Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/08/2012, 00.00

    TAIWAN - CINA

    Nuovi accordi commerciali fra Pechino e Taipei



    Riguardano protezione legale e facilitazioni doganali. Investitori di Cina e Taiwan devono essere trattati al pari "se non meglio" degli altri. La polizia di entrambe le parti deve avvertire compagnia e familiari in caso di arresto. Proteste per il timore della colonizzazione cinese dell'isola.

    Taipei (AsiaNews/Agenzie) - Cina e Taiwan hanno concluso oggi una nuova serie di accordi bilaterali che facilitano ancora di più investimenti reciproci, snelliscono le dogane e garantiscono incolumità e rispetto delle proprietà per gli investitori dei due lati dello Stretto. L'accordo è stata caratterizzato anche da proteste di taiwanesi che temono una colonizzazione dell'isola da parte di Pechino.

    Gli accordi sono stati firmati dal cinese Chen Yunlin e dal taiwanese Chiang Pin-kung. Essi provvedono un ombrello legale per le compagnie taiwanesi che investono in Cina dando agli investitori protezione in casi di difficoltà con le autorità e il divieto di espropriazione delle proprietà.

    Negli accordi si vara anche una cooperazione per velocizzare le operazioni  doganali, che potranno far crescere il commercio nei due sensi. E si auspica che investitori cinesi e taiwanesi verranno trattati da entrambe le parti in modo uguale "se non preferenziale".

    In caso di problemi con la giustizia, la polizia di entrambe le parti deve avvertire la compagnia e i familiari dell'investitore fermato o arrestato.

    Questi nuovi patti si aggiungono alla serie di accordi firmati nel 2010 che hanno portato a un enorme miglioramento dei rapporti commerciali, con scambi di merce, turisti e investimenti.

    Non tutti però la pensa così. Attorno all'hotel sede delle due delegazioni, il governo ha schierato 1300 poliziotti, mettendo filo spinato per evitare che circa 700 manifestanti arrivassero vicino all'entrata. I dimostranti temono che con questi nuovi accordi la dipendenza di Taiwan dalla Cina diventi ancora più grande. Molti taiwanesi, abituati ormai da decenni alla democrazia, sono preoccupati per il carattere dittatoriale della ex madrepatria.

    I rapporti fra Cina e Taiwan sono migliorati nel 2008 dopo l'elezione di Ma Ying-jeou a presidente, che ha iniziato una politica di amicizia e di quieto rapporto, dopo gli anni turbolenti del pro-indipendentista Che Shuibian.

    La Cina è ad oggi il primo partner commerciale di Taiwan. Più di 80mila compagnie dell'isola operano sul suolo cinese, dove esse hanno investito più di 100 miliardi di dollari Usa in questi anni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/06/2013 TAIWAN – CINA
    Pechino e Taipei, nuovo passo avanti nei rapporti bilaterali
    Firmato oggi a Shanghai un altro accordo per la cooperazione nel campo dei servizi, punta di diamante dell’economia taiwanese, che rientra nel quadro della ripresa dei rapporti commerciali sullo Stretto. I democratici dell’isola protestano: “Patti firmati senza l’approvazione dei cittadini”.

    06/11/2015 TAIWAN – CINA
    Singapore, tutto pronto per lo storico incontro tra Pechino e Taipei
    I presidenti delle due nazioni non si sono mai incontrati dal 1949. Lo faranno per la prima volta domani al Shangri-La Hotel di Singapore, già da oggi blindatissimo. Il presidente Ma ha parlato ieri alla stampa, respingendo le accuse dell’opposizione: “L’incontro non ha a che fare con le elezioni. Serve a mantenere lo status quo per il bene della prossima generazione”.

    11/02/2014 CINA - TAIWAN
    Nanjing, al via i colloqui "più importanti" fra Cina e Taiwan dal 1949
    I vertici ufficiali dei due organismi che si occupano dei rapporti sullo Stretto hanno aperto una sessione di dialoghi mirata a riavvicinare (in maniera informale) le due entità. Pechino vuole l'accordo di libero commercio, Taipei sottolinea l'importanza della libertà di stampa. Una fonte di AsiaNews: "Lo status quo non è in discussione".

    07/12/2009 TAIWAN - CINA
    Il Kmt vince le elezioni, ma perde troppo terreno
    Il presidente nazionalista Ma Ying-jeou ordina un’inchiesta all’interno del Partito “per capire cosa sia successo”. I media cinesi in allarme: “Il voto mette a rischio i rapporti fra Pechino e Taipei”. Gli effetti del tifone Morakot.

    19/10/2009 TAIWAN - CINA
    Taipei rimanda i colloqui commerciali con Pechino
    Attesa e paura nell’isola per il patto fra le due nazioni, che rischia di incrementare la disoccupazione. Per il governo taiwanese, è un appuntamento che non si può perdere.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®