28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 12/03/2015, 00.00

    SIRIA - ONU

    Onu e comunità internazionale hanno fallito: il 2014 è l'anno peggiore per i civili siriani



    Un rapporto presentato da 21 ong accusa il regime siriano e i ribelli di colpire abitazioni civili, ospedali, scuole. I membri del Consiglio di sicurezza e gli Stati hanno frenato l'attuazione delle risoluzioni Onu a favore dei civili. Nel 2014 sono state uccise 76mila persone, su 210 mila in quattro anni. Quest'anno i finanziamenti delle operazioni a favore della popolazione hanno raggiunto solo il 57% del fabbisogno.

    Londra (Asianews/Agenzie) - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu e la comunità internazionale sono responsabili per "l'anno più terribile" del conflitto siriano: l'Onu non ha saputo attuare le sue risoluzioni; il mondo non ha risposto a sufficienza al disastro umanitario il cui prezzo è sempre più alto.

    Le pesanti accuse sono contenute in un rapporto dal titolo "Fallimento colpevole in Siria" stilato da 21 organizzazioni in difesa dei diritti umani e presentato oggi, in cui si criticano gli Stati per non essere stati capaci di far applicare una serie di risoluzioni del Consiglio di sicurezza del'Onu per proteggere i civili vittime della guerra che sta distruggendo la Siria da quattro anni.

    Nel 2014 tre risoluzioni avevano chiesto ai belligeranti di proteggere i civili. "Purtroppo - afferma il rapporto - le risoluzioni e la speranza che esse portavano, sono divenute vuote di senso per i civili siriani. Esse sono state ignorate o ostacolate dai belligeranti, da Paesi membri dell'Onu e perfino da membri del Consiglio di sicurezza".

    Il 2014 è l'anno più sanguinoso del conflitto, con almeno 76mila persone uccise su 210mila dal 15 marzo 2011.

    Il testo accusa le forze del regime di Assad e i ribelli di colpire senza alcuna considerazione le infrastrutture civili, comprese le scuole, le cliniche gli ospedali e di limitare l'accesso dei civili bisognosi.

    Fra le ong che hanno firmato il rapporto vi è l'Oxfam, l'International rescue Committee e Save the Children. Esse affermano che almeno 7,8 milioni di siriani vivono in zone di "difficile accesso", impossibilitati a ricevere aiuti.

    Davanti ai bisogni crescenti, vi è stata anche una diminuzione degli aiuti: nel 2014, è stato raccolto solo il 57% dei fondi necessari; nel 2013 solo il 71%.

    Per l'anno prossimo, l'Onu necessita di almeno 8,4 miliardi di dollari per aiutare gli oltre 11 milioni di rifugiati siriani. Jan Egeland, segretario generale del Consiglio norvegese per i rifugiati, fra i responsabili del rapporto, fa notare che la somma è un sesto del costo dei giochi olimpici di Sochi (Russia).

    "Noi non stiamo portando alcuna speranza ai milioni di giovani siriani - ha detto Egeland -... come non pensare che essi siano facilmente attirati dall'estremismo?".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/05/2014 SIRIA
    Accordo per la fine dell'assedio a Homs. La fame, un nuovo strumento di guerra
    Dopo quasi due anni di assedio, i ribelli potranno lasciare la città, portando aiuti e cure per i civili e i feriti. Lo "scambio" con gli aiuti in due villaggi sciiti pro-regime. L'Onu accusa "le parti in lotta" di non aiutare l'apertura di canali umanitari. Necessari "aiuti massicci" per i rifugiati interni e i profughi nella regione e nei Paesi di accoglienza.

    29/08/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
    Onu: in Siria oltre 3 milioni di rifugiati, "la più grande emergenza umanitaria”
    Quasi la metà degli abitanti costretti a lasciare le proprie case dall’inizio del conflitto, nel marzo 2011. Il Libano è il Paese che ha accolto il maggior numero di profughi, oltre 1,1 milioni; altri 6,5 milioni sono sfollati interni. Lo Stato islamico ha portato le violenze contro i civili “a un nuovo livello” e ostacola la distribuzione di aiuti.

    19/02/2014 SIRIA
    Siria, i ribelli "pronti all'offensiva di primavera" per il controllo di Damasco
    Governo e opposizione si sfidano sul piano militare: attesa una "grande battaglia" per Daraa, provincia considerata "il cancello" per la capitale. "Migliaia" di combattenti addestrati in Giordania dalle forze occidentali. Ban Ki-moon invita le parti a tornare al tavolo dei colloqui di pace.

    11/11/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
    Nunzio a Damasco: conflitto siriano, l’ottimismo Onu e il dramma di un popolo stremato
    Mons. Zenari ha incontrato il rappresentante speciale delle Nazioni Unite Staffan de Mistura, “determinato” al raggiungimento di una tregua. L’obiettivo è creare zone in cui “congelare” il conflitto e favorire l’invio di aiuti. Aperture dal presidente Assad. Ma la popolazione è stanca e “chi può cerca di fuggire”. La speranza di un fronte comune contro i jihadisti.

    07/03/2013 FILIPPINE - SIRIA
    Manila chiede ai ribelli siriani di liberare 21 osservatori Onu filippini
    Sono ostaggio del gruppo "Martiri di Yarmouk". Li trattano "come ospiti", ma per rilasciarli esigono l'allontanamento delle forze di Assad dalla regione del Golan. Ban Ki-moon condanna il rapimento. L'ambasciatore russo chiede a Qatar, Arabia saudita e Turchia di liberare i 21 prigionieri di questo "bizzarro" sequestro.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®