01 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 13/08/2009, 00.00

    INDIA

    Orissa: massima allerta per il primo anniversario dei pogrom anti-cristiani

    Nirmala Carvalho

    Dispiegamento di forze speciali nel Kandhamal in occasione della festa di Janmastami. È il primo anniversario dall’omicidio dello Swami Laxmanananda Saraswati da cui hanno avuto origine le violenze contro i cristiani dell’agosto scorso.
    Bhubaneshwar (AsiaNews) - Dodici plotoni dell’Orissa State Armed Police force e 500 funzionari delle forze speciali di polizia dispiegati nel Kandhamal per la festa indù di Janmastami. Nell’estate del 2008 la ricorrenza era stata segnata dall’omicidio dello Swami Laxmanananda Saraswati, avvenuto il 23 agosto, da cui hanno avuto origine le violenze indù contro le comunità cristiane dell’Orissa. Quest’anno il Janmastami cade il 13 ed è considerato dai fedeli indù come il primo anniversario dell’omicidio dello Swami.
     
    Tutte le stazioni di polizia del Kandhamal sono in stato di massima allerta e una compagnia del Central Reserve Police Force (Crpf) staziona nel distretto. Tra i cristiani della regione c’è il timore che la ricorrenza possa portare a nuove violenze e nei villaggi teatro degli scontri più cruenti di un anno fa. Il ricordo degli assalti dell’agosto scorso è ancora vivo ed è causa di paura tra religiosi e laici che hanno subito le violenze del fanatismo indù.
     
    Suor Suma, Missionaria della Carità nella parrocchia di Shankarakole, spiega ad AsiaNews che il loro villaggio “è in una zona molto delicata, vicinissima al Samadhi di Guruji, il luogo di sepoltura dello Swami”. Il 25 agosto scorso la parrocchia è stata una delle prime a subire gli attacchi indù. Gli scontri causarono la morte di p. Bernard Digal, picchiato per ore dai fondamentalisti e deceduto due mesi dopo per le ferite riportate nell’assalto. Il sacerdote era andato a Shankarakole  per incontrare il parroco, p. Alexander Chandi, il quale oggi lo ricorda affermando: “P. Bernard ora sta intercedendo dal cielo per tutto il Kandhamal e soprattutto per tutti i sacerdoti”. P. Chandi è sopravvissuto alle violenze e oggi continua a vivere tra la gente del villaggio “dopo un anno non privo di tribolazioni e sofferenze, ma in cui la comunità e i preti hanno potuto sperimentare la grazia e l’amore di Dio nella loro vita”.
     
    Il parroco di Shankarakole ha ripreso da tempo la sua missione nel villaggio “per portare l’amore di Dio alla gente, aiutarla a ricostruire la loro vita e la comunità, e prepararsi a nuove prove se queste dovranno arrivare”.
     
    Dall’agosto 2008 ad oggi gli attacchi contro i cristiani del Kandhamal non sono mai finiti. Dopo i primi feroci assalti, che hanno causato centinaia di morti e migliaia di rifugiati, le aggressioni si sono attenuate, ma violenze piccoli e grandi si sono succedute lungo tutto il 2009.
     
    Il clima di minaccia e insicurezza continua ad essere palpabile in molti villaggi del distretto e la situazione non è diversa in altri Stati indiani. È dell’11 agosto la notizia diffusa dall’All India Christian Council di un assalto ad alcune opere caritative della comunità protestante del distretto di Annigere Gadag, nel Karnataka. Attivisti del movimento indù Rashtriya Swayamsevak Sangh hanno attaccato i locali dove la Chiesa evangelica svolge un programma di assistenza ai bambini accusando i presenti di compiere conversioni forzate.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/09/2009 INDIA
    Il Jharkhand chiede aiuto alla Chiesa per l’emergenza siccità. Estremisti indù insorgono
    L’associazione Rashtriya Swayamsevak Sangh accusa il governo di “perseguire una linea estremista che danneggerà la popolazione”. Per il presidente del Bjp è un “ tentativo di cristianizzare il Jharkhand” e accusa “il Congress di voler vincere le elezioni con l’aiuto della Chiesa”.

    26/06/2012 INDIA
    Tamil Nadu, cristiani protestanti ancora bersaglio degli estremisti indù
    Assaltato il villaggio a maggioranza cristiana di Vanagiri Menvar; incendiati case e luoghi di culto. Il bilancio è di un morto e oltre 15 feriti. La maggior parte degli abitanti è ancora rifugiata nei boschi circostanti il villaggio. Questo è il quinto attacco dall'inizio del 2012.

    29/12/2009 INDIA
    La ricetta di HT Sangliana contro l’estremismo religioso: basta connivenze e rispetto della legge
    Il nuovo vice presidente della Commissione nazionale per le minoranze parla delle violenze contro i cristiani in India. Le frange estreme sono “convinte che il 2,5% dei cristiani potrà sopraffare l’85% degli indù”. Troppo spesso i poliziotti “si tappano le orecchie, restano testimoni muti o, cosa peggiore, parteggiano in modo chiaro per gli aggressori”.

    17/09/2009 INDIA
    Vescovo dell’Orissa: il governo si dichiara estraneo al pogrom anti-cristiano. Mente
    La Commissione d’inchiesta sulle violenze dell’agosto 2008 ascolta alcuni funzionari. L’ex prefetto del Kandhamal: conversioni al cristianesimo fuorilegge. L’ispettore generale di polizia: ignoravamo le minacce maoiste contro gli indù. Il vescovo di Bhubanewsar: sono tutti d’accordo per cacciare via la minoranza cristiana.

    15/12/2009 INDIA
    Orissa, minacce "maoiste" contro radicali indù. Timore per i cristiani
    La polizia di G Udayagiri in allerta per l’attentato ad un negozio di proprietà di un indù e l’apparizione di manifesti intimidatori contro i sostenitori dello Sangh Parivar. Gli agenti indagano tra i gruppi maoisti, ma non escludono una macchinazione. C’è chi vuole aumentare la tensione nella zona in vista delle feste di Natale.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®