05 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/05/2011, 00.00

    CINA

    Non cedono i cristiani di Shouwang: pregano in piazza, la polizia li arresta



    Per la settima domenica consecutiva la polizia arresta i fedeli, compresi vecchi e bambini di 2 anni. Esperti: le autorità potrebbero proibire il gruppo e incarcerare i leader. Pechino appare decisa a stroncare qualsiasi dissenso, specie religioso.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – I fedeli della Chiesa protestante di Shouwang ieri si sono riuniti per pregare in piazza, nella zona commerciale di Zhongguancun a Pechino, e la polizia li ha arrestati. Per la settima domenica consecutiva.

    Tra gli arrestati ci sono una donna di oltre 80 anni e un bambino di 2, secondo testimoni oculari. Questi due sono stati rilasciati nel pomeriggio, ma molti altri fedeli sono rimasti in carcere.

    In queste settimane la polizia ha arrestato centinaia di fedeli, 169 la prima domenica 10 aprile e oltre 50 la seconda, e poi ogni domenica. In genere, costoro sono posti agli arresti domiciliari per il fine settimana per impedire loro di riunirsi per pregare. Sono pure agli arresti domiciliari 6 leader della Chiesa, da oltre un mese e mezzo.

    Dal 10 aprile i fedeli si riuniscono in strada per tenere la funzione domenicale, dopo che le autorità li hanno fatti cacciare dai locali affittati. La Chiesa da anni ha chiesto il riconoscimento e nel 2009 ha comprato un edificio di 1.500 metri quadri per le sue attività, ma le autorità le impediscono di entrarci. In questi anni la polizia ha più volte fatto cacciare la Chiesa da locali in affitto e ogni volta i fedeli hanno pregato all’aperto fino a che non trovavano un’altra sistemazione.

    Questa volta la polizia agisce con estrema durezza e analisti temono che, se prosegue il confronto, le autorità possano proibire la Chiesa e incarcerarne i leader. Ma i fedeli ripetono che continueranno a riunirsi in pubblico, finché non avranno un altro luogo dove stare.

    La Chiesa di Shouwang è una della maggiori chiese “domestiche”, con oltre mille seguaci, per cui la persecuzione è ancora più significativa. Pechino pretende che tutti i cristiani protestanti aderiscano al “Movimento delle Tre Autonomie”, organo interconfessionale controllato dal Partito comunista. I cristiani sotterranei però rifiutano questo controllo e rivendicano liberà nelle questioni religiose.

    In Cina vi sono più cristiani protestanti non ufficiali (circa 80 milioni) che membri del Movimento delle tre autonomie (circa 20 milioni). Per timore che la situazione sfugga di mano al Partito, da quasi quattro anni è in atto una campagna  per eliminare le comunità sotterranee o farle confluire nelle comunità ufficiali.

    La serie di arresti di cristiani protestanti coincide con una serie di arresti di attivisti democratici e avvocati per i diritti umani. Pechino teme che ogni movimento non controllato dal Partito possa scatenare la scintilla di una “rivoluzione dei gelsomini” simile a quella che sta scuotendo l’Africa del Nord e il Medio oriente. Tale timore è causato dal fatto che molti attivisti per i diritti umani si sono convertiti al cristianesimo.

    Nelle settimane scorse il “problema” di Shouwang ha suscitato anche reazioni internazionali. Ma Pechino appare procedere sicura per la strada di una totale repressione, seppure non spieghi perché riunirsi in maniera pacifica all’aperto per pregare sia illegale.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/04/2011 CINA
    La polizia cinese arresta di nuovo i fedeli che pregano in piazza
    Già una settimana fa, i fedeli della Chiesa di Shouwang, cacciati dai loro locali, si erano riuniti per pregare in piazza. Ieri la polizia ne ha arrestato almeno 50. Le autorità vogliono stroncare i gruppi religioni non controllati dallo Stato, per paura dei loro rapporti con i difensori dei diritti umani.

    02/03/2006 Cina
    Polizia sgombra con la forza una scuola biblica nell'Anhui: 36 arresti

    L'operazione rientra nell'ambito di una campagna nazionale tesa ad eliminare con la forza le chiese non ufficiali cattoliche e protestanti.



    26/04/2011 CINA
    Pasqua in carcere per i cristiani cinesi di Shouwang
    La polizia arresta i fedeli della Chiesa domestica e impedisce loro di celebrare insieme la Pasqua. Esperti: le autorità vogliono colpire ogni forma di dissenso, anche per i frequenti collegamenti tra cristiani e attivisti per i diritti umani.

    06/06/2011 CINA
    Senza sosta gli arresti dei fedeli di Shouwang e di altre chiese cristiane
    Ieri altri 20 fedeli della Chiesa di Shouwang sono stati arrestati, alcuni loro leader sono agli arresti domiciliari da oltre due mesi. Pechino vuole stroncare qualsiasi attività religiosa al di fuori del controllo del Partito comunista.

    20/04/2011 CINA
    Chiesa di Shouwang: Celebriamo la Pasqua, anche a costo dell’arresto
    Su internet un invito ai fedeli protestanti a riunirsi per celebrare le funzioni della Settimana Santa, anche se è forte il rischio che la polizia arresti tutti. Da 2 settimane la polizia impedisce loro di riunirsi all’aperto per pregare. Un augurio che siano “ridestate” le coscienze di chi governa.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®