20 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/10/2006, 00.00

    BANGLADESH - NORVEGIA

    Nobel per la pace all'economista del Bangladesh, Muhammad Yunus



    È l'inventore del microcredito. Missionari del PIME a Dhaka: è una figura stimata per la sua levatura morale, la vittoria dà speranza a tutti gli onesti del Paese. Ma, "attenzione a non idealizzare".

    Dhaka (AsiaNews) – Il premio Nobel per la pace è stato assegnato oggi all'economista bangladescio Muhammad Yunus, 66 anni, inventore del microcredito e alla sua Grameen Bank (Banca del villaggio). Dal Bangladesh, missionari del PIME da anni sul posto, sottolineano la doppia valenza della scelta di un uomo come Yunus: quello economico-finanziario legato ai buoni risultati della sua "invenzione" e quello morale e umano, legato alla persona, "un uomo pulito e fonte di speranza per tutti gli onesti". Ma, "attenzione a non idealizzare".

    Il premio e il lavoro di Yunus

    La motivazione data dalla giuria spiega che il prestigioso riconoscimento è stato conferito all'economista e al suo istituto di microcredito "per gli sforzi di creare sviluppo economico e sociale dal basso". "Attraverso culture e civiltà – si legge nella comunicazione ufficiale –  Yunus e la Grameen Bank hanno dimostrato che persino i più poveri dei poveri possono lavorare per portare avanti il proprio sviluppo. La pace duratura non può essere ottenuta a meno che larghe fasce della popolazione non trovino modi per uscire dalla povertà".

    Il sistema del microcredito è un basato su prestiti senza garanzie ai poveri per aiutarli a creare piccole attività. La Grameen Bank è stata creata nel 1983: oggi ha oltre mille filiali con 12.500 dipendenti. I clienti in 37 mila villaggi sono 2.100.000, per il 94 % donne.

    Luci ed ombre del microcredito

    Un missionario del Pime a Dhaka commenta ad AsiaNews l'assegnazione del Nobel. "Il lavoro che ha fatto quest'uomo è rilevante – dice - perché ha cercato un approccio diverso e nuovo al problema della povertà, dando fiducia anche alle persone meno abbienti con un sistema che non è semplice beneficenza a fondo perduto, ma presta attenzione anche agli aspetti sociali".

    Il sacerdote, però, invita a non idealizzare: "Il microcredito non risolve tutti i problemi dei Paesi poveri", come anche la stessa Giuria riconosce nella motivazione. Ci sono ancora delle ombre su cui riflettere: "Il microcredito è diventato un'impresa grande e alcuni ritengono che si sia allontanato dalle intenzioni iniziali e abbia adottato una mentalità più capitalistica". In molti casi, poi, la sua applicazione pratica ha "aspetti duri", che meritano attenzione: "Al microcredito si rivolgono persone molto povere e quando non riescono a far fruttare la loro attività, per pagare il debito con la Grameen Bank cercano altri prestiti e finiscono per ritrovarsi più poveri di prima. In questo caso o si perde tutto o si trova un benefattore. Ed è un fenomeno diffuso, ance se non diretta conseguenza del sistema del microcredito".

    Per il missionario, però, il valore principale della vittoria di Yunus è la speranza che darà alla gente del Bangladesh e non solo: "Nel Paese è una persona rispettata perché moralmente pulita, impegnata per la sua gente, nella lotta contro la corruzione e la sua Banca e le compagnie da lui fondate rappresentano un elemento positivo per l'economia nazionale". Il sacerdote è convinto: "Il premio Nobel a Muhammad Yunus dà speranza agli onesti, in Bangladesh, segnato dalla corruzione e in tutto il mondo".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/10/2010 INDIA
    India, dove il micro-credito spinge al suicidio
    Il sistema, ideato e lanciato dal Nobel Yunus, si è trasformato in un sistema di sfruttamento feroce, dove gli agenti di riscossione spingono i debitori a uccidersi per recuperare (grazie a un fondo assicurativo) l’intera somma prestata. In un mese e mezzo, 45 suicidi accertati dallo Stato. La condanna di un attivista: “Un sistema peggiore di quello nazista”.

    20/04/2013 BANGLADESH - USA
    Medaglia d'onore a Muhammad Yunus, il controverso creatore del microcredito
    Gi Stati Uniti hanno conferito al Nobel per la pace il loro più alto riconoscimento civile. La lotta alla povertà globale è tra le motivazioni indicate per l'onorificenza. Yunus ha fondato la Grameen Bank nel 1983, attirandosi talvolta critiche sulla sua gestione e sul sistema alla base del microcredito.

    04/03/2011 BANGLADESH
    Giochi politici dietro la richiesta di dimissioni di Yunus, inventore del microcredito
    La mossa nasce da rivalità politiche, nate nel 2007 quando Muhammad Yunus, fondatore della Grameen Bank e Nobel per la pace, ha tentato di fondare un proprio partito anti-corruzione. L’uomo ha presentato ricorso all’Alta corte del Bangladesh.

    19/10/2006 FILIPPINE
    Parte il microcredito nelle Filippine, con il sostegno della Chiesa

    Manila annuncia il lancio di un istituto di microcredito sul modello della Grameen Bank del premio Nobel bengalese Yunus; sarà diretto da un cattolico e avrà sede a Pangasinan.



    06/10/2010 GIAPPONE – SVEZIA
    Due giapponesi e un americano vincono il Nobel per la chimica
    I tre devono la vittoria a un nuovo metodo di catalizzazione del palladio utilizzato per la lotta contro il cancro e nel campo dell’elettronica. I complimenti del Primo ministro giapponese Kan.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®