4 Settembre 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/05/2012
SIRIA
Nunzio apostolico: contro il massacro di innocenti, non basta la condanna dell'Onu
Le Nazioni unite hanno condannato troppo tardi la barbara uccisione di bambini in corso da gennaio. Il massacro di 108 persone fra cui 49 fanciulli è solo l'ultimo di una lunga serie. Mons. Zenari invita l'Onu a sostenere le iniziative di pace che stanno promuovendo ad Homs i leader religiosi alawiti, sunniti, cattolici e ortodossi.

Damasco (AsiaNews) - "Il massacro di bambini innocenti è un crimine insopportabile, che getta una nuova ombra su questa orribile guerra. Tuttavia, le reazioni indignate degli organi internazionali non bastano. L'Onu deve sostenere e dare voce alle iniziative delle comunità siriane, che tentano di reagire alle violenze in modo costruttivo e non con la vendetta". È quanto dice ad AsiaNews, mons. Mario Zenari, Nunzio apostolico a Damasco, che condanna il massacro di 108 persone, fra cui 49 bambini, avvenuto fra il 25 e il 26 maggio a Houla, a nord della città di Homs.

Secondo il prelato, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha atteso troppo tempo per condannare questi massacri di innocenti che continuano senza sosta da mesi. Le stesse fonti Onu parlano di oltre 500 bambini uccisi dall'inizio dell'anno. "Non importa chi sia l'autore di queste stragi - continua il prelato - la spirale di sangue e violenza deve cessare".

Oggi, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, ha condannato l'uccisione dei civili sottolineando l'urgenza di un'indagine accurata sui fatti. I quindici membri del Consiglio hanno attribuito la responsabilità del bombardamento di Houla a entrambi le parti, dopo il no della Russia a una condanna unilaterale contro il regime di Bashar al-Assad. Domani, Kofi Annan, inviato speciale di Onu e Lega araba, incontrerà il presidente siriano per ridefinire gli obiettivi del cessate il fuoco, iniziato il 12 aprile e a tutt'oggi mai rispettato.

"Gli osservatori Onu non stanno facendo molto - racconta mons. Zenari - e vi è poca fiducia fra la popolazione sui risultati concreti del piano di Kofi Annan. La popolazione sta tentando di organizzarsi da sola per trovare soluzioni alternative". In questi giorni a Homs, una delle città simbolo della rivolta contro il regime, i leader cristiani cattolici e ortodossi, alawiti, sunniti e rappresentanti della società civile,  hanno organizzato una serie di incontri per cercare una soluzione non violente al conflitto. "L'idea - aggiunge il nunzio - è quella di dare un segno di speranza ai siriani e invitarli a mettersi in gioco e a reagire in modo costruttivo e pacifico, contro chi vuole distruggere il Paese". Tali iniziative continueranno nei prossimi giorni e saranno proposte anche in altre città della Siria. (S.C.)

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/05/2012 SIRIA – ONU
Damasco, Annan incontra Assad per salvare il piano di pace
29/05/2012 SIRIA
Stati Uniti, Europa e Australia cacciano i diplomatici siriani
12/06/2012 SIRIA
Nunzio a Damasco: Per la Siria è la discesa agli inferi. Bambini come scudi umani
20/06/2013 SIRIA
Testimoniare l'amore di Cristo nella Siria martoriata da odio e guerra
di Simone Cantarini
07/09/2012 LIBANO - SIRIA
Patriarca Maronita: I cristiani siriani sono per la stabilità del Paese e non sostengono Assad

In evidenza
ASIA-UE
La morte del piccolo Aylan e quella di tutto il Medio oriente
di Bernardo CervelleraTutto il mondo si commuove per il bambino morto nel naufragio di un gommone in Turchia. Ci si dimentica che in Siria sono morti già decine di migliaia di bambini sotto la guerra. Occorre affrontare il problema dei profughi, ma anche e soprattutto le cause della loro tragedia: le guerre in Medio oriente, i finanziamenti allo Stato islamico, le guerre per procura delle potenze regionali e mondiali.
VATICANO-IRAQ
P. Samir di Amadiya: Il Papa è la voce dei profughi irakeni
di Bernardo CervelleraIl sacerdote caldeo ha incontrato papa Francesco chiedendogli di tenere alta l’attenzione del mondo sui profughi cristiani di Mosul e della Piana di Ninive. Nella sua diocesi vivono 3500 famiglie cristiane e quasi mezzo milione di yazidi fuggiti davanti alle violenze dello Stato islamico. L’Isis non è tutto l’islam e vi sono musulmani che vogliono un Iraq della convivenza. I cristiani potrebbero emigrare, ma rimangono nella loro terra. I progetti di aiuto ai rifugiati: la scuola per i bambini, lavoro per gli adulti, una casa per ogni famiglia. L’appello di AsiaNews.
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate