07/10/2004, 00.00
indonesia
Invia ad un amico

Nunzio a Jakarta: "L'islam moderato rifiuta laicismo e fondamentalismo"

di Lorenzo Fazzini

La richiesta di eutanasia "caso isolato" su 212milioni di abitanti.

Jakarta (AsiaNews) – Quello di Agian Isna Nauli Siregar "è un caso isolato, la popolazione musulmana non pensa per niente all'eutanasia". Lo ha detto ad AsiaNews mons. Albert Malcom Ranjith Patabendige, nunzio apostolico in Indonesia, riferendosi alla richiesta di eutanasia - la prima in Indonesia - fatta da Panca Satrya Hasan per sua moglie Agian.

Gli indonesiani - secondo il nunzio - "nonostante le pressioni occidentali, restano attaccati alla loro tradizione spirituale islamica" e alla dottrina della Pancasila*.

Ecco il testo completo dell'intervista di mons. Ranjith ad AsiaNews.

Come giudica il caso Agian?

Su 212 milioni di abitanti, in assoluta maggioranza musulmani, questo è un caso isolato. Inoltre, il sig. Hasan ha chiesto l'eutanasia per la moglie perchè non riesce a pagare le cure. Quando una persona non ha i soldi per la salute dei suoi familiari, c'è la tentazione di fare richieste come queste.

Come ha reagito l'opinione pubblica indonesiana alla dichiarazione pro eutanasia di Hasan?

Dai giornali e dibattiti televisivi emerge che la grande maggioranza della popolazione non vuole l'eutanasia. Sembra che ci siano settori "liberali" che spingono in questo senso, ma non hanno appoggio tra la gente. Questo caso non ha suscitato l'interesse del pubblico perché semplicemente gli indonesiani non approvano l'eutanasia. Anzi, molti si sono stupiti che una persona possa arrivare a chiederla. Inoltre, quello che accade a Jakarta non è quello che succede in Indonesia: il Paese è molto più grande della sua capitale.

C'è il rischio che l'Indonesia possa essere influenzata dal laicismo occidentale?

Non credo. La società indonesiana rimane fervidamente attaccata ai suoi valori spirituali che sono quelli dell'islam. Per questo l'aborto, l'eutanasia e cose simili non potranno essere approvate perché la gente segue le leggi e gli insegnamenti islamici. Nonostante le pressioni occidentali, ritengo che gli indonesiani resteranno fedeli alla loro tradizione islamica.

L'islam indonesiano può essere esempio di come coniugare la religione islamica e la democrazia?

Penso di sì, perché nonostante gli influssi del fondamentalismo islamico, gli indonesiani vivono un islam tollerante e restano fedeli ai valori della Pancasila. In Indonesia vige il rispetto dei diritti altrui. I fondamentalisti non influiscono sulla popolazione, ma solo su piccole frange. È vero, ci sono incidenti in alcune zone, ma si tratta di problemi locali. Inoltre i fondamentalisti ci sono anche in altre religioni, non solo in quella islamica. Anche le ultime elezioni sono state un esempio di democrazia: la gente si è dimostrata indipendente dai partiti e ha scelto di andare verso la democrazia e il progresso.

 

*Si tratta dell'ispirazione di fondo della Costituzione indonesiana del 1945, in 5 punti fondamentali: fede in un unico Dio, umanità giusta e civile, unità della nazione, democrazia, giustizia sociale

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Prima eutanasia nel Paese? La Chiesa: "Lo Stato pensi invece alle cure per i poveri"
07/10/2004
Predicatori islamisti ‘demoniaci’: niente preghiera sulla salma di Essebsi
29/07/2019 08:02
L'islam indonesiano discute su poligamia e matrimoni interreligiosi
12/10/2004
Il fiume di bandiere ad Istanbul per la laicità e la democrazia
30/04/2007
Cristiani e musulmani temono l'introduzione della Sharia
08/10/2004