povertà, dall’appartenenza di casta o gruppo tribale. Però queste sfide possono essere superate affidandoci a Cristo”. In seguito ricorda che dopo i pogrom del 2008, “l’associazione ‘Coppie per Cristo’, ha servito qui per un anno e ha aiutato a ricostruire le famiglie straziate dal dolore. In quel periodo uno di loro si è ammalato ed è stato ricoverato in ospedale. Appena guarito, è tornato ad occuparsi delle famiglie. Egli è stato un grande testimone [della fede]”.

L’arcivescovo sostiene che “la comunità cristiana crede in un Dio, che è Dio di perdono, riconciliazione e pace. Anche dopo 10 anni, ricordiamo quanto l’odio e la rabbia possano ferire la nostra società. Desideriamo ricordare cosa è accaduto perché non accada di nuovo. Non abbiamo ostilità verso nessuno. Come san Paolo apostolo, crediamo che ‘siamo infatti tribolati da ogni parte, ma non schiacciati; siamo sconvolti, ma non disperati; perseguitati, ma non abbandonati; colpiti, ma non uccisi’ (2Cor. 4: 8-9)”. “Questo – continua l’arcivescovo – è il potere della Buona Novella per le famiglie, cioè che Gesù Cristo vince ogni problema e tribolazione”. Infine invita: “Non abbiate paura, ponete la vostra fiducia in Gesù, pregate e digiunate. E tutte le difficoltà saranno superate”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Incontro mondiale delle famiglie: niente visto per le famiglie palestinesi e giordane
25/08/2018 08:05
Papa in Irlanda: ‘Un Rosario d’oro per la Madre’ a Knock
26/08/2018 11:45
Papa in Irlanda: Una Pentecoste domestica per le famiglie. La lunga lista di richieste di perdono
26/08/2018 17:47
Papa in Irlanda: La polifonia contemporanea, la melodia del messaggio cristiano, lo scandalo pedofili
25/08/2018 14:03
Rifiutati i visti ai pakistani per la Giornata mondiale delle famiglie in Irlanda
08/08/2018 12:47