20 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/02/2007, 00.00

    MEDIO ORIENTE

    Nei colloqui tra Hamas e Fatah si gioca anche il confronto Iran-Arabia Saudita

    Paul Dakiki

    Un successo dell’incontro tra le fazioni palestinesi segnerebbe un punto per Riyadh nella partita per la leadership in Medio Oriente.

    Beirut (AsiaNews) – “Non torneremo senza avere buone notizie”: arrivano ottimismo e dichiarazioni di disponibilità dai colloqui in corso alla Mecca tra Fatah e Hamas, che vedono intorno allo stesso tavolo il presidente dell’Anp Mahmoud Abbas ed il leader politico di Hamas, Khaled Meshaal, insieme con il primo ministro Ismail Haniyeh. Fortemente voluto dall’Arabia saudita, il dialogo viene definito dalla stampa di Riyadh e dei altri Paesi arabi come “ultima chance” per evitare una guerra civile.

    Oltre che per i palestinesi e per una possibile pacificazione della regione, i colloqui della Mecca rappresentano un passo ulteriore dell’offensiva diplomatica lanciata dall’Arabia Saudita per affermare la sua leadership nel mondo arabo – almeno in quello, maggioritario, sunnita – di fronte al tentativo iraniano di assumere lo stesso ruolo. Teheran sta facendo leva non solo sugli sciiti – gruppo più numeroso dell’Iraq, ma presenti come minoranze in quasi tutto il Medio Oriente – ma anche sui movimenti fondamentalisti, come appunto Hamas, e su una Siria che l’Occidente ha emarginato. Nella sua scalata alla leadership islamica, il regime degli ayatollah punta poi su un antiamericanismo plateale e duro, oltre che sulla convinzione, diffusa in Medio Oriente tra la popolazione e tra i governi, che Teheran si prepara ad avere l’arma atomica. Quanto sta accadendo in Libano, con gli scontri tra gli sciiti di Hezbollah e Amal – all’opposizione - contro i sunniti che esprimono il governo del primo ministro Fouad Siniora, è infine visto dai conservatori di Riyadh - ma anche al Cairo, ad Amman e nei Paesi del Golfo – come una conferma dell’intenzione di Teheran di dar vita ad una “mezzaluna sciita” che sostenga i movimenti islamici di tutta la regione.

    L’Arabia saudita è al contrattacco. Offrendo un miliardo di dollari al Libano nell’ambito della Conferenza dei Paesi donatori, svoltasi a Parigi il 25 gennaio, ha dato un sostegno al governo Siniora ed ora l’invito ai palestinesi di venire alla Mecca per cercare una soluzione ai loro contrasti, se porterà ad un risultato concreto, offrirà grande prestigio in tutto il Medio Oriente.

    Ed intanto i sauditi hanno abbandonato il loro tradizionale modus operandi diplomatico, fatto soprattutto di silenziose sovvenzioni. Ci sono anche dei colloqui con gli iraniani, con scambi di visite e l’affermazione che se gli americano dovessero lasciare l’Iraq, Riyadh offrirebbe ai sunniti di Baghdad tutto l’aiuto possibile.

     “Stiamo parlando con gli iraniani – ha detto oggi il ministro degli esteri saudita Saud al-Faisal, intervistato dallo Spiegel – Si sentono isolati ed incapaci di giocare il ruolo che sentono di avere.  Abbiamo detto loro: se volete avere un ruolo di leader, dovete rispettare gli interessi degli altri e non solo perseguire esclusivamente i vostri obiettivi strategici. Avere buone intenzioni non basta: dovete dimostrare, con le vostre azioni, che non state sobillando lo scontro tra sunniti e sciiti”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/11/2009 ARABIA SAUDITA – IRAN
    Re Abdullah avverte Khamenei: no alla “politicizzazione” del pellegrinaggio alla Mecca
    Il "Custode" dei luoghi santi dell’islam sottolinea che non verranno tollerate manifestazioni di protesta o attività che mettano a repentaglio la sicurezza dei fedeli. Un riferimento – senza citarlo – alla Guida suprema iraniana, che ha invitato i pellegrini sciiti a dimostrare contro l’Occidente e le guerre in Iraq, Afghanistan, Palestina e Pakistan.

    07/09/2016 12:54:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Nella guerra fra Arabia Saudita e Iran l’uso della religione come arma politica

    Nuovo capitolo dello scontro fra le due anime dell’islam. Gran muftì saudita: gli iraniani “non sono musulmani”. Ministro degli Esteri di Teheran: sauditi wahhabiti “predicatori” del terrorismo. A innescare la controversia la mancata partecipazione dei pellegrini iraniani all’Hajj. Sullo sfondo la lotta per la supremazia nell’islam e in Medio oriente. 

     



    05/09/2016 14:24:00 IRAN - ARABIA SAUDITA
    Khamenei contro i sauditi: "Infedeli e blasfemi, piccoli satana nelle mani degli Usa"

    Alla vigilia del pellegrinaggio maggiore dell'Hajj, cui sono esclusi i fedeli iraniani, il grande ayatollah iraniano attacca la leadership di Riyadh. Egli lancia un appello ai musulmani perché riflettano “sulla gestione dei luoghi sacri”. Sullo sfondo lo scontro fra Iran e Arabia Saudita per la supremazia in Medio oriente (e nell’islam). 



    18/03/2017 09:13:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Accordo con Riyadh: via libera per gli iraniani pellegrini alla Mecca

    Sembra superata la crisi dello scorso anno, che ha bloccato i viaggi dei fedeli iraniani al luogo sacro dell’islam. Al pellegrinaggio maggiore prevista la partecipazione di almeno 80mila cittadini della Repubblica islamica. Ministro iraniano degli Esteri: Relazioni “costruttive” con i Paesi dell’area, compresa l’Arabia Saudita.



    30/05/2016 11:15:00 ARABIA SAUDITA - IRAN
    Fallita l’ultima trattativa fra Riyadh e Teheran. Nessun pellegrino iraniano all’Hajj

    Per la prima volta in 30 anni nessun cittadino della Repubblica islamica parteciperà al pellegrinaggio maggiore. Per l’Iran gli “ostacoli” frapposti sono insormontabili, Riyadh vuole “bloccare il cammino che conduce ad Allah”. Per i sauditi le condizioni poste da Teheran sono “inaccettabili”. 





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®