20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/01/2017, 11.00

    KAZAKHSTAN - RUSSIA - USA

    Mosca invita la nuova amministrazione Trump ai colloqui di pace sulla Siria ad Astana



    Il Cremlino avrebbe bypassato il presidente Obama, mai coinvolto nei lavori di preparazione dell’incontro nella capitale kazaka. In caso di invito, l’amministrazione uscente raccomanda a Trump di “onorare l’impegno”. La Russia favorevole a una partecipazione “più ampia possibile”. Secondo Ankara la presenza degli Stati Uniti è necessaria. 

     

    Astana (AsiaNews/Agenzie) - Mosca avrebbe invitato la futura amministrazione Usa, guidata dal neo presidente Donald Trump pronto a insediarsi alla Casa Bianca il prossimo 20 gennaio, ai colloqui di pace sulla Siria in programma ad Astana il 23 gennaio. È quanto riferisce il Washington Post, secondo cui il Cremlino avrebbe bypassato l’amministrazione uscente di Barack Obama, mai coinvolta nei lavori preparatori agli incontri in programma nella capitale del Kazakhstan, frutto della mediazione di Russia e Turchia (e Iran). 

    Nei giorni scorsi Ankara aveva anticipato la possibilità di un invito esteso anche a Washington, ma dalla Russia non erano giunte conferme, né smentite al riguardo. Sulla vicenda era intervenuto ieri Mark Toner, portavoce del Dipartimento di Stato Usa, secondo cui non è arrivato “alcun invito formale” a prendere parte ai colloqui. Tuttavia, ha aggiunto l’alto funzionario, “se dovessimo riceverlo, di certo raccomanderemo” all’amministrazione entrante guidata da Trump di “onorare l’impegno”. 

    I colloqui di pace di Astana - mediati da Russia e Turchia, che hanno favorito pure la proclamazione di una “fragile” tregua nazionale in Siria, in vigore dalla mezzanotte del 30 dicembre - si apriranno il 23 gennaio, a tre giorni dall’insediamento del prossimo presidente Usa. Fonti diplomatiche riferiscono che gli inviti al tavolo delle trattative devono essere ancora spediti e le modalità di svolgimento dell’incontro restano ancora oscure.  

    Tuttavia, secondo il quotidiano statunitense l’ambasciatore russo a Washington Sergey Kislyak ha esteso al futuro governo americano la partecipazione ai colloqui; l’invito sarebbe emerso nel corso di una telefonata risalente al 28 dicembre fra il diplomatico russo e Michael Flynn, consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump.

    Ad oggi non vi sarebbe ancora una “decisione ufficiale” della futura leadership americana, la quale però ha già mostrato più di un’apertura in queste settimane verso il Cremlino e sui futuri rapporti fra Usa e Russia. Washington non ha avuto alcun ruolo nell’organizzazione dell’incontro di Astana, ma il portavoce del Dipartimento di Stato precisa che “abbiamo sempre mantenuto stretti contatti sia con la Russia che con la Turchia su questo punto”. E incoraggiamo l’amministrazione entrante, aggiunge, a “proseguire in questi sforzi”. 

    Il governo russo, che con l’arrivo di Trump conta di migliorare le relazioni con la Casa Bianca, non ha sinora chiarito la questione relativa all’invito a Washington; Mosca resta però “favorevole a una partecipazione più ampia possibile di tutte le parti in causa”. Dal canto suo, il capo della diplomazia turca Mevlut Cavusoglu ha aggiunto che gli Stati Uniti “dovrebbero di certo essere invitati” e che Mosca e Ankara sono “d’accordo” su questo punto. 

    I colloqui di pace di Astana dovrebbero fungere da preambolo a un nuovo round dei negoziati fra governo siriano e opposizioni, in programma a Ginevra il prossimo 8 febbraio sotto l’egida delle Nazioni Unite. Nei mesi scorsi si sono tenuti altri due incontri fra le parti nella città svizzera, che non hanno però sortito risultati concreti e duraturi in un’ottica di pace. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/01/2017 08:54:00 TURCHIA - RUSSIA - IRAN
    Per la prima volta raid aerei congiunti di Russia e Turchia contro l'Isis

    Centrate postazioni jihadiste ad al-Bab, cittadina a 20 km dal confine turco. Una collaborazione “inusuale” fra fronti un tempo contrapposti. Portavoce russo: Diversi mezzi coinvolti, operazioni “molto efficaci”. L’Iran contrario alla “ostile” presenza americana ai colloqui di pace di Astana. 

     



    23/01/2017 15:04:00 KAZAKHSTAN - SIRIA
    Astana: al via i colloqui di pace sulla Siria, “guerra verbale” fra governo e ribelli

    Per la prima volta sono presenti delegati governativi e rappresentanti dei gruppi armati. Per volere dei ribelli la prima sessione “non sarà faccia a faccia”: una protesta per il mancato “rispetto” da parte del governo dei termini della tregua. Il capo negoziatore di Damasco parla di atteggiamento “provocatorio” delle opposizioni. Il ruolo della Russia e la svolta turca. 

     



    17/01/2017 12:50:00 SIRIA - KAZAKHSTAN
    Astana, ai colloqui di pace sulla Siria presenti "tutti" i gruppi ribelli

    L’incontro nella capitale del Kazakhstan, mediato da Russia e Turchia. Leader ribelle: Partecipiamo per mettere fine ai “crimini” del governo siriano. Assad “ottimista” in vista del raduno. Lavrov: Essenziale “consolidare” il cessate il fuoco, coinvolgere i leader degli oppositori “nel processo politico”. 

     



    11/01/2017 12:50:00 KAZAKSTAN - SIRIA
    Astana: Pronti per la Conferenza di pace sulla Siria, l’opposizione resta divisa

    Il Kazakistan si limita a ospitare l’evento e non avrà un ruolo attivo nei colloqui. Confermato il ruolo di primo piano di Russia, Iran e Turchia nella crisi regionale. Erdogan rilancia la partnership con Mosca. All’incontro presenti solo i gruppi di opposizione siriana patrocinati da Ankara. Bloccata la partecipazione di altre delegazioni.

     



    30/09/2016 11:23:00 SIRIA - RUSSIA - STATI UNITI
    A rischio i colloqui Usa-Russia sulla Siria. Decine di famiglie in fuga da Aleppo est

    Mosca (e Damasco) continuano la campagna di bombardamenti sul settore orientale. Portavoce del Cremlino: dagli Stati Uniti “retorica poco costruttiva”. La replica di Kerry: Washington “sul punto” di interrompere le trattative. Le testimonianze delle famiglie di Aleppo fuggite dal settore in mano ai ribelli. I Paesi del Golfo pronti a fornire nuove armi alle milizie anti-governative. 





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®