12/01/2009, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Orissa, insicurezza e odio per i cristiani cacciati dai campi profughi

di Nirmala Carvalho
Il governo chiude i campi e dà compensi irrisori. I cristiani che tornano alle loro case distrutte devono vivere affianco ai loro persecutori. Ai fedeli si rifiuta di offrire lavoro a giornata e i negozianti si rifiutano di vendere qualunque provvista.

Bhubaneshwar (AsiaNews) – Non ha fine il calvario dei cristiani in Orissa: il governo sta chiudendo tutti i campi profughi e sta cacciando via i cristiani. Allo stesso tempo, nessuno garantisce loro sicurezza contro le violenze e vi sono ancora segnali di odio e rifiuto verso di loro.

P. Nithiya, ofm, è fra i testimoni di queste nuove sottili violenze contro i cristiani di Kandhamal. Nella zona, dall’agosto scorso, gruppi di radicali indù hanno ucciso centinaia di persone, bruciato chiese e case, distrutto coltivazioni. Degli oltre 50 mila sfuggiti ai massacri, circa 20 mila hanno trovato rifugio in campi approntati dal governo. P. Nithiya, segretario esecutivo di Giustizia e pace, ha visitato alcuni di questi scampati nel villaggio di Gobalpur, usando terapie neuro-linguistiche per aiutare le persone a superare i traumi che ne sono seguiti.

“I campi di rifugio del governo vengono chiusi – dice ad AsiaNews – e la gente viene mandata via con un piccolo compenso di 10 mila rupie (circa 153 euro). La gente, piena di paura sta tentando di emigrare in altri distretti o altri Stati. La sicurezza la si mantiene nei grandi centri, ma nei villaggi lontani nulla è sicuro per i cristiani. É davvero ridicolo che il governo si sbarazzi dei cristiani con questo misero dono di 10 mila rupie”.

Kesamati Pradhan del villaggio di Kajuri, insieme ad altri suoi compagni di sventura, hanno presentato una denuncia all’Alta Corte dell’Orissa contro l’evacuazione forzata dei campi per le vittime di Kandhamal, senza “adeguate misure protettive per la vita, l’assistenza e il compenso per i danni”.

Le vittime, oltre a 10 mila rupie ricevono anche 50 kg di riso e un rotolo di polietilene, per riparare alla meglio le loro case danneggiate. Molti di loro ritornati nei villaggi, vivono fra le rovine; fogli di plastica vengono usati come tetto e qualche legno o pianta usata come muro. “I cristiani di Kandhamal sono trattati come animali: vivono ormai nella paura e non trovano riparo da nessuna parte. Non possono vivere con dignità: la somma data loro non è sufficiente nemmeno a comprare il cibo; i loro campi sono stati bruciati; le loro case sono ormai distrutte”.

Insicurezza e razzismo

La sicurezza però non esiste. “Due giorni fa – racconta una fonte da Raikia, dove sono avvenuti diversi massacri – nel villaggio di Mokobili, i gruppi estremisti indù hanno rintracciato i cristiani ritornati dai campi profughi, li hanno svegliati nella notte e li hanno minacciati. Davanti a questo, i ritornati non hanno nemmeno il desiderio di mettersi a riparare le loro case, per paura che i radicali indù gliele distruggano ancora. Si fa pressione su di loro perché ritirino le denunce contro le violenze perpetrate dai loro vicini, ma questo non è possibile. In più, da quando sono state presentate le denunce, non è stato compiuto nessun arresto e la nostra gente è costretta a vivere nelle loro case distrutte, a fianco dei loro persecutori o assassini”.

Fratel Oscar Tete, superiore dei Missionari della carità, il ramo maschile dell’ordine fondato da Madre Teresa, confessa che anche per loro “non vi è futuro certo”. La loro case e il lebbrosario a Srasananda (Kandhamal) sono stati distrutti due volte: nel dicembre 2007 e nell’agosto 2008. Ora essi hanno base a Berhampur, ma ogni settimana vanno a visitare i cristiani e i lebbrosi a Srasananda perché la loro presenza “è un conforto per la nostra gente”.

“Non sappiamo ancora se ripareremo la casa a Srasananda. Aspettiamo che si concludano le elezioni, poi ci penseremo. Ma la situazione è ancora più dolorosa per tanti nostri fedeli: questi sono lavoratori a giornata e nessuno offre loro lavoro. Anche se qualcuno ha dei soldi, i negozianti si rifiutano di vedere qualunque roba ai cristiani, perfino il cibo”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Senza fine le sofferenze dei Rohingya: campi profughi allagati dal monsone
15/06/2018 11:25
Tamil Nadu, l’evangelizzazione è possibile anche nei campi profughi
27/10/2017 11:08
La Chiesa dell’Orissa ricostruisce le case di cristiani e indù
10/05/2010
Caritas Libano: Aiutateci a salvare i profughi in fuga dalla Siria
17/01/2013
Cristiano Rohingya: famiglia cristiana rapita, minorenne convertita
04/02/2020 12:29