18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/03/2017, 09.34

    IRAQ

    Mosul: un palazzo assiro sotto le rovine della tomba di Giona, devastata dall’Isis



    Eccezionale scoperta di un gruppo di archeologi rientrati nell’area per valutare le distruzioni compiute dallo Stato islamico. Rinvenuto un palazzo di epoca assira, risalente al 600 a.C. Il sito rinvenuto percorrendo i tunnel scavati dai jihadisti, che hanno trafugato e venduto manufatti presenti all’interno. Allarme degli esperti: rischio crolli, accelerare i lavori.

    Baghdad (AsiaNews) - Sepolti sotto le rovine della tomba di Giona, su una collina che domina la parte orientale di Mosul, in uno dei siti storici più importanti e devastati dello Stato islamico (SI) in Iraq, sono emersi i resiti di una palazzo di epoca assira. È la scoperta fatta in questi giorni da un gruppo di archeologi nella piana di Ninive, impegnati nell’opera di recupero del santuario che, secondo la tradizione, contiene i resti del profeta caro a ebrei, cristiani e musulmani. I jihadisti avevano distrutto la tomba nel luglio del 2014, poco dopo aver assunto il controllo della seconda città per importanza del Paese.

    Il mese scorso, dopo la riconquista da parte dell’esercito governativo del settore orientale di Mosul, un team di archeologi ha iniziato un lavoro di documentazione dei danni provocati dallo SI. Durante i lavori, l’eccezionale scoperta: sepolto sotto il santuario vi era un palazzo di epoca assira, risalente al 600 a.C., all’epoca del re Sennacherib, mai emerso prima di allora.

    Nell’estate del 2014, in concomitanza con l’ascesa dello Stato islamico, il mondo ha assistito impotente alle devastazioni compiute dagli uomini del “Califfato” contro templi, statue e altre antichità. Oltre al tempio di Giona in Iraq, il tempio di Mar Elian e il sito storico di Palmira nella vicina Siria.

    Secondo l’Unesco si è trattato delle “più brutali” distruzioni dalla Seconda guerra mondiale.

    A fine febbraio l’esercito governativo e le milizie curde, impegnate nell’offensiva lanciata il 17 ottobre scorso, sono riuscite a strappare il controllo dell’area di Nebi Yunus alle milizie di Daesh [acronimo arabo per lo SI]; migliaia di persone hanno abbandonato le loro case, per sfuggire ai combattimenti.

    Durante le prime fasi di valutazione delle devastazioni compiute dallo SI, gli archeologi hanno scoperto una serie di tunnel nella parte sottostante il tempio, scavate dai jihadisti col probabile obiettivo di cercare manufatti e reperti da rivendere al mercato nero. Uno dei traffici, insieme al petrolio, che hanno alimentato le casse del movimento estremista sunnita.

    Percorrendo questi tunnel, gli esperti si sono imbattuti in un palazzo “ancora integro” risalente a più di 2600 anni fa. “Posso solo immaginare quante cose ha ritrovato Daesh - ha affermato al Telegraph l’archeologa Layla Salih, alla guida di un team di cinque ricercatori - prima del nostro arrivo”. “Riteniamo che abbiano prelevato la maggior parte dei manufatti - ha aggiunto l’esperta - come ceramiche e pezzi più piccoli, da rivendere. Tuttavia, ciò che hanno lasciato sarà oggetto di studio e ci aiuterà nella conoscenza di quel periodo”.

    Secondo gli esperti il palazzo oggetto della scoperta - sfuggita sia agli ottomani a metà XIX secolo che al governo irakeno un secolo più tardi - è legato a tre generazioni di re assiri, sebbene sia stato costruito in origine per re Sennacherib (705 e i 681 a.C.) La struttura è stata danneggiata in parte nel 612, quando una coalizione di medei, babilonesi e altri gruppi ha saccheggiato la piana di Ninive e messo fine alla dominazione assira.

    Nonostante i saccheggi perpetrati dallo SI, secondo gli archeologi sono rimasti alcuni oggetti di grande importanza fra cui una iscrizione cuneiforme in marmo; quella cuneiforme, assai diffusa fra le antiche civiltà della Mesopotamia, ha rappresentato una delle prime tipologie di scrittura. Gli esperti devono lavorare in fretta, lancia l’allarme Layla Salih, perché i tunnel sono a rischio collasso “entro le prossime settimane”. Se ciò accadrà, quanto è conservato al suo interno rischia di sparire di nuovo, e forse per sempre.

    Durante il periodo in cui lo Stato islamico ha dominato su Mosul e la piana di Ninive, i jihadisti hanno chiuso diversi musei e siti culturali; archeologi ed esperti di storia sono stati costretti a fuggire, per evitare di essere giustiziati come avvenuto per il direttore del sito di Palmira. I seguaci del “Califfato” ritengono che le tombe, le reliquie, le statue siano contrari ai precetti dell’islam. Da qui la distruzione sistematica di tutti quei manufatti che non potevano essere venduti al mercato nero.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/06/2017 07:17:00 IRAQ
    Mosul, distrutta la moschea Al-Nouri. Accuse reciproche fra Isis e Stati Uniti

    In quella moschea al Baghdadi proclamò il califfato nel 2014. Al-Abadi: È una dichiarazione ufficiale di sconfitta”. Moschea e minareto pendente erano fra i più antichi monumenti della città, datati verso il XII secolo. La città vecchia di Mosul è da giorni sotto assedio. Secondo l’Isis le distruzioni sono state causate dai radi americani.



    12/11/2015 IRAQ
    Al via l’offensiva dei peshmerga curdi contro lo Stato islamico per riconquistare Sinjar
    Almeno 7.500 militari sono impegnati nell’operazione. L’attacco di terra, cui partecipano anche milizie yazide, è sostenuto dai raid aerei della coalizione Usa. L’obiettivo è tagliare ai jihadisti la principale via di comunicazione fra Mosul e la Siria. L’offensiva in programma da tempo ma rimandata per le condizioni meteo e i contrasti interni ai vari gruppi.

    20/02/2016 09:14:00 IRAQ
    Raddoppia il numero di bambini soldato morti combattendo per lo Stato islamico

    La denuncia è di un gruppo di ricercatori statunitensi, che hanno tracciato propaganda ed elogi funebri. Nel 2015 le vittime superiori “del doppio” rispetto al passato. Il 39% dei minori morto in attacchi con autobombe, il 33% in battaglia. Il 60% avrebbe un’età compresa fra i 12 e i 16 anni, il 6% è fra gli otto e i 12 anni.



    12/07/2017 11:27:00 IRAQ
    Mar Sako: dopo la liberazione di Mosul, cancellare l’ideologia jihadista e costruire la pace

    Il patriarca caldeo apprezza gli sforzi di esercito irakeno e Peshmerga che hanno portato alla vittoria nella ex roccaforte del Califfato. Egli delinea la “lunga e faticosa” strada che porta a una sicurezza duratura. Ancora isolati episodi di violenza in città. Premier irakeno: la convivenza “assieme” ai “fratelli cristiani” è la “risposta naturale” a Daesh. Morto al Baghdadi, mancano conferme.

     



    10/07/2017 11:57:00 IRAQ
    Il premier irakeno annuncia la “liberazione” di Mosul. Ma restano sacche di resistenza Isis

    Al-Abadi parla di “vittoria” sullo Stato islamico e di città libera. Ma restano “una o due sacche” di resistenza nei pressi della Città vecchia. Fonti di AsiaNews: “Presto” per dire che è finita, ancora “elementi” operativi e si attende l’annuncio ufficiale. Gli sfollati e l’incognita per il futuro.

     





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®