18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/03/2017, 12.06

    ISRAELE - PALESTINA - ONU

    Onu: Israele non rispetta le direttive sugli insediamenti e favorisce l’espansione



    L’inviato speciale delle Nazioni Unite per il Medio oriente contro lo Stato ebraico, che non ha preso “alcun provvedimento” per conformarsi alla risoluzione Onu. Al contrario, il governo israeliano ha promosso “un gran numero” di nuove unità abitative. Ambasciatore israeliano all’Onu: Le colonie non sono un ostacolo alla pace.

     

    New York (AsiaNews) - Israele non ha preso “alcun provvedimento” per conformarsi a una risoluzione delle Nazioni Unite adottata a fine dicembre, che intimava la fine delle attività di espansione degli insediamenti nei Territori occupati a Gerusalemme est e in Cisgiordania. Al contrario, il governo dello Stato ebraico ha autorizzato “un gran numero” di nuove colonie e una crescita di quelle già presenti, in violazione della legge e del diritto internazionale. A lanciare il nuovo atto di accusa contro la politica promossa dall’esecutivo guidato dal premier Benjamin Netanyahu, il governo “più a destra di sempre” della storia di Israele, è l’inviato speciale Onu per il Medio oriente Nickolay Mladenov.

    Intervenendo in sede di Consiglio di sicurezza Onu, l’alto diplomatico di origine bulgara ha affermato che proclami e norme emanate da Israele mostrano il “chiaro intento” di continuare la politica di “espansione” delle colonie. Azioni che si pongono in “aperta violazione” alle disposizioni del diritto internazionale e alle recenti disposizioni delle Nazioni Unite.

    Il riferimento è alla risoluzione votata il 23 dicembre scorso e approvata da 14 Paesi con l’astensione degli Stati Uniti, col benestare del presidente uscente Barack Obama. Per la prima volta dal 1979 Washington non ha bloccato in sede di Consiglio una mozione sfavorevole al Paese ebraico. In risposta, Israele ha deciso di “ridurre” i legami diplomatici con le nazioni che hanno votato la risoluzione.

    Mladenov ha quindi aggiunto che per le Nazioni Unite “tutte le attività relative agli insediamenti” sono fonte di “profonda preoccupazione” e costituiscono un ostacolo alla pace, oltre che a minare la possibile “contiguità” territoriale di un futuro Stato palestinese. Solo di recente, aggiunge, il governo dello Stato ebraico ha annunciato due importanti progetti di espansione, per un totale complessivo di circa 5.500 unità abitative.

    Pronta la replica dell’ambasciatore israeliano all’Onu Danny Danon, secondo cui “non vi è alcuna equivalenza morale fra la costruzione di case e il terrorismo omicida”. Il solo ostacolo alla pace, aggiunge, “è la violenza palestinese”.

    Sotto il governo Netanyahu vi è stato un considerevole incremento delle colonie israeliane. Nel 2015 almeno 15mila nuovi coloni si sono trasferitisi nella West Bank.

    Secondo l’organizzazione Peace Now nel 2016 l’amministrazione israeliana ha dato il via libera a 2.623 nuovi insediamenti. Fra questi vi sono 756 case abusive e “legalizzate” a posteriori. Ad oggi almeno 570mila cittadini israeliani vivono in oltre 130 insediamenti costruiti da Israele a partire dal 1967, data di inizio dell’occupazione e cresciuti a ritmo esponenziale negli ultimi tempi grazie alla politica espansionista del governo israeliano.

    Agli insediamenti si aggiungono anche almeno 97 avamposti, considerati illegali non solo dal diritto internazionale ma dallo stesso governo israeliano.

    I colloqui di pace si sono interrotti nel 2014, innescando una escalation di violenze di fronte alla quale si è rivelata sempre più evidente l’inerzia (o impotenza) della comunità internazionale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/01/2017 08:51:00 ISRAELE - PALESTINA - ONU
    Lega araba contro Israele: le colonie, segno del “disprezzo” per la comunità internazionale

    Dichiarazione di Ahmed Aboul Gheit, leader dell’organizzazione. Il governo Netanyahu vuole “far fallire” tutti gli “sforzi” per la soluzione dei due Stati. Il Consiglio di sicurezza Onu non si esprime sui progetti di ampliamento degli insediamenti. 

     



    25/01/2017 08:46:00 ISRAELE - PALESTINA - ONU
    Israele vuole costruire migliaia di nuove abitazioni nei Territori. Condanna Onu

    Il governo ha annunciato la realizzazione di 2500 nuove unità abitative. Il progetto di espansione più imponente degli ultimi anni. Ferma condanna dei palestinesi. Contrarie le Nazioni Unite: “Azioni unilaterali” ostacolo alla pace e alla soluzione dei due Stati. Nessun commento dalla Casa Bianca, che conferma la volontà di “riavvicinarsi” a Israele. 

     



    23/01/2017 12:57:00 ISRAELE - PALESTINA
    In attesa di Trump, Netanyahu dà via libera a centinaia di nuovi insediamenti

    L'incontro fra il premier e il presidente Usa sarà in febbraio. La municipalità di Gerusalemme ha approvato 556 nuove case negli insediamenti di Pisgat Zeev, Ramat Shlomo e Ramot. Con il giuramento di Trump, per Israele si apre una “nuova era” nelle relazioni fra i due Paesi. Pressioni dall’estrema destra per l’ampliamento del controverso insediamento di Maaleh Adumim, Decisione congelata fino al vertice di Washington. 

     



    23/12/2016 08:33:00 EGITTO-USA-ONU
    Posticipata all’Onu la risoluzione su Israele e le colonie. L’intervento di Trump

    Una bozza presentata dall’Egitto, è stata ritirata il giorno dopo. Il presidente Usa eletto, non ancora in carica, ha imposto il veto degli Stati Uniti.



    17/11/2016 12:45:00 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme, la legge che legalizza il sequestro di terre ai palestinesi

    La Knesset ha approvato in prima lettura la norma dell’estrema destra che legalizza il sequestro di terre di privati palestinesi. Per il voto finale serve la maggioranza assoluta. Peace Now: Netanyahu è “concentrato sulla lotta di potere interna”. Bernard Sabella: Contro la legge “essenziale l’intervento dell’Europa e l’unità fra palestinesi”. I dubbi su Trump e le politiche Usa. Il tramonto del progetto di "due popoli, due Stati".

     





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®