24/01/2020, 08.54
SIRIA
Invia ad un amico

Mons. Nassar: il cibo ‘incubo ricorrente’ nella Quaresima anticipata dei siriani

di Samir Nassar*

L’arcivescovo di Damasco lancia l’allarme: dall’austerità si è passati alla povertà diffusa. I salari sono diminuiti del 50% in soli tre mesi. Crisi libanese e tensioni Usa-Iran hanno acuito una realtà già difficile per la guerra. Nel dramma emerge una “nuova vocazione” fondata “sull’amore, sul perdono, sulla condivisione, sulla compassione”. 

Damasco (AsiaNews) - Assicurare il pane quotidiano “è diventato l’incubo ricorrente” di ogni giornata e la Chiesa è diventata sempre più “un muro del pianto” dove si viene per “gridare aiuto” o “cercare nel silenzio un po’ di consolazione”. È quanto racconta mons. Samir Nassar, arcivescovo maronita di Damasco, in una testimonianza inviata ad AsiaNews che testimonia le drammatiche condizioni in cui versa la popolazione siriana. “Immaginate che la vostra famiglia - aggiunge il prelato - debba sopravvivere con un salario che è diminuito almeno del 50% in tre mesi. Uno scenario caotico che stravolge l’esistenza“. 

Quasi nove anni di guerra civile, le violenze dei gruppi jihadisti (da al-Nusra allo Stato islamico) che hanno insanguinato gran parte del territorio, l’emergenza profughi, le sanzioni internazionali contro Damasco e la crisi delle banche libanesi hanno messo in ginocchio il Paese. E i più colpiti, osserva mons. Nassar, sono “soprattutto i più fragili, i malati, i bambini e gli anziani“. Una crisi “mai vista prima” e che “getta i nostri fedeli in un tempo di digiuno e Quaresima anticipato”.
Ecco, di seguito, la testimonianza dell’arcivescovo di Damasco:

Dall’austerità alla povertà

Immaginate che la vostra famiglia debba sopravvivere con un salario che è diminuito almeno del 50% in tre mesi. Uno scenario caotico che stravolge l’esistenza, che ha fatto innalzare in maniera vertiginosa i prezzi e che finisce per colpire la vita quotidiana di tutte le famiglie, in particolare modo quelle più povere e modeste. 

Infatti, l’inflazione vertiginosa e l’impennata dei prezzi si ripercuotono su cittadini che già vivono in condizioni di austerità, facendo sperimentare loro povertà e una grande miseria. 

La mancanza di carburante, del gas per uso domestico e della corrente elettrica, hanno fatto precipitare i più vulnerabili - soprattutto i più fragili, i malati, i bambini e gli anziani - nella più completa oscurità. Un dramma acuito dalle temperature glaciali, i cui effetti possono essere letali.  

Carità congelata

La crisi bancaria del Libano ha di fatto bloccato i conti correnti dei siriani, sia quelli dei privati cittadini che delle imprese. Fra queste ultime sono comprese anche le associazioni caritative, che oggi sono costretti a dichiararsi incapaci di operare in un contesto contraddistinto da profonde ed enormi difficoltà. Sono giorni di miseria. 

Oggi non è più possibile far fronte alle esigenze di base e ai bisogni primari e i poveri sono abbandonati a loro stessi e al loro triste destino. I loro miseri risparmi sono bloccati o congelati negli istituti bancari, pressoché inaccessibili.

Le condizioni socio-economiche della popolazione si fanno ogni giorno di più urgenti e drammatiche, e rischiano di aggravarsi ancora di più anche e soprattutto per il braccio di ferro in atto fra Iran e Stati Uniti. Uno scontro frontale che blocca la strada ai vari “Simone di Cirene” che cercano di portare aiuto, e impediscono di fatto qualsiasi forma di compassione, lasciando aperta la via dell’escalation e a un peggioramento ulteriore della situazione. 

Quaresima anticipata

Questa crisi mai vista prima, nemmeno durante gli anni della guerra, getta i nostri fedeli in un tempo di digiuno e di Quaresima anticipato. Assicurare il pane quotidiano e un po’ di cibo sulle tavole è diventato l’incubo ricorrente di ogni giornata. Questa condizione del tutto nuova ha impoverito la Chiesa stessa, un “muro del pianto” dove ciascuno viene per piangere lacrime, gridare aiuto, cercare senza ostentarlo e nel silenzio più assoluto un po’ di consolazione. Un modo per vivere la passione di Cristo ben prima della Settimana Santa.

Sta emergendo sempre più una nuova vocazione con i colori delle Beatitudini e fondata sull’amore, sul perdono, sulla condivisione, sulla compassione. Una vocazione che è illuminata dalla luce della speranza della Pasqua.

Quaresima 2020

* Arcivescovo maronita di Damasco

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Nunzio a Damasco: Non dimenticate i siriani e pregate per loro
27/11/2012
Nunzio a Damasco: colpi di mortaio sulla città vecchia, ancora vittime fra i cristiani
23/01/2018 10:44
Elezioni confuse, ma utili per far dimenticare la repressione
14/12/2011
Israele attacca (di nuovo) obiettivi iraniani in Siria, 11 morti
21/01/2019 08:53
Lo Stato islamico rivendica gli attacchi bomba a Damasco e Homs: 140 morti
22/02/2016 08:59