5 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/10/2008
MYANMAR – CINA
Myanmar, ribelli Kachin contro le dighe lungo il confine cinese
Gli indipendentisti denunciano il mancato coinvolgimento della popolazione sulla costruzione di nove centrali idroelettriche. Essi hanno bloccato i lavori, ma dietro il pagamento di una “tassa” hanno ritirato le milizie. Ambientalisti temono possibili danni all’ecosistema.

Yangon (AsiaNews) – Il movimento indipendentista Kachin (Kio) è contrario alla costruzione di una serie di dighe idroelettriche lungo il confine settentrionale fra Myanmar e Cina. Lo rivelano fonti vicine al gruppo etnico ribelle che, pur avendo firmato un trattato di pace con la giunta birmana nel 1994, esercita un forte controllo nell’area e non di rado ingaggia scontri a fuoco con le truppe governative.

I Kachin denunciano il loro mancato coinvolgimento in occasione dell’accordo, sottoscritto nel 2007, fra la dittatura al potere e i funzionari della multinazionale China Datang Corporation (Cdc); esso prevede la costruzione di nove centrali idroelettriche, lungo il confine cinese.

Le tensioni sono scoppiate due settimane fa per il rifiuto, da parte delle autorità cinesi, di pagare una sorta di “tassa sui lavori” ai leader dell’etnia ribelle; per tutta risposta i combattenti hanno spedito gruppi di miliziani nei pressi dei cantieri per bloccare la costruzione delle dighe. La Tarpein 1 e la Tarpein 2 sono le prime due di una serie di nove dighe volute dal Ministero birmano dell’energia in collaborazione con aziende cinesi. Esse prendono il nome dall’omonimo fiume che bagna la cittadina settentrionale di Momauk e forniranno, una volta entrate in funzione a pieno regime, rispettivamente 240 e 168 megawatt.

Fonti vicine al movimento indipendentista confermano che i lavori sono ripresi una settimana fa, dietro pagamento di 1,5 milioni di yuan (poco più di 220mila dollari) da parte dei vertici delle imprese costruttrici. Artefice dell’accordo, il nuovo comandante della brigata nord, il generale Soe Win, che ha mediato fra le parti e ha permesso la ripresa dei lavori.

Il progetto birmano-cinese, oltre a interessi economici e di controllo del territorio, ha scatenato le proteste degli ecologisti che paventano pesanti ripercussioni sull’ecosistema ambientale. “Il timore – rivela l’esperto di ambiente Naw La in un’intervista all’Irrawaddy – è che la popolazione locale non venga coinvolta nel progetto e ne debba pagare le conseguenze. A trarre i benefici saranno solo il governo birmano e le aziende cinesi, mentre gli abitanti dei villaggi subiranno gravi danni causati dalla deforestazione e dalle alluvioni”.

Delle nove centrali idroelettriche in costruzione, la più importante è quella di Myitsone: essa sorgerà 42 km a nord di Myitkyina, capitale dello stato di Kachin, e avrà una portata di circa 3.600 megawatt di energia.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/06/2011 MYANMAR
Ancora scontri fra Kachin ed esercito birmano, arrestati due leader politici
26/03/2014 MYANMAR - CINA
La "lunga marcia" degli attivisti birmani per la chiusura della diga di Myitsone
17/07/2009 MYANMAR – CINA
Myanmar: nonostante le sanzioni, crescono gli investimenti. Alla Cina l’87% del mercato
12/07/2013 BHUTAN – INDIA
Bhutan, energia idroelettrica “oro bianco” che attira l’interesse indiano
11/01/2010 INDIA – MYANMAR
Yangon, le condanne a morte un mezzo per eliminare gli oppositori al regime
di Tint Swe

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate