24 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/03/2017, 12.24

    MYANMAR

    Myanmar, giornalista accusato di diffamazione nei confronti di un monaco nazionalista



    Il cronista rischia tre anni di carcere.  Il religioso aveva definito “difensori della razza e della religione” gli assassini di un avvocato musulmano oppositore del potere militare. L’accusato: “Inaccettabili le istigazioni all’odio”.

    Yangon (AsiaNews/Rfa) – Le forze di polizia del Myanmar hanno reso pubblico ieri che Swe Win, importante giornalista e direttore di Myanmar Now, è accusato di diffamazione. La scorsa settimana il cronista aveva utilizzato un suo account Facebook per criticare un monaco buddista nazionalista che aveva elogiato l'assassinio di Ko Ni, uno dei più importanti avvocati musulmani della nazione, avvenuto in gennaio. L’avvocato era uno dei più apprezzati collaboratori di Aung San Suu Kyi, attuale consigliere di Stato, ministro degli Esteri e dell'Ufficio del Presidente del Myanmar.

    La denuncia è stata presentata da Kyaw Myo Shwe, seguace di Wirathu, vice presidente del movimento nazionalista buddista Ma Ba Tha. Egli afferma che il giornalista ha diffamato il monaco con il suo articolo, apparso sull’account Facebook “Ba Kaung”.

    Il 28 febbraio scorso, Swe Win aveva usato il proprio account per lanciare una dura critica nei confronti di Wirathu. Nel suo post, il giornalista aveva affermato che quella di Wirathu era “una grave violazione della parajika (il codice monastico buddista)". Il monaco nazionalista aveva espresso apprezzamento per il brutale assassinio di Ko Ni, critico del potere militare in Myanmar, definendo “difensori della razza e della religione del Myanmar” i colpevoli. L’assassino dell’avvocato era stato assunto da un ex ufficiale militare, tuttora in fuga.

    Nella giornata di ieri, Swe Win ha difeso il suo post e ha affermato: “non posso consentire che Ma Ba Tha istighi all'odio in Myanmar sotto la copertura della religione”. “Stanno commettendo crimini di odio – ha continuato il giornalista – stanno distribuendo materiale che non è in linea con gli insegnamenti del Buddha. Quello di Wirathu è sostegno e incitamento all’omicidio”. L’accusato ha poi messo in dubbio l’opportunità dell’apertura di un caso per diffamazione contro di lui.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/02/2017 10:56:00 MYANMAR
    Aung San Suu Kyi: la morte dell’avvocato musulmano “grande perdita” per il Myanmar

    Dopo quasi un mese di silenzio la Nobel per la pace e ministro degli Esteri parla dell’assassinio di Ko Ni. Per la leader Nld è un “martire” che ha speso la vita per migliorare il Paese. Tuttavia, nell’ultimo periodo egli non aveva risparmiato critiche nemmeno al partito di governo per la crescente “islamofobia”.

     



    03/08/2016 10:07:00 MYANMAR
    Myanmar, la svolta democratica aiuta il settore del turismo

    Il Paese sta diventando la meta emergente del sud-est asiatico. Quest’anno registrato un aumento di un milione di visite rispetto al 2015. Le vittoria di Aung San Suu Kyi e la caduta delle sanzioni internazionali danno nuovo impulso al settore. L’obiettivo è arrivare a 7,5 milioni di turisti entro il 2019.

     



    09/01/2006 MYANMAR – ONU
    Myanmar: si dimette il rappresentante Onu

    Negli ultimi 22 mesi Razali Ismail non è stato autorizzato ad incontrare la classe dirigente.Richiesta di maggior rigore all'Asean.



    30/11/2005 MYANMAR
    Washington: l'Onu si occupi dei diritti umani in Myanmar

    Consegnato un resoconto sul "deteriorarsi della situazione" nell'ex Birmania. Intanto il governo del Myanmar prosegue i lavori per spostare la capitale nel centro del Paese. I militari, secondo il generale Sarki dell'Unione nazionalista Karen, sperano di controllare meglio le zone ribelli.



    03/04/2017 11:31:00 MYANMAR
    Elezioni in Myanmar, Aung San Suu Kyi perde il voto delle minoranze etniche

    Le consultazioni condizionate da una forte disillusione nei confronti del partito della Signora. Le tensioni etniche crescono e l’economica stenta a migliorare. La Nld ha ottenuto buoni risultati nelle aree attorno alla capitale commerciale Yangon e più a nord nelle regioni centrali. Le sconfitte più pesanti si registrano nelle zone remote del Paese.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®