20/08/2013, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

New Delhi: Sì al cibo a basso costo per 800 milioni di poveri

Il governo ha deciso di lanciare un programma di sicurezza alimentare che promette la distribuzione mensile di 5kg di cereali a persona, a prezzi calmierati. Il progetto rientra nel Food Security Bill, giudicato da molti “pericoloso” per le finanze indiane e perciò non ancora approvato in Parlamento.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Il governo dell'India è pronto a lanciare un programma di sicurezza alimentare che prevede la distribuzione di cibo a basso costo a 800 milioni di poveri. Il Paese ha una popolazione di circa 1,2 miliardi di persone.

Il progetto prevede una fornitura mensile di 5 kg di cereali a persona, a un prezzo calmierato di 1-3 rupie al chilo. L'obiettivo è di ridurre il problema della fame, che ancora oggi riguarda due terzi del popolo indiano.

Questo programma rientra nel controverso Food Security Bill, decreto già proposto diverse volte dal Congress (partito al governo) ma non ancora approvato dal Parlamento. Molte sono le critiche al provvedimento, giudicato soprattutto come una mossa "politica" e pericolosa per le finanze del Paese. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
India, il Parlamento approva il contestato Food Security Bill
27/08/2013
India, imprenditore cristiano: Diritto al cibo, la legge va protetta dalla corruzione
04/07/2013
Gesuita indiano: Qui la gente muore di fame e i governi non fanno nulla
01/10/2015
India: due anni dopo, la legge contro la fame “non convince”
28/01/2016 15:06
Tokyo, ogni anno si gettano via 6 milioni di tonnellate di cibo
18/05/2019 12:19