30 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 18/01/2005
cina - hong kong
Morte di Zhao: poco risalto sui media

Il governo difende il massacro di Tiananmen. Negato al parlamento di Hong Kong un minuto di silenzio per la morte dell'ex leader.



Pechino-Hong Kong (AsiaNews/Agenzie) –La morte di Zhao Ziyang ha avuto molto risalto in tutto il mondo, meno che in Cina. Unica segnalazione è lo scarno comunicato della Xinhua (4 righe), riportato da alcuni portali. Ma né televisioni, né giornali della sera hanno riportato la notizia.

Il governo non ha permesso nemmeno discussioni sul tema nelle chat. I forum su Sina.com e Sohu, i portali più diffusi nel paese, sono stati immediatamente bloccati. Un responsabile di Sina.com ha dichiarato che per  ragioni  che "ognuno può capire", ha ricevuto "ordini superiori" di chiudere  le chat sull'argomento.

Solo in qualche sito universitario, della Qinghua e della Beida,  vi sono stati commenti. Le università erano comunque calme, anche a causa della vacanze invernali.

La morte di Zhao è legata in modo diretto alla soppressione violenta del movimento pro-democratico dell'89. Oggi a una conferenza stampa, il ministro degli esteri Kong Quan, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha difeso ancora una volta l'operato del governo

"I sommovimenti politici e il problema di Zhao – ha detto Kong – sono ormai passati. Gli ultimi 15 anni hanno mostrato che la decisione della Cina era giusta. La stabilità e lo sviluppo del paese sono negli interessi della Cina e del mondo intero. Ciò che è accaduto negli ultimi anni ha ormai mostrato che il giudizio di allora era giusto".

Intanto ad Hong Kong, una richiesta di osservare un minuto di silenzio per la morte di Zhao Ziyang è stata rifiutata da Rita Fan, presidente del Legco e notoriamente filo-cinese. Nel 1984  Zhao Ziyang  fu il firmatario, insieme a Margaret Thatcher della Dichiarazione Comune sul futuro di Hong Kong, che prevedeva il ritorno del territorio alla madrepatria garantendo un "alto grado di autonomia".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/01/2005 cina
É morto l'ex segretario del partito Zhao Ziyang
17/01/2005 CINA
Dissidente di Tiananmen: il coraggio di Zhao Ziyang, la paura del partito
di Cai Chongguo
17/01/2005 CINA
Zhao Ziyang, un profeta per la Cina di oggi
di Bernardo Cervellera
22/01/2005 HONG KONG - CINA
In 15 mila alla veglia per Zhao Ziyang
28/01/2005 cina
Ai funerali di Zhao attese centinaia di persone

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate