31/03/2012, 00.00
TIBET - CINA
Invia ad un amico

Ngaba, due monaci tibetani si danno fuoco. La polizia blocca i soccorsi

La doppia autoimmolazione è avvenuta ieri a Barkham (Contea di Ngaba, Sichuan). I due erano entrambi del monastero di Kirti. Dopo il gesto le autorità hanno portato i corpi in un luogo segreto. Dubbi sulle loro condizioni di salute.

Lhasa (AsiaNews) - Continuano le auto-immolazioni dei tibetani per il ritorno del Dalai Lama e la fine dell'occupazione cinese. Ieri,  due giovani monaci si sono dati fuoco a Barkham contea di Ngaba, nella zona orientale tibetana, compresa nella provincia cinese del Sichuan. Essi sono Tenpa Dhargyal, 22 anni, originario del villaggio di Leko Tsang, e  Chime Palden, 21 anni, del villaggio Yesti Tsang. Entrambi risiedono dal 2009 nel monastero di Kirti a 80 km dalla città.

Appena si è diffusa la notizia della doppia immolazione, alcuni confratelli si sono precipitati a Barkham, ma la polizia cinese ha impedito loro di entrare in città, costringendoli a tornare indietro. I due monaci erano ancora vivi quando sono stati portati via dalle autorità, che però non hanno comunicato il luogo di detenzione e se verranno curati o lasciati morire. La polizia ha messo in stato di fermo coloro che hanno assistito al gesto. 

In seguito all'autoimmolazione, le autorità hanno blindato la città per evitare manifestazioni da parte della popolazione.

Lo scorso 29 marzo,  Lobsang Sherab anch'egli monaco di Kirti, è morto dopo essersi dato fuoco  nella cittadina di Chara (Contea di Ngaba).  

Solo in un anno più di 24 tibetani (almeno 27 dal 2009), fra cui moltissimi giovani, hanno scelto di darsi fuoco. Tutti hanno voluto manifestare contro lo stretto controllo imposto da Pechino, che sorveglia anche la pratica del culto, l'apertura e la chiusura dei monasteri, e per chiedere il ritorno del leader spirituale dei tibetani. Di contro, il Dalai Lama ha sempre sottolineato di "non incoraggiare" queste forme estreme di protesta, ma ha elogiato il "coraggio" di quanti compiono l'estremo gesto, frutto del "genocidio culturale" che è in atto in Tibet ad opera della Cina. (N.C.)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Continua la strage tibetana, altri due giovani si sono dati fuoco
27/10/2012
Tibet: nuova auto-immolazione, settima in un mese per protesta contro Pechino
24/10/2012
Due nuove auto-immolazioni in Tibet, il mondo “ha scelto di non vedere”
22/10/2012
Si dà fuoco monaco tibetano gridando: Viva il Dalai Lama
26/10/2011
Ancora sangue in Tibet: la polizia uccide 6 manifestanti
24/01/2012