18 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 29/06/2005, 00.00

    CINA

    Nuovo vescovo di Shanghai: “Servire la comunità contro il dilagare del secolarismo”



    L'Ufficio affari religiosi di Shanghai tenta di negare che la nomina del presule abbia avuto il consenso della Santa Sede, ma mons. Joseph Zen e fonti di AsiaNews lo confermano.

    Shanghai (AsiaNews) – Essere un vescovo non è un onore, ma un ministero che serve a servire, a essere un modello per tutta la comunità. E’ quanto ha affermato mons. Giuseppe Xing Wenzhi, nuovo vescovo ausiliare di Shanghai, durante l’omelia pronunciata ieri, giorno della sua ordinazione episcopale. La messa è stata celebrata da mons. Aloysius Jin Luxian, vescovo di Shanghai.

    L’età avanzata dei fedeli ed il materialismo dilagante di Shanghai – capitale economica della Cina del boom industriale – sono le sfide pastorali che il nuovo vescovo dovrà affrontare all’interno di una delle diocesi più popolose del Paese. Mons. Xing ha dichiarato di “voler seguire le orme di Gesù ed accrescere la mia fede per poter affrontare queste sfide”. “Il secolarismo e la corsa sfrenata verso il denaro sono sbagliati – continua – perché sviano l’uomo dai suoi bisogni più veri”.

    In generale la comunità cattolica di Shanghai giudica il nuovo vicario con sentimenti positivi: egli è visto come un uomo dotato di grande fede e di un’ottima preparazione dottrinale. Secondo mons. Jin l’uomo è “dotato della capacità di guardare dentro gli uomini”. “E’ giovane – ha detto inoltre l’anziano prelato – ma maturo: io non devo insegnargli più nulla”.

    La nomina del nuovo vescovo e la notizia che essa avrebbe avuto il consenso della Santa Sede ha intanto provocato una reazione dell’Ufficio Affari religiosi – organismo governativo che controlla le attività religiose in Cina - di Shanghai. L'Ufficio oggi ha dichiarato che “la nomina di mons. Xing è affare cinese, con cui il Vaticano non ha nulla a che fare”.

    Fonti di AsiaNews in Cina affermano invece che la scelta “è approvata dalla Santa Sede”. Anche mons. Joseph Zen, vescovo di Hong Kong, ha sottolineato oggi il consenso della Santa Sede: “Vi sono stati molti casi – ha detto il prelato durante un’intervista - in cui il Vaticano e Pechino hanno trovato un accordo sulle nomine episcopali, ma è normale che il governo spinga per tenere tutto sotto silenzio”. “La nomina dell’ausiliare di Shanghai – ha aggiunto – va invece vista per quello che è, ovvero un grande passo in avanti nella normalizzazione dei rapporti sino-vaticani”.

    Altre fonti di AsiaNews in Cina affermano infatti che la dichiarazione dell’Ufficio “deriva da una posizione dei funzionari dell’Ufficio Affari religiosi di Shanghai” che “si oppongono per una questione personale, non di principio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/09/2017 11:16:00 CINA
    Wang Zuoan: Religioni straniere si ‘infiltrano’ e minacciano la Cina

    Il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi difende i nuovi regolamenti sulle attività religiose. Il “pericolo” di discussioni religiose su internet e di raduni religiosi “illegali”.



    15/06/2006 Cina
    Cina, pastore protestante arrestato per distribuzione di propaganda cristiana

    Wang Zaiqing è detenuto dal 28 aprile, ma le accuse sono state rese note alla famiglia solo un mese dopo. E' il terzo leader protestante fermato per stampa e distribuzione di Bibbie e materiale religioso.



    15/12/2006 CINA
    Lo Stato non riesce a “controllare” la fede
    La pretesa del Partito che ogni attività religiosa avvenga dentro organizzazioni statali fa aumentare i fedeli “sotterranei”. Le comunità religiose acquistano sempre maggiore autonomia.

    01/09/2006 Cina – Vaticano
    Persecuzione economica: l'Associazione Patriottica all'assalto delle proprietà della Chiesa
    Valgono 13 miliardi di euro i beni della Chiesa che il governo centrale ha riconosciuto che debbano essere restituiti. Ma Ufficio affari religiosi, Associazione patriottica e governi locali ne fanno oggetto di vendite o si tengono le rendite.

    28/06/2005 CINA-VATICANO
    Cina, ordinato primo vescovo congiunto da governo e Santa Sede




    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®