19 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/10/2017, 12.52

    EGITTO - LIBIA

    P. Rafic: ‘Conforto’ per il ritrovamento dei resti dei martiri copti decapitati in Libia



    Per il portavoce della Chiesa cattolica egiziana la scoperta “rende giustizia” alle famiglie. In passato elementi della Fratellanza musulmana avevano messo in dubbio il massacro. Ultimata la costruzione della chiesa dei Martiri della Libia ad Aour. Il governo si sta muovendo per il rimpatrio dei corpi, ma le operazioni sono difficili. 

     

    Il Cairo (AsiaNews) - La recente scoperta è “fonte di grande sollievo e conforto per le madri, i padri, i fratelli e le sorelle” dei martiri copti, anche e soprattutto perché all’epoca dei fatti “qualcuno aveva parlato di una notizia non vera: il rinvenimento rende giustizia alle famiglie”. È quanto racconta ad AsiaNews p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, commentando il rinvenimento nei giorni scorsi dei cadaveri dei 21 lavoratori egiziani, cristiani copti decapitati dallo Stato islamico in Libia nel febbraio 2015.

    Cristiani uccisi in modo barbaro a causa della loro fede e che hanno pagato con la vita il rifiuto di convertirsi all’islam. All’epoca del massacro AsiaNews aveva raccontato in un reportage il “calvario delle famiglie” e “il lutto e la preghiera” condivise dalla comunità musulmana, anch’essa colpita dalla barbarie dei jihadisti, che aveva approfittato della caduta di Gheddafi per impossessarsi di parte del territorio. 

    Si tratta di una scoperta “importante”, sottolinea p. Rafic, perché “erano circolate voci che riferivano di una notizia falsa”. All’epoca, aggiunge il sacerdote, “si era parlato di filmato contraffatto dello Stato islamico (Si, ex Isis) o girato altrove, non in Libia”. Queste voci “messe in circolo dalla Fratellanza musulmana”, prosegue, “hanno accresciuto lo sconforto e la disperazione delle famiglie” e miravano a sminuire il valore e il dramma “dei cristiani decapitati”. 

    La mattina del 7 ottobre scorso la polizia libica ha recuperato i corpi dei 21 cristiani copti, decapitati dall’Isis nel 2015, e abbandonati all’interno di una fossa comune nei pressi della città di Sirte, ex roccaforte jihadista nel Paese. Le teste erano separate dai corpi, vestiti con una tuta arancione e le mani legate dietro la schiena con un filo di plastica. Secondo le ultime informazioni i resti sarebbero stati trasferiti a Misurata e affidati a medici legali. 

    La Chiesa copta in Egitto ha accolto come un dono di Dio la notizia, perché proprio in questo periodo è stata ultimata la costruzione della chiesa dei Martiri della Libia ad Aour, villaggio dell’Egitto da cui provenivano 13 dei 21 lavoratori massacrati dall’Isis. “La chiesa è completa - conferma p. Makar Issa, sacerdote della comunità copta ortodossa della Vergine Maria - ed è pronta a ricevere al più presto i propri martiri”. 

    Tuttavia, secondo il portavoce della Chiesa cattolica egiziana le operazioni di restituzione dei cadaveri non saranno semplici. “Le famiglie - racconta p. Rafic - rivogliono il prima possibile i corpi per la sepoltura, ma non sappiamo di preciso la tempistica. Il governo si sta muovendo per ottenere il rimpatrio, ma la situazione in Libia è critica ed è difficile approntare le operazioni di recupero”.

    Un ultima battuta il sacerdote la riserva alla situazione generale dell’Egitto, colpito nel recente passato da una serie di attentati che hanno coinvolto anche la comunità cristiana. “Oggi la realtà - conclude - è di relativa calma e stabilità. Nell’ultimo periodo non si sono registrati gravi episodi di sangue, ma è altrettanto vero che i terroristi possono sempre attaccare in qualunque momento”.(DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/02/2015 EGITTO-LIBIA-ISLAM
    Copti decapitati in Libia: il calvario delle famiglie, il dolore dei musulmani
    I giovani uccisi dallo Stato islamico erano in Libia per lavorare, molti di loro aspettavano di sposarsi e intanto aiutavano i loro parenti in patria. Padri, madri, mogli, fratelli degli uccisi sotto shock. Svenimenti, cadute, ricoveri in ospedale dopo la notizia della tragedia. La solidarietà dei villaggi, delle Chiese, della nazione, sempre più unita. La lista degli uccisi. Dal corrispondente di AsiaNews in Egitto. Prima parte.

    16/10/2017 13:15:00 EGITTO
    Vescovo: l’assassino del sacerdote copto è un ‘fanatico’ estremista islamico

    Il vescovo di Beba Abba Estiganous parla di elementi di matrice confessionale nell’omicidio del “martire” Sam'an Shehata. Mohamed Sonbaty in passato avrebbe attaccato i suoi stessi familiari e incendiato la casa. Per i vicini è un “noto radicale”. Il dolore e la preghiera della Chiesa cattolica. 

     



    13/10/2017 11:39:00 EGITTO
    Sacerdote copto ucciso alla periferia del Cairo, probabile matrice estremista

    L’omicidio è avvenuto a El-Marg, sobborgo nord-orientale della capitale. Fonti locali parlano di “crimine di odio” compiuto da un elemento vicino al fondamentalismo. La polizia avrebbe individuato e fermato l’assalitore, ora sottoposto a interrogatorio. Cristiani egiziani nel mirino dell’estremismo islamico.

     



    16/02/2015 EGITTO-LIBIA-ISLAM
    Raid aerei egiziani contro lo Stato islamico in Libia, dopo la decapitazione di 21 copti
    Colpiti campi di addestramento e arsenali militari in Libia. Per Al-Sisi "l'Egitto e il mondo intero" devono fronteggiare la sfida islamista. Diffuso il video della decapitazione di 21 lavoratori egiziani. Forte connotazione confessionale, come "vendetta" contro "la gente della croce". "Siamo a sud di Roma". Evacuata l'ambasciata italiana a Tripoli.

    20/04/2015 LIBIA-ISLAM
    Etiopi cristiani decapitati, uccisi e filmati dallo Stato islamico
    Il video presenta due diverse esecuzioni: 12 decapitati sulla riva del mare; 16 uccisi a colpi di pistola. Minacce ai cristiani se non si convertono all’islam. Inviato Onu in Libia: Vicini ad un accordo per un nuovo governo.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®