14 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/03/2017, 10.36

    INDIA

    Organizzazione cattolica del Karnataka: venite a fare i volontari tra i carcerati

    Purushottam Nayak

    Prison Ministry India lavora da oltre 30 anni con i detenuti. Ha lanciato una campagna di reclutamento per portare sollievo nelle 1.382 prigioni indiane. “Quasi 400mila persone languono senza amore, speranza e aiuto”. L’iscrizione è aperta a tutti; la formazione durerà due settimane dall’8 al 23 maggio.

    Bangalore (AsiaNews) – “Vi invitiamo a trascorrere un anno come volontari o addetti a tempo pieno nella nostra comunità”. È l’invito lanciato da Prison Ministry India (Pmi), un’organizzazione cattolica del Karnataka che da oltre 30 anni porta sollievo ai carcerati rinchiusi nelle prigioni di tutta l’India. P. Sebastian Vadkumpadan, coordinatore nazionale dell’associazione, spiega: “Quasi 400mila persone languono senza amore, speranza e aiuto in 1.382 case di detenzione in tutto il Paese. Prison Ministry India offre la possibilità di coinvolgervi nel riformarle dall’interno e dall’esterno, in un percorso di riabilitazione per i detenuti”.

    L’iniziativa parte da un episodio avvenuto lo scorso anno nel periodo pasquale, durante una delle numerose opere di misericordia corporale promosse in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia. Nel Giovedì Santo mons. Kuriakose Bharanikulangara, arcivescovo di Faridabad (in Haryana), ha presenziato alla cerimonia della lavanda dei piedi nel carcere di Tihar, a Delhi. In quell’occasione egli ha lavato i piedi di 12 prigionieri. Alla fine della liturgia un altro prigioniero si è avvicinato all’altare e ha domandato: “Eccellenza, può lavare anche i miei piedi?”.

    Per il vescovo e i presenti quella richiesta è stata una vera sorpresa. Il presule ha accolto con gioia la domanda del 13mo carcerato, detenuto con false accuse. Mons. Peter Remigius, presidente di Pmi, afferma: “Dovremmo andare tutti alla ricerca del 13mo prigioniero, disposto ad accogliere il nostro sostegno e supporto. È possibile che essi non siano disponibili ad accoglierci, ma noi dobbiamo sempre avere uno spazio amorevole per loro”.

    Grazie al sostegno di diocesi, congregazioni e istituzioni ecclesiastiche, lo scorso anno centinaia di prigionieri hanno riguadagnato la libertà. Sulla scia delle opere attuate nell’Anno della Misericordia, l’organizzazione ha deciso di aprire in tutta l’India il reclutamento di volontari per “dare il proprio contributo a ricercare il 13mo prigioniero”.

    Le iscrizioni sono già aperte e termineranno il prossimo 21 aprile. Il periodo di formazione avverrà tra l’8 e il 23 maggio. In queste due settimane chiunque voglia presentarsi – sacerdoti, suore, laici – sarà istruito a tempo pieno per “estendere la propria compassione e cura verso i nostri fratelli dietro le sbarre”. Chiunque voglia fare una donazione, può mandare il proprio contributo a “Prison Ministry India, IFSC SIBL 0000416, Ac. No. 0416053000001419, South Indian Bank, Koramangala Branch, Bangalore-34, Pan No. AAATP 7433J”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/11/2016 11:15:00 VATICANO
    Papa: Cari detenuti, è il giorno del vostro Giubileo! Che oggi, dinanzi al Signore, la vostra speranza sia accesa

    Alla celebrazione del Giubileo dei carcerati, insieme a detenuti, familiari, personale penitenziario, associazioni di sostegno, cappellani delle carceri, papa Francesco esorta alla speranza di “rinascere a una vita nuova”.  “Dio spera! La sua misericordia non lo lascia tranquillo. È come quel Padre della parabola, che spera sempre nel ritorno del figlio che ha sbagliato”. Non vi è stato un appello per indulto o un’amnistia: “Il Giubileo, per sua stessa natura, porta con sé l’annuncio della liberazione. Non dipende da me poterla concedere”.  I prigionieri "chiusi nei propri pregiudizi". La Madre e il Bambino che ha in mano una catena spezzata, “la catena della schiavitù e della prigionia”.



    19/05/2017 15:14:00 INDIA
    Suora indiana: preghiera e vicinanza possono trasformare i carcerati

    Suor Inigo Joachim opera come volontaria di Prison Ministry India. L’associazione cattolica lavora da 30 anni con i carcerati di tutta l’India. Il problema più grande è la solitudine dei prigionieri, abbandonati dalle famiglie. “Hanno bisogno della nostra presenza, di sostegno e di una spalla su cui piangere”. A loro volta, i detenuti “sono i nostri benefattori, danno significato alla nostra vocazione e alla nostra missione”.



    15/06/2016 08:45:00 INDIA
    Karnataka, una giovane cattolica muore in un incidente: i genitori donano i suoi occhi

    La ragazza si chiamava Shwetha D’Souza e aveva 22 anni. La sorella minore ha incoraggiato i genitori affinchè “un’altra persona possa vedere attraverso i suoi occhi”. In India la donazione di cornea non è diffusa. Ogni anno circa 140mila persone avrebbero bisogno del trapianto.



    18/12/2015 INDIA - VATICANO
    “Grate e felici” le suore di Calcutta per l’imminente canonizzazione di Madre Teresa
    Mons. Henry D’Souza, che aveva iniziato il processo di beatificazione: “Madre Teresa continua questa sua materna protezione per me e per l’umanità intera ancora adesso”. Il miracolo approvato ieri sera da papa Francesco. Giovanni Paolo II la definì “l’icona della missione nel XXI secolo”. Papa Francesco la propone come modello per le “opere di misericordia” in questo Giubileo.

    15/03/2016 12:24:00 INDIA – VATICANO
    Card. Toppo: La Chiesa in India e in tutta l’Asia gioisce per la canonizzazione di Madre Teresa

    L’arcivescovo di Ranchi commenta il decreto firmato questa mattina da papa Francesco. Egli racconta ad AsiaNews una profonda amicizia personale con la fondatrice delle Missionarie della Carità, nata nel 1978 quando fu nominato vescovo di Dumka. L’impegno della futura santa verso la natura e l’ambiente, testimoniato nella sua determinazione a vivere in povertà.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®