2 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 25/08/2008
INDIA
Orissa: violenze e distruzioni contro i cristiani, accusati di aver ucciso leader radicale indù
Chiese, cappelle, un centro sociale e un centro pastorale, oltre a pulmini delle suore sono stati distrutti. La nuova ondata di violenze segue l’assassinio di Swami Laxanananda, principale responsabile di un guerra contro i cristiani dell’Orissa, che nel dicembre scorso ha prodotto 3 morti e 13 chiese bruciate.

Bubaneshwar (AsiaNews) – “Uccidete i cristiani e distruggete le loro istituzioni!”: con questo slogan migliaia di indù legati al gruppo militante Vhp (Vishwa Hindu Parishad ) hanno distrutto e raso al suolo il Centro pastorale della diocesi; un centro sociale a K. Nuagam; una chiesa e la casa parrocchiale a Kandhamal; una cappella a Sundergarh; un pullmino delle suore di Madre Teresa a Bhavanipatni e uno delle suore del Preziosissimo Sangue a Udayagir. La zona è quella del distretto di Kandhamal , diocesi di Cuttack-Bubaneshwar, in Orissa, dove nel dicembre scorso sono avvenute altre violenze contro i cristiani erano state uccise 3 persone e bruciate 13 chiese.

La nuova fiammata di distruzioni è cominciata ieri mattina e continua ancora oggi, con personalità indù che arringano la folla alla distruzione e accusando i cristiani di aver ucciso un leader fondamentalista indù, Swami Laxanananda Saraspati e 5 suoi adepti. Laxanananda è stato il promotore delle violenze dello scorso dicembre contro i cristiani.

L’uccisione è avvenuta la sera di sabato 23 agosto, fra le 21 e le 22, nella sede del suo ashram, nel distretto di Kandhamal. Gli assalitori, una ventina, sono entrati durante una sessione di yoga e hanno sparato colpi all’impazzata, lanciando anche granate. Nei giorni precedenti lo Swami era stato minacciato da un gruppo maoista che voleva mandarlo via dalla zona, accusandolo di innescare conflitti etnico-religiosi. Per tutta risposta lo Swami aveva decretato  una manifestazione di protesta contro i musulmani del Jammu-Kashmir.

I radicali indù stanno però usando questa uccisione scaricando le colpe sui cristiani. L’organizzazione di Laxanananda è notoria per la sua opposizione all’impegno sociale dei cristiani verso i tribali e verso i fuori casta e accusa vescovi sacerdoti e suore di fare opera di proselitismo.

La situazione in tutta la diocesi è molto tesa. La polizia ha messo una guardia a vigilare per ogni possibile obbiettivo, ma senza troppa efficacia. Stamane la casa del vescovo è stata presa a sassate e vi è notizia di un’altra chiesa, appena costruita, che è stata distrutta. Intanto il Vhp ha dichiarato una giornata di sciopero per oggi, bloccando strade e trasporti in tutto l’Orissa. (NC)

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/06/2009 INDIA - USA
Negato il visto di entrata a Commissione Usa sulla libertà religiosa in Orissa e Gujarat
di CT Nilesh
02/11/2009 INDIA
Orissa: uccidono e bruciano due persone; condannati solo per aver distrutto le prove
di Ajay Kumar Singh
01/07/2009 INDIA
Orissa: prima condanna per i pogrom anti-cristiani
di Nirmala Carvalho
24/06/2009 INDIA
Orissa: suora violentata dagli estremisti indù riconosce uno dei suo assalitori
di Nirmala Carvalho
30/08/2008 INDIA
Orissa: migliaia di sfollati e nuove vittime, continua la strage dei cristiani
di Nirmala Carvalho
Articoli del dossier
INDIA
La polizia indiana impone il silenzio alle suore di Madre Teresa
INDIA
P. Bernard: In Orissa, noi cristiani trattati peggio delle bestie
INDIA
Orissa: non c’è pace per i cristiani nemmeno nei campi di rifugio
INDIA
Giornata di preghiera e digiuno per i cristiani dell’Orissa, insieme a indù e musulmani
INDIA
Suore di Madre Teresa ancora sotto inchiesta per “sequestro di bambini”. Bruciata una chiesa
INDIA
India, suore di Madre Teresa assalite da radicali indù e arrestate dalla polizia
INDIA - VATICANO
Mons. Dabre: Fermare il fondamentalismo con il dialogo. Sull’esempio di Madre Teresa
INDIA
La Via crucis di p. Thomas in Orissa: Sono pronto a tornare e servire chi mi ha colpito
INDIA
Orissa: altre 6 chiese bruciate; centinaia di case distrutte
INDIA
Sr Nirmala Joshi: Gettiamo via le armi della violenza; la religione è opera di pace
INDIA
Pressioni sul presidente per fermare le violenze anti-cristiane in Orissa
INDIA
Orissa: migliaia di sfollati e nuove vittime, continua la strage dei cristiani
INDIA
India, chiuse 25mila scuole cattoliche per protesta contro i massacri in Orissa
INDIA
Solidarietà di indù e musulmani indiani ai cristiani dell’Orissa
INDIA
Orissa: uccidere i cristiani per fermare sviluppo e dignità di tribali e Dalit
INDIA
Fedeli uccisi, case e chiese bruciate, migliaia in fuga: il pogrom dei cristiani indiani (SCHEDA)
VATICANO
Papa: in India autorità religiose e civili operino per fermare la violenza
INDIA
Orissa: continuano incendi e razzie. Cristiani picchiati e tagliati a pezzi
VATICANO - INDIA
Vaticano: solidarietà alle vittime dell’Orissa. Vescovo indiano: Una vergogna per lo Stato
INDIA
Orissa: indù bruciano case e chiese di cristiani. Tre morti per asfissia
INDIA
Orissa: suora bruciata viva da estremisti indù; un'altra stuprata

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate