12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 05/12/2012, 00.00

    CINA

    Oltre 100 Premi Nobel chiedono libertà per Liu Xiaobo e sua moglie Liu Xia



    Il comitato per la liberazione di Liu è guidato dall'arcivescovo Desmond Tutu e dal Nobel per la medicina Sir Richard Roberts. La libertà intellettuale e l'ispirazione creativa" sono elementi importanti per il progresso della condizione umana. Il Premio Nobel per la pace Liu Xiaobo è stato condannato a 11 anni di prigione per "incitamento alla sovversione contro lo Stato". Sua moglie è costretta agli arresti domiciliari senza alcuna condanna. Appello di Hu Jia perché governi, gruppi per i diritti umani, cinesi in patria e all'estero sostengano la liberazione dello scrittore dissidente e la libertà di parola in Cina. "Liberando Liu Xiaobo e Liu Xia, la Cina può dimostrare la sua forza".

    Pechino (AsiaNews) - Più di 100 Premi Nobel chiedono alla nuova leadership della Cina di liberare dalla prigione lo scrittore Liu Xiaobo, Premio Nobel per la pace, e sua moglie Liu Xia dagli arresti domiciliari.

    L'appello è una lettera aperta rivolta a Xi Jinping, che diverrà presidente nel marzo prossimo ed è firmata da 134 Premi Nobel per la letteratura, la chimica, la fisica, la medicina, la letteratura e la pace.

    Liu Xiaobo, Premio Nobel per la pace 2010 è stato condannato a 11 anni di prigione per "incitamento alla sovversione contro lo Stato", dopo aver aiutato alla stesura della Carta 08 e aver pubblicato sul web alcuni articoli sulla democrazia. Sua moglie è obbligata agli arresti domiciliari senza alcuna condanna e spesso privata del diritto di visitare suo marito.

    "Nessun governo - dice la lettera - può restringere la libertà di pensiero e di associazione senza avere un effetto negativo su... importanti innovazioni umane".

    "La caratteristica specifica che ha portato al nostro riconoscimento come Premi Nobel nelle diverse discipline è proprio

    quella di aver scelto il potere della nostra libertà intellettuale e l'ispirazione creativa per fare la nostra parte nel progresso della condizione umana".

    La lettera è parte di una campagna internazionale per la liberazione di Liu Xiaobo e Liu Xia, guidata dall'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu e dal Premio Nobel per la medicina Sir Richard Roberts. Fra i firmatari della lettera vi sono anche il Dalai Lama, Mario Vargas Llosa e Toni Morrison.

    In una dichiarazione pubblicata insieme alla lettera,  Tutu spiega che "Il nostro sforzo non è quello di imbarazzare la Cina, ma piuttosto di implorare il governo a prendere un diverso approccio che potrebbe aiutare la Cina a sviluppare nel modo migliore tutto il suo popolo".
    Sir Richard Roberts aggiunge: "Liberando Liu Xiaobo e Liu Xia, la Cina può dimostrare la sua forza".

    La lettera ricorda con gratitudine che anche il presidente uscente, Hu Jintao ha di recente sottolineato che in Cina occorre affrontare alcune questioni riguardo i diritti umani.  "Noi speriamo - sottolinea la lettera - che la nuova leadership passi dal solo riconoscere il problema ad afferrare l'importante opportunità si fare passi concreti verso il sostegno dei diritti umani fondamentali di tutti i cittadini cinesi".

    Liu Xiaobo è uno degli spiriti più illuminati della Cina contemporanea. Quando è stato nominato per il Nobel, Liu era già in prigione da due anni (dal dicembre 2008). Alla cerimonia per ricevere il Premio, il 10 dicembre 2010, vi era una sedia vuota (v. foto). Il governo cinese aveva diffidato, dissidenti e amici della famiglia di Liu, di andare a Oslo, rifiutandosi di rilasciare i passaporti e promettendo rappresaglie economiche verso la Norvegia.

    Interrogato da Radio Free Asia, il dissidente Hu Jia ha detto di essere eccitato al sapere che così tante persone influenti hanno firmato la lettera. Ma ha aggiunto che forse tutto questo non sarà sufficiente a liberare Liu e sua moglie. "Il governo cinese -  fa notare - ignorerà l'appello o punterà i piedi su ogni cosa che possa costituire una minaccia alla sicurezza".

    Hu, condannato anche lui a tre anni e mezzo per aver postato articoli su internet, durante il 18mo Congresso del Partito comunista, tenutosi in novembre, è stato costretto a viaggiare lontano da Pechino, mentre la sua famiglia era agli arresti domiciliari nella capitale.

    Nonostante ciò egli ha invitato governi, gruppi per i diritti umani, cinesi nella nazione ed espatriati a sostenere la libertà di parola e unirsi nel richiedere la libertà per Liu Xiaobo e Liu Xia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/07/2017 08:35:00 CINA
    I dottori ai familiari di Liu Xiaobo: Preparatevi alla sua morte

    Interrotte le cure contro il cancro al fegato; applicate solo le cure contro il dolore. L’invito a specialisti dagli Stati Uniti e dalla Germania è fermo per questioni burocratiche. Gli amici di Liu sospettano che le autorità vogliano abbandonarlo alla morte.



    26/06/2017 10:56:00 CINA
    Il dissidente Liu Xiaobo esce dalla prigione: è malato di cancro terminale al fegato

    Gli è stato concesso di curarsi fuori del carcere. Non cercherà trattamenti medici all’estero. Nel 2009 era stato condannato a 11 anni per “sovversione contro lo Stato”: aveva compilato il manifesto di Carta ’08. Mentre era in prigione, nel 2010 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la pace.



    26/07/2017 12:44:00 CINA
    Bao Tong: Liu Xiaobo è stato un grande patriota cinese

    Il grande statista parla della sua amicizia con il grande dissidente, che le autorità hanno lasciato morire di cancro. Le pacifiche e non violente proposte espresse da Liu nell’importante documento di Carta ’08 sono quasi tutte contenute nella costituzione cinese. Eppure Liu è stato condannato per “sovversione contro lo Stato”. I suggerimenti per la nazionalizzazione dell’esercito e del federalismo.



    03/07/2017 11:15:00 CINA
    Bao Tong: Il governo cinese responsabile per la mancanza di cure a Liu Xiaobo

    Per il grande statista le autorità carcerarie hanno trascurato in modo deliberato la gravità della malattia per molto tempo. Un “omicidio deliberato”. Bao e altri amici domandano a Xi Jinping di liberare Liu Xiaobo con un’amnistia. Ma per il Global Times Liu deve ancora scontare la prigione perché “sovversivo”.



    29/06/2017 12:19:00 CINA
    Attivisti per i diritti umani: Liu Xiaobo torturato. Pechino gli faccia scegliere dove curarsi

    Appello alla comunità internazionale perché offra cure mediche e accoglienza alla famiglia. La privazione di cure mediche è una forma di tortura che mette in pericolo la vita delle persone. Da maggio, la moglie chiedeva fosse permesso a Liu di curarsi all’estero. Attivista pro-democrazia: “La sua miglior possibilità è un trapianto di fegato, ma non è prevedibile che ciò accada in Cina”. L’offerta di Taiwan ad accoglierlo e curarlo. Pechino risponde: no alle ingerenze degli altri Paesi, “Liux Xiaobo è un cittadino cinese”.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®