23 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/07/2004, 00.00

    pakistan

    Nell'Anno della tutela del bambino aumenta il lavoro minorile



    Faisalabad (AsiaNews) – La metà dei palloni da calcio di tutto il mondo passa tra le mani di bambini pakistani, non per gioco ma per lavoro, nonostante il governo abbia proclamato il 2004 "Anno della tutela del bambino".

    Lo sfruttamento minorile nel Paese sta crescendo in modo molto rapido: secondo il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), i bambini sfruttati sotto i 14 anni sono 9 milioni. Rispetto allo scorso anno, si è registrato un incremento di 1 milione. La più alta concentrazione di lavoratori minori è a Sialkot, una provincia nel nord-ovest del Panjab. L'ultima indagine nazionale dell'Ufficio statistico nel 1996 aveva registrato 3 milioni e 300 mila bambini lavoratori.

    Di fronte a questa situazione, la Società per la protezione dei diritti del bambino (SPARC) ha chiesto con il Governo di bandire in via definitiva il lavoro minorile e di istituire l'educazione scolastica obbligatoria e gratuita per tutti i minori.

    Nel 1991 un provvedimento sull'impiego di bambini aveva proibito in generale ogni forma di lavoro minorile. La SPARC avanza ora richieste più specifiche: una nuova legge per innalzare - da 14 a 18 anni - l'età minima  dei ragazzi impiegati nei lavori "a rischio". Una ricerca dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) ha individuato 29 lavori rischiosi. Tra questi, la conciatura di pelli, l'estrazione di carbone, la fabbricazione e vendita di materiale esplosivo, il lavoro in stabilimenti di gas naturale, raffinerie, fabbriche di vetro, acciaierie, stampa e tintura di tessuti.

    L'OIL richiede la riattivazione della una commissione di vigilanza sul lavoro minorile istituita nel 1992 e in seguito abolita. Disoccupazione, tossicodipendenza e analfabetismo restano gli ostacoli maggiori all'abolizione del lavoro minorile in Pakistan. (QF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/09/2004 asia
    Analfabetismo e lavoro infantile, piaghe sociali del continente
    Un quinto del PIL indiano deriva dal lavoro agricolo di minori sfruttati

    21/11/2006 PAKISTAN
    Pakistan, Ong al governo: per l'infanzia meno promesse e più azioni

    Nella Giornata universale del bambino, ieri, le Ong pakistane ribattono così al governo che chiede più impegno della popolazione per la tutela dei minori. Nel Paese sono 10 milioni i bambini sfruttati e che vivono in povertà.



    11/06/2008 INDIA
    Lenin Raghuvanshi : “Educazione e istruzione contro lo sfruttamento minorile”
    In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, l’attivista indiano sottolinea che “una migliore scolarizzazione per tutti” è l’unica soluzione al problema. Nel Paese vi sono 55 milioni di bambini in condizione di semi-schiavitù, in particolare fra le caste più basse della società.

    01/05/2017 09:49:00 TURCHIA
    Ankara, due milioni di giovani vittime del lavoro minorile. Anche profughi siriani

    Il 78% viene impiegato in modo “clandestino”, senza diritti né tutela sanitaria, risarcimenti per infortunio. Almeno 56 i minori morti lo scorso anno in incidenti sul lavoro, ma sono stime al ribasso. L’aumento del numero di bambini sfruttati legato alla “crescita significativa” della povertà minorile. Profughi minori siriani utilizzati in modo illegale nelle industrie del tessile.



    12/06/2008 PAKISTAN
    Pakistan, solo il governo può vincere contro il lavoro minorile
    In occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, la Chiesa condanna il fenomeno e chiede al governo un vero intervento per combatterlo. Ashir, 7 anni, non parla della Giornata: è troppo occupato a lavorare nell’autofficina dove è stato assunto un anno fa.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®