22 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/10/2008
MYANMAR – CINA
Myanmar, ribelli Kachin contro le dighe lungo il confine cinese
Gli indipendentisti denunciano il mancato coinvolgimento della popolazione sulla costruzione di nove centrali idroelettriche. Essi hanno bloccato i lavori, ma dietro il pagamento di una “tassa” hanno ritirato le milizie. Ambientalisti temono possibili danni all’ecosistema.

Yangon (AsiaNews) – Il movimento indipendentista Kachin (Kio) è contrario alla costruzione di una serie di dighe idroelettriche lungo il confine settentrionale fra Myanmar e Cina. Lo rivelano fonti vicine al gruppo etnico ribelle che, pur avendo firmato un trattato di pace con la giunta birmana nel 1994, esercita un forte controllo nell’area e non di rado ingaggia scontri a fuoco con le truppe governative.

I Kachin denunciano il loro mancato coinvolgimento in occasione dell’accordo, sottoscritto nel 2007, fra la dittatura al potere e i funzionari della multinazionale China Datang Corporation (Cdc); esso prevede la costruzione di nove centrali idroelettriche, lungo il confine cinese.

Le tensioni sono scoppiate due settimane fa per il rifiuto, da parte delle autorità cinesi, di pagare una sorta di “tassa sui lavori” ai leader dell’etnia ribelle; per tutta risposta i combattenti hanno spedito gruppi di miliziani nei pressi dei cantieri per bloccare la costruzione delle dighe. La Tarpein 1 e la Tarpein 2 sono le prime due di una serie di nove dighe volute dal Ministero birmano dell’energia in collaborazione con aziende cinesi. Esse prendono il nome dall’omonimo fiume che bagna la cittadina settentrionale di Momauk e forniranno, una volta entrate in funzione a pieno regime, rispettivamente 240 e 168 megawatt.

Fonti vicine al movimento indipendentista confermano che i lavori sono ripresi una settimana fa, dietro pagamento di 1,5 milioni di yuan (poco più di 220mila dollari) da parte dei vertici delle imprese costruttrici. Artefice dell’accordo, il nuovo comandante della brigata nord, il generale Soe Win, che ha mediato fra le parti e ha permesso la ripresa dei lavori.

Il progetto birmano-cinese, oltre a interessi economici e di controllo del territorio, ha scatenato le proteste degli ecologisti che paventano pesanti ripercussioni sull’ecosistema ambientale. “Il timore – rivela l’esperto di ambiente Naw La in un’intervista all’Irrawaddy – è che la popolazione locale non venga coinvolta nel progetto e ne debba pagare le conseguenze. A trarre i benefici saranno solo il governo birmano e le aziende cinesi, mentre gli abitanti dei villaggi subiranno gravi danni causati dalla deforestazione e dalle alluvioni”.

Delle nove centrali idroelettriche in costruzione, la più importante è quella di Myitsone: essa sorgerà 42 km a nord di Myitkyina, capitale dello stato di Kachin, e avrà una portata di circa 3.600 megawatt di energia.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/06/2011 MYANMAR
Ancora scontri fra Kachin ed esercito birmano, arrestati due leader politici
26/03/2014 MYANMAR - CINA
La "lunga marcia" degli attivisti birmani per la chiusura della diga di Myitsone
12/07/2013 BHUTAN – INDIA
Bhutan, energia idroelettrica “oro bianco” che attira l’interesse indiano
17/07/2009 MYANMAR – CINA
Myanmar: nonostante le sanzioni, crescono gli investimenti. Alla Cina l’87% del mercato
01/07/2011 MYANMAR
Soldati birmani in borghese assaltano e derubano la popolazione kachin

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate