11 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/08/2009, 00.00

    VIETNAM

    Nuove veglie di protesta nella diocesi di Vinh. Difficili spiragli di dialogo col governo

    Emily Nguyen

    Veglia a lume di candela nelle 178 parrocchie della diocesi di Vinh per chiedere la fine delle violenze contro i cattolici e la liberazione di 3 fedeli tenuti in carcere. Il governo di Quang Binh invita rappresentanti del clero a parlare, ma si teme per l’incolumità dei preti.

    Hanoi (AsiaNews) – Lo scorso 8 agosto sera in tutte le parrocchie di Vinh si sono tenute marce e veglie di preghiera. Distribuiti fra le 178 parrocchie, la veglia ha radunato circa 500 mila fedeli. Portando cartelli che domandano la libertà religiosa, i fedeli chiedono il ritorno delle proprietà della Chiesa requisite dal governo; i beni sequestrati dalle case dei fedeli; la fine della campagna di odio anti-cattolico sui media governativi e la liberazione dei 3 cattolici, arrestati il 20 luglio scorso per aver costruito una tenda come luogo di preghiera davanti alle rovine della chiesa di Tam Toa (cfr. 21/07/2009 Percosse e arresti per sacerdoti e fedeli nella storica chiesa di Tam Toa).

    Altre diocesi hanno espresso solidarietà ai fedeli di Vinh, alcuni dei quali – preti e laici - hanno subito battiture e violenze da parte di poliziotti in borghese o teppisti al servizio della polizia. Lo stesso 8 agosto sera, 3 mila cattolici si sono radunati alla parrocchia di Thai Ha (Hanoi); il giorno dopo, a Ho Chi Minh City, 2500 persone hanno manifestato nella chiesa dei redentorista.

    Vi sono voci secondo cui il governo locale sta aggregando scontenti, giovani della Lega comunista e veterani dell’esercito per raid violenti contro i cattolici. Intanto la stampa continua ad accusare i fedeli di offese alla patria e disturbo dell’ordine pubblico. A Quang Trach i venditori di cibo e provviste hanno ricevuto l’ordine di non vendere i loro prodotti ai cattolici.

    Mentre cresce la tensione, il governo locale di Quang Binh ha chiesto ai rappresentanti della diocesi di andare a Dong Hoi per discutere dell’incidente di Tam Toa. P. Anthony Pham Dinh Phung, segretario della diocesi, insiste però che il dialogo avvenga negli uffici diocesani di Vinh, per garantire la sicurezza dei rappresentanti cattolici.

    Nei giorni precedenti, un sacerdote di Vinh, p. Peter Nguyen The Binh, accompagnato dal vice-governatore locale, è stato lasciato solo e picchiato fino a farlo cadere in coma (cfr. 28/07/2009 Prete in coma perché picchiato dalla polizia. Proteste dei cattolici in tutto il Vietnam).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/08/2009 VIETNAM
    Cattolici degli Stati Uniti in solidarietà con la Chiesa del Vietnam
    Una delegazione statunitense, guidata da mons. William Stephen Skylstad di Spokane ha visitato Ho Chi Minh City, Da Nang, My Tho, Hue e il santuario mariano di La Vang. L’invito a ritornare per il giubileo del 2011. I cattolici vietnamiti negli Stati Uniti rattristati per le notizie di persecuzione a Tam Toa.

    03/08/2009 VIETNAM
    Nuove manifestazioni di massa a Vinh e in altre zone del Vietnam a sostegno dei cattolici
    Almeno mezzo milione di fedeli hanno protestato contro i pestaggi, gli arresti, i tentativi di uccidere i cattolici. Una coppia picchiata a morte a Dong Yen. Una feroce campagna stampa del governo contro i fedeli rischia di generare nuove violenze.

    05/08/2009 VIETNAM
    Violenze contro i cattolici: il velo contro crisi e corruzione del Partito comunista vietnamita
    La persecuzione contro i fedeli di Vinh è un diversivo per nascondere le profonde divisioni interne, ma anche la misura dell’abisso di disprezzo a cui è giunto il Partito, deciso ad approfittare dei nuovi venti economici e capace anche di svendere il Paese al suo nemico tradizionale, la Cina. La Chiesa e la sua funzione di risveglio delle coscienze, e i Montagnard convertiti sono condannati a sparire.

    28/03/2015 VIETNAM
    Vinh, governo contro cattolici: percosse e violenze per ottenere lo sgombero di una parrocchia
    La piccola e remota parrocchia di Dông Yên nel mirino delle autorità, che vogliono cacciare i fedeli per realizzare un mega impianto portuale. La maggioranza dei cattoici ha lasciato la zona, ma un gruppo di 150 persone lotta per restare. Nei giorni scorsi la polizia ha effettuato un raid, ferendo diversi parrocchiani. La solidarietà del vescovo di Vinh.

    31/07/2009 VIETNAM
    Sotto pressione il governo vietnamita. Campagna stampa e violenze contro i preti
    Liberati 4 fedeli dei 7 che devono essere processati. Un altro è stato messo agli arresti domiciliari. Un prete è ricercato perché celebra messe a cui partecipano “troppi fedeli”, più del numero consentito: 70. Ma i fedeli sono alcune migliaia.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®