01 Ottobre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/07/2007, 00.00

    LIBANO - SIRIA

    Nuove accuse alla Siria: è il vero capo di Fatah al-Islam



    Nel giorno in cui l’esercito libanese annuncia la presa del quartier generale dei terroristi a Nahr al-Bared, un esponente del gruppo, catturato, confessa che esso è stato creato e sostenuto da Damasco. Analoghe affermazioni dell’ex vicepresidente siriano Khaddam.
    Beirut (AsiaNews) – L’esercito libanese annuncia oggi di aver preso il quartier generale di Fatah al-Islam, nel campo di Nahr al-Bared. La conquista del comando di Fatah al-Islam - che sembra confermare l’attacco finale annunciato dai militari – avviene nello stesso giorno nel quale fonti diverse tornano ad accusare la Siria, e personalmente il capo dell’intelligence - che è il cognato del presidente Assad - di essere “collegato” con il gruppo terroristico, l’azione del quale rientra in un piano per distruggere la fragile democrazia libanese.
     
    Ad accusare il generale Assef Shawkat è un esponente del gruppo di Fatah al-Islam, Ahmed Merie, un cittadino libanese arrestato a maggio a Beirut. Nella sua testimonianza, della quale danno notizia sia al-Moustaqbal che al-Sharq al-Awsat, egli sostiene che il gruppo è anche responsabile dell’assassinio, avvenuto il 21 novembre dell’anno scorso, di Pierre Gemayel, leader del movimento maronita della Forze libanesi, ministro dell'Industria ed esponente di spicco della maggioranza antisiariana in Parlamento. Egli avrebbe indicato i quattro uomini responsabili dell’attentato, i nomi dei quali, però, non sono stati resi noti.
     
    Secondo la testimonianza di Merie, egli stesso era il collegamento tra il leader di Fatah ak-Islam, Shaker Abssi e il generale Shawkat. Quest’ultimo avrebbe fornito esplosivi, esperti per imparare ad usarli ed un “significativo supporto”, non meglio specificato, alle attività del gruppo. Merie e suo fratello Mohammed, separatamente, hanno infine sostenuto che stavano preparando ulteriori attentati esplosivi, che avevano come obiettivi anche due alberghi di Beirut nei quali risiedono ufficiali dell’Unifil ed altro personale delle Nazioni Unite e di ambasciate.
     
    A parlare del legame tra Fatah al-Islam ed i servizi di Damasco è stato anche l’ex vicepresidente siriano Abdel Halim Khaddam, ora fuggito all’estero, secondo il quale, anzi, il gruppo “è stato creato dal servizio militare siriano di informazione”.
     
    In una dichiarazione, Khaddam afferma che “esistono prove” dell’implicazione siriana nella crescita delle tensioni libanesi. Egli si chiede “da dove proviene la grande quantità di esplosivi ed armi in possesso di Fatah al-Islam, un arsenale del quale non dispone neppure l’esercito libanese” e che, egli sostiene, “sono state fornite dal regime siriano”. Khaddam sostiene che il generale Shawkat “dirige personalmente” il gruppo terrorista.
    Khaddam ricorda, infine, “le minacce lanciate dal presidente siriano Bashar al-Assad£ e dagli altri massimi responsabili di Damasco, che il Libano “esploderà” se “sarà istituito il tribunale internazionale” che dovrebbe giudicare i responsabili dell’assassinio dell’ex premier Rafic Hariri. In proposito, l’inchiesta dell’Onu sull’attentato contro Hariri aveva già evidenziato un possibile ruolo proprio di Asef Shawkat. La possibilità di un coinvolgimento del cognato di Assad, e quindi dello stesso presidente siriano sarebbe all’origine della lotta che Damasco conduce contro l’istituzione prima e la messa in opera ora del tribunale internazionale.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/04/2008 LIBANO
    Moussa: c’è poco tempo prima che la situazione libanese precipiti
    Secondo il segretario della Lega araba, la strada per uscire dalla crisi “è lunga, ma il tempo è poco”. Voci provenienti da Damasco parlano di possibili rivolgimenti all’interno del regime. L’esercito di Beirut denuncia una violazione dei confini da parte di una pattuglia israeliana.

    21/11/2006 LIBANO
    Ucciso in Libano Pierre Gemayel, leader cristiano del fronte antisiriano

    L'assassinio compiuto da un killer. Hariri accusa la Siria.



    10/07/2007 SIRIA - LIBANO
    Amr Moussa: segni di progresso per la riconciliazione in Libano
    Il segretario della Lega araba, che ha incontrato il presidente Assad e in precedenza aveva visto re Abdullah, conferma il suo impegno per trovare soluzione ad una crisi “pericolosa”. Ma alle dichiarazioni positive siriane si accompagnano segni di tensione.

    22/11/2006 LIBANO
    Condanna, ansia e partecipazione nel Libano che si prepara ai funerali di Pierre Gemayel

    Domani il rito che sarà celebrato dal patriarca Sfeir che parla di "un nuovo colpo contro la pace tanto desiderata" ed esorta a rifiutare a violenza. Le forze di maggioranza chiamano ad una manifestazione. L'unanime condanna internazionale finisce con l'essere un sostegno al governo. L'Onu ha approvato la formazione del tribunale internazionale.



    24/11/2006 LIBANO
    Dopo i funerali di Gemayel, in Libano resta il clima di scontro

    Rientra nel governo il ministro dimissionario Hassan Sabeh, ma Hezbollah minaccia l'avvio delle manifestazioni di piazza. Appelli alla ripresa del dialogo. Il governo convocato per sabato per il suo consenso al tribunale internazionale, mentre a Beirut è tornato Brammertz, l'inquisitore dell'Onu.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®