13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/03/2012, 00.00

    TIBET - CINA

    Ngaba, due monaci tibetani si danno fuoco. La polizia blocca i soccorsi



    La doppia autoimmolazione è avvenuta ieri a Barkham (Contea di Ngaba, Sichuan). I due erano entrambi del monastero di Kirti. Dopo il gesto le autorità hanno portato i corpi in un luogo segreto. Dubbi sulle loro condizioni di salute.

    Lhasa (AsiaNews) - Continuano le auto-immolazioni dei tibetani per il ritorno del Dalai Lama e la fine dell'occupazione cinese. Ieri,  due giovani monaci si sono dati fuoco a Barkham contea di Ngaba, nella zona orientale tibetana, compresa nella provincia cinese del Sichuan. Essi sono Tenpa Dhargyal, 22 anni, originario del villaggio di Leko Tsang, e  Chime Palden, 21 anni, del villaggio Yesti Tsang. Entrambi risiedono dal 2009 nel monastero di Kirti a 80 km dalla città.

    Appena si è diffusa la notizia della doppia immolazione, alcuni confratelli si sono precipitati a Barkham, ma la polizia cinese ha impedito loro di entrare in città, costringendoli a tornare indietro. I due monaci erano ancora vivi quando sono stati portati via dalle autorità, che però non hanno comunicato il luogo di detenzione e se verranno curati o lasciati morire. La polizia ha messo in stato di fermo coloro che hanno assistito al gesto. 

    In seguito all'autoimmolazione, le autorità hanno blindato la città per evitare manifestazioni da parte della popolazione.

    Lo scorso 29 marzo,  Lobsang Sherab anch'egli monaco di Kirti, è morto dopo essersi dato fuoco  nella cittadina di Chara (Contea di Ngaba).  

    Solo in un anno più di 24 tibetani (almeno 27 dal 2009), fra cui moltissimi giovani, hanno scelto di darsi fuoco. Tutti hanno voluto manifestare contro lo stretto controllo imposto da Pechino, che sorveglia anche la pratica del culto, l'apertura e la chiusura dei monasteri, e per chiedere il ritorno del leader spirituale dei tibetani. Di contro, il Dalai Lama ha sempre sottolineato di "non incoraggiare" queste forme estreme di protesta, ma ha elogiato il "coraggio" di quanti compiono l'estremo gesto, frutto del "genocidio culturale" che è in atto in Tibet ad opera della Cina. (N.C.)

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/10/2012 TIBET – CINA
    Tibet: nuova auto-immolazione, settima in un mese per protesta contro Pechino
    Dorje Rinchen, 58 anni, si è dato fuoco nei pressi del monastero di Labrang ed è morto per le ferite riportate. La polizia ha cercato di occultare il cadavere, ma l’intervento della folla ha respinto l’assalto. In risposta, gli agenti hanno impedito ai monaci di rendere l’estremo saluto alla salma. Il dramma tibetano nodo scoperto per la leadership di Pechino.

    22/10/2012 TIBET – CINA
    Due nuove auto-immolazioni in Tibet, il mondo “ha scelto di non vedere”
    Lhamo Kyeb, 27enne sposato con due figli piccoli, si è dato fuoco a Bhora per chiedere la fine della repressione cinese e il ritorno del Dalai Lama. Poco prima aveva compiuto lo stesso gesto anche Dhondhup, 50 anni. Le auto-immolazioni nella regione arrivano a 57, nonostante gli appelli del Dalai Lama e del governo in esilio a favore della vita. Il direttore di Free Tibet: “La Primavera tibetana non finirà anche se i governi internazionali scelgono di ignorarla."

    27/10/2012 INDIA – TIBET – CINA
    Continua la strage tibetana, altri due giovani si sono dati fuoco
    In pochi giorni cinque auto-immolazioni. È una delle settimane “peggiori” nella lotta contro quello che definiscono l’imperialismo di Pechino e il genocidio culturale. Denunciando il “fallimento” della politica cinese, Free Tibet lancia un appello alla futura leadership perché risponda alla “richiesta di libertà”.

    24/01/2012 TIBET - CINA
    Ancora sangue in Tibet: la polizia uccide 6 manifestanti
    I fatti sono avvenuti a Draggo, nella provincia settentrionale del Sichuan: migliaia di persone hanno marciato per chiedere libertà religiosa e il ritorno del Dalai Lama fino agli uffici governativi, dove i soldati hanno sparato a vista.

    07/01/2012 TIBET – CINA
    Tibet: le prime due auto-immolazioni del 2012, per protesta contro Pechino
    Nel pomeriggio di ieri due persone, a breve distanza, si sono date fuoco nei pressi del monastero di Kirti, nella città di Ngaba. Un uomo sarebbe morto, ma non vi sono conferme ufficiali. Le autorità cinesi hanno rimosso i corpi e imposto una rigida censura. Decine di migliaia di fedeli in pellegrinaggio per assistere alle lezioni del Dalai Lama.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®