27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/05/2017, 08.58

    SIRIA - ONU

    Onu: zone di sicurezza in Siria un accordo incoraggiante, ma occorre verificarne l’applicazione



    Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres apprezza l’impegno di Russia, Turchia e Iran nel cercare di “mettere fine” all’uso delle armi. Quattro le aree di de-escalation. Resteranno in vigore per almeno sei mesi. Ma la delegazione siriana e il fronte dei ribelli ad Astana non firmano. A Sochi Turchia e Russia rilanciano la cooperazione bilaterale. 

     

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres è “incoraggiato” dall’accordo raggiunto ieri fra Russia, Iran e Turchia, in base al quale verranno create “zone di sicurezza” e di “de-escalation” del conflitto in Siria. Secondo quanto riferisce Stephane Dujarric, portavoce del leader Onu, “sarà cruciale verificare che questo accordo serva davvero a migliorare le vite” della popolazione civile stremata da anni di guerra. 

    I governi di Mosca, Teheran e Ankara hanno firmato ieri ad Astana, capitale del Kazakistan, a conclusione dei colloqui di pace un documento che sancisce la creazione di quattro zone di sicurezza. Si tratta di un passo ulteriore nella direzione del cessate il fuoco entrato in vigore a fine dicembre. 

    L’accordo prevede il cessate il fuoco, il divieto di sorvolo dell’area, il rifornimento immediato di aiuti umanitari e il ritorno dei rifugiati. Le zone interessate dovranno essere attuate entro il 4 giugno e riguardano parti della provincia di Homs, nel centro del Paese, nel sud e nella enclave di Ghouta, e a est della capitale. 

    Informato della conclusione positiva delle trattative, il segretario generale Onu ha manifestato “apprezzamento” per l’impegno mostrato nel cercare di “mettere fine all’uso di tutte le armi, in particolare gli aerei” e la rapida fornitura di aiuti medici e delle necessità di base. 

    Le Nazioni Unite sono favorevoli a una de-escalation del conflitto, come sottolinea lo stesso inviato speciale Onu per la Siria Staffan de Mistura, presente ai colloqui di Astana. Per de Mistura l’accordo è “un passo importante, positivo e promettente, nella giusta direzione” per la fine dei combattimenti nel contesto di un conflitto divampato nel marzo 2011 e che ha causato sinora 320mila morti. 

    Più cauto il parere degli Stati Uniti, che nutrono dubbi sul ruolo dell’Iran pur esprimendo la speranza che l’accordo possa essere viatico per una tappa successiva dei negoziati. Entro le prossime due settimane si dovrà create un gruppo di lavoro chiamato a risolvere le questioni tecniche. 

    Fonti diplomatiche presenti ai colloqui nella capitale del Kazakistan affermano che le “zone di sicurezza” resteranno in vigore “per i prossimi sei mesi, con la possibilità di ulteriore proroga”. Tuttavia, l’accordo non è stato firmato né dalla delegazione del governo di Damasco, né dai portavoce dei gruppi ribelli presenti ad Astana. Oussama Abou Zeid, portavoce dei ribelli, si è detto contrario al fatto che “l’Iran sia fra i garanti dell’accordo”. 

    Nel frattempo si è concluso anche il vertice di Sochi, sul mar Nero, fra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e l’omologo russo Vladimir Putin. Entrambi, seppur sostengono fronti diversi nel contesto del conflitto siriano e partendo da visioni opposte, hanno sottolineato il desiderio di proseguire nel cammino di pace. 

    Il leader del Cremlino ha affermato che le relazioni fra Mosca e Ankara sono “pienamente ristabilite” dopo un periodo di turbolenze in conseguenza dell’abbattimento del caccia russo da parte dell’esercito turco al confine siriano. A conferma della ritrovata collaborazione, gli accordi commerciali firmati dai due governi e la cancellazione di alcune sanzioni riguardanti prodotti agricoli turchi come grano e olio di girasole.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/05/2017 08:51:00 SIRIA - RUSSIA - TURCHIA
    Mosca: aree sicure e no-fly zones per rafforzare il cessate il fuoco in Siria

    Il presidente russo Putin ne ha parlato con il presidente Usa Trump e l’omologo turco Erdogan. L’obiettivo è favorire il rientro dei rifugiati e la consegna di aiuti alla popolazione. Previsto anche l’invio di truppe straniere nel ruolo di osservatori. I ribelli hanno sospeso la partecipazione ai colloqui di Astana per protesta contro i raid aerei governativi. 

     



    14/10/2016 13:14:00 SIRIA - RUSSIA
    Ratifica dell’accordo per la creazione di una base “permanente” russa in Siria. Un "corridoio" per far uscire i ribelli da Aleppo

    Questa mattina la firma sull’accordo del 2015 fra Mosca e Damasco. Esso permette la presenza per un tempo “indefinito” di truppe russe sul campo. E tutela il Cremlino da processi in territorio siriano. Generale russo propone un “passaggio sicuro” e incolumità alle milizie ribelli che decidono di abbandonare Aleppo. 

     



    30/10/2015 SIRIA
    A Vienna si discute il futuro della Siria, con Iran e Arabia Saudita
    Il segretario generale Onu invita i Paesi partecipanti a mostrare “flessibilità” e si dice “fiducioso” sull’esito dei colloqui. Fra i nodi irrisolti il futuro politico di Assad e il processo di transizioni. Timide aperture dai vari fronti, ma le posizioni restano distanti. Washington conferma il sostegno ai gruppi ribelli siriani.

    04/04/2016 08:51:00 SIRIA
    Idlib, uccisi da un raid aereo il portavoce di al Nusra e altri 20 islamisti

    Fra le vittime Abu Firas e il figlio. Morti anche diversi combattenti stranieri. Incertezza sull’autore dell’attacco, l’aviazione siriana o le forze russe. Nei raid centrati anche obiettivi del movimento estremista Jund al-Aqsa. I leader alawiti prendono le distanze da Assad: la Siria non è legata a una famiglia ma a democrazia e diritti. 



    13/10/2016 13:16:00 SIRIA
    Vicario di Aleppo, razzi ribelli sul quartiere cristiano: colpita scuola, morti quattro bambini

    Mons. Georges Abou Khazen parla di un “inferno” che continua e coinvolge “un'intera popolazione”. Raccogliendo l’appello del papa, egli auspica un “cessate il fuoco” per portare “aiuto e conforto”. Le potenze mondiali devono essere “responsabili” e far prevalere “una logica di pace”. Nel fine settimana a Losanna nuovo incontro fra Kerry e Lavrov. 

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®