22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/03/2015, 00.00

    ISRAELE-USA-IRAN

    Netanyahu preoccupato più delle elezioni in casa, che del nucleare iraniano

    Joshua Lapide

    Il premier israeliano vuole fermare il "cattivo accordo" con l'Iran che potrebbe "minacciare la sopravvivenza di Israele". Obama: Le buie previsioni di Netanyahu non si sono mai avverate. In patria si pensa che Netanyahu abbia escogitato questo suo viaggio negli Usa per aumentare le possibiità di rielezione. Per la gente comune, si parla troppo di Iran e non si dice nulla sui problemi della casa, del lavoro, della pace coi palestinesi.

    Gerusalemme (AsiaNews) - A sole due settimane dalle elezioni politiche in Israele, il premier Benjamin Netanyahu si è recato negli Stati Uniti per un incontro all'American Israel Public Affairs Committee, avvenuto ieri e un discorso davanti al Congresso questa sera (tarda mattinata negli Usa). Netanyahu è stato invitato dal presidente del parlamento Usa, John Boehner, senza nemmeno avvisare la Casa Bianca.

    Da quasi un mese in Israele si parla di questo discorso di "Bibi" Netanyahu e dell'importanza che esso ha: lo scopo pubblicamente espresso dal premier è quello di fermare un possibile accordo con l'Iran e la fine delle sanzioni, che "potrebbero minacciare la sopravvivenza di Israele".

    L'Iran e i cosiddetti "5+1" (Usa, Russia, Gran Bretagna, Francia, Cina e Germania) sono in dialogo a Ginevra per giungere ad un accordo entro il 31 marzo, che garantisca l'uso pacifico del programma nucleare iraniano e alleggerisca (o tolga) l'embargo economico e finanziario su Teheran.

    Da anni Netanyahu parla della "minaccia iraniana". Nel 2012, in un intervento all'Onu di New York, egli aveva paventato che in capo ad un anno l'Iran avrebbe avuto la bomba atomica. Nelle scorse settimane è emerso che perfino il Mossad era dell'opinione contraria e tuttora non vi sono segni che Teheran abbia raggiunto la possibilità di costruire ordigni nucleari. Anzi, attraverso il dialogo con i 5+1, l'Iran è disposta a regolare l'arricchimento dell'uranio e ad aprire sempre più i suoi impianti al controllo dell'Onu.

    Netanyahu ha promesso di rivelare oggi particolari dell'accordo in lavorazione che mostrano la mancanza di salvaguardie per Israele e lo bocciano come "un cattivo accordo".

    Negli Usa, il presidente Barack Obama ha criticato le posizioni di Netanyahu e le sue previsioni, che non si sono mai avverate. Inoltre 42 parlamentari democratici hanno deciso di non partecipare alla seduta per il discorso del premier, che rischia di corrodere l'amicizia fra Usa e Israele.

    In patria, le cose si vedono in altro modo. Secondo gli oppositori, Netanyahu sta usando il pericolo iraniano e il suo "show" al Congresso Usa per scopi elettorali. Essi fanno notare che il discorso era stato programmato a metà febbraio come "urgentissimo", ma poi è stato fatto scivolare fino ad oggi, perché fosse più vicino alla data del 17 marzo, quando si terranno le elezioni israeliane. Secondo membri del Likud, una buona riuscita del discorso del premier potrebbe garantirgli due seggi in più alla Knesset.

    Ma un altro elemento messo in luce dalla gente è che a parlare sempre di Iran e di nucleare non si affrontano i problemi interni di Israele: il costo delle case, la mancanza di lavoro, la questione della pace con i palestinesi.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/07/2009 ISRAELE – IRAN – USA
    Gli Usa spingono per la pace in Medio oriente, ma con l’occhio all’Iran
    Washington si attende una risposta da Teheran entro settembre. Ehud Barak riafferma che l’opzione militare è aperta. Contro la volontà degli Usa, cresce la popolazione negli insediamenti ebraici. Siria pronta al dialogo, ma teme il nucleare israeliano. I palestinesi divisi.

    06/07/2010 ISRAELE – USA
    Netanyahu atteso alla Casa Bianca per un incontro con Obama
    A tema il nucleare iraniano e i dialoghi di pace coi palestinesi. Israele è criticato per il blocco di gaza e per non aver fermato gli insediamenti dei coloni. Nuove regole sul blocco della Striscia: Le minacce della Turchia. Analisti: attacco all’Iran solo dopo la distensione nei rapporti coi palestinesi.

    18/02/2014 IRAN-USA-ISRAELE
    Khamenei, Usa e Netanyahu pessimisti verso i negoziati sul nucleare iraniano
    I dialoghi a Vienna tendono ad un accordo a lungo termine sul controllo internazionale del programma nucleare iraniano, in cambio della fine delle sanzioni. L'influenza positiva di Hassan Rouhani. Khamenei: "Non porteranno a nulla". Amministrazione Usa: "processo complicato, difficile, lungo". Netanyahu: Ci guadagna solo Teheran, che occorrerebbe punire per il suo "comportamento aggressivo". La delegazione Usa pronta ad aprire nuove tensioni e nuove sanzioni.

    23/07/2015 ISRAELE-IRAN
    Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
    E’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

    19/05/2009 ISRAELE-USA
    Netanyahu sembra aver vinto il suo primo round con Obama
    Il premier israeliano è di fatto sfuggito al tentativo del presidente americano di farlo schierare a favore della soluzione dei due Stati, ma ha ottenuto una dichiarazione dura sulla “minaccia iraniana”. Ora gli Usa vogliono da Israele un impegno sul blocco degli insediamenti prima del 3 giugno, quando Obama sarà al Cairo.



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®