18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/06/2012, 00.00

    ISLAM

    P. Samir: Anche questo è islam. Il video della decapitazione di un giovane tunisino convertito

    Samir Khalil Samir

    Il terribile video è stato diffuso non da gruppi anti-islamici, ma da un giornalista egiziano, Tawfik Oshaka, che condanna i salafiti e i Fratelli musulmani. L’estremismo islamico presenta un’immagine crudele dell’islam. Ma i semi della violenza sono presenti nel Corano e nella vita di Maometto. È tempo per i musulmani di condannare in modo esplicito questa violenza.

    Beirut (AsiaNews) - Nei giorni scorsi AsiaNews ha ricevuto un agghiacciante video in cui si mostra la decapitazione di un giovane tunisino accusato di apostasia perché musulmano convertito al cristianesimo. Nel video, postato su Youtube, alcune persone mascherate brandiscono un coltello per uccidere un giovane disteso per terra, con la faccia tenuta immobile. Dopo il grido di alcune preghiere rituali, e il sussurro di alcune parole del giovane bloccato per terra (una preghiera?), uno degli uomini col volto nascosto gli taglia la gola, mentre scorre sangue a fiumi, in una scena lunga e orribile. Infine la testa è presentata come trofeo.

    In origine il video è stato mostrato alla televisione di "Egitto oggi" (Misr al-Yawm). "Egitto oggi" è un noto e stimato quotidiano, anche con un'edizione on-line in arabo.

    La persona che ha diffuso e commentato questo video, Tawfik 'Okasha, è un giornalista molto conosciuto e serio. Attualmente lui è attaccato e condannato da varie tendenze islamiche (Fratelli Musulmani e salafiti) perché diffonde critiche all'islam fanatico.

    Il video della decapitazione è preceduto da un avvertimento di Okasha, che sconsiglia di guardare se la gente è sensibile, in particolare per i bambini, le ragazze, le signore.

    Alla fine, Okasha commenta: Fratelli miei, voi pensate che questo sia l'islam? State facendo una cattiva pubblicità alla nostra religione. Questo filmato gira per l'Europa e l'America, in Germania, in Francia, in Inghilterra e altrove. Questa è l'immagine che noi stiamo dando di noi stessi.

    Il video è autentico?

    Viene da domandarsi sull'autenticità delle immagini.

    Le preghiere che si sentono in sottofondo durante l'esecuzione sono preghiere autentiche, formule ben note di improperi contro chiunque abbandona l'islam; imprecazioni fatte a Dio contro chi è apostata, contro gli increduli, e conto tutti i nemici dell'Islam.

    Tawfik Oshaka è certo autentico e conferma la sua linea di difendere l'islam contro gli estremisti. Proprio per questo è preso di mira dagli estremisti. Okasha crede alla veridicità del video e lo ha diffuso.

    Non ho le competenze per verificare in modo preciso tale autenticità. La sequenza in cui il giovane apostata viene sgozzato e decapitato, fino a mostrare la testa in trionfo sembra non avere cesure. Ma colpisce anche che l'uomo ucciso rimanga tranquillo, senza reazione, sussurrando solo alcune parole, senza muoversi.

    La crudeltà è inerente al terrorismo

    Sorprende però che questa decapitazione avvenga con un semplice coltello che si dilunga per quasi due minuti nell'esecuzione, accrescendo l'orrore degli spettatori. Di solito, le esecuzioni di apostati avvengono da parte di boia specializzati e con una spada affilata, assestando un colpo netto.

    Il video è fatto senz'altro per terrorizzare chiunque voglia diventare cristiano.

    È importante sottolineare che il video è stato diffuso non da persone e gruppi anti-islamici, ma da persone che vogliono difendere l'islam, accusando i fondamentalisti.

    Il commento di Okasha è "Quello che vediamo non è islam e non è accettabile". Il suo commento quindi è pro-islamico e anti-terrorista.

    La selvaggia brutalità dei terroristi islamici mostrata nel video non sorprende: abbiamo visto altre volte esecuzioni simili con video dall'Iraq. Anche le preghiere che si sentono sono fatte da imam veri, che le sanno a memoria; non sono una declamazione teatrale o letteraria.

    L'attribuzione alla Tunisia sorprende

    Non ci sono dati per stabilire in modo preciso che il video viene dalla Tunisia. Tanto più che questo Paese è uno dei più liberali in fatto di islam e la stessa Ennhada, il partito dei Fratelli musulmani ora al potere, vuole mostrarsi molto tollerante.

    D'altra parte, gli islamisti sono divenuti ormai un gruppo internazionale e si infiltrano dovunque. Ve ne sono anche in Siria, dove si sono mescolati con l'opposizione per dichiarare una "guerra santa" contro Assad. Ne abbiamo visto in Libia, mescolati con l'opposizione contro Gheddafi. Il radicalismo islamico e i terroristi sono ormai un movimento internazionale.

    L'islam radicale e fanatico ha sempre fatto queste cose. In Algeria, negli anni '90 hanno compiuto cose terribili, uccidendo più di 100mila persone. Hanno sventrato donne incinte per uccidere anche il bambino!

    Una minoranza islamica che rovina l'immagine dell'Islam

    Abbiamo deciso di pubblicare il link con il video - avvertendo della crudeltà delle sequenze - perché questi atti danno l'immagine di una minoranza islamica che rovina tutta la comunità islamica. L'islamofobia di cui spesso i musulmani si lamentano, è causata da queste cose. Fino a che i musulmani moderati non protesteranno contro questi gesti, l'islam sarà sempre associato alla violenza.

    Certo, ci sono tanti musulmani che rinnegano questi atti inumani, e molto probabilmente la maggioranza le rinnega. Ma non basta protestare con parole! Ci vogliono azioni visibili, per contrastare queste azioni spettacolari e drammatiche. Ci vogliono manifestazioni di massa, ben organizzate. L'islam autentico e umanista deve dimostrare a tutti che l'islam non ha niente a che fare con questa violenza gratuita e inaudita!

    Ma si deve anche riflettere sul rapporto tra Islam e violenza

    Questa violenza non è l'islam maggioritario. Tutt'altro! Però è anche vero che la violenza trova il suo seme nel Corano, e trova il suo nella vita di Maometto e le sue razzie... talvolta anche molto violente.

    È necessario che i musulmani condannino questa violenza, non solo dicendo "ma questo non è islam". Purtroppo anche quello è islam e pesca nel Corano. Vi è infatti un seme di violenza all'interno dell'islam e del Corano e che oggi viene ripreso dalle tendenze radicali. Fogni gruppo radicale ha il suo imam, che emette delle fatwa autorizzando tale violenza, fatwa fondate sulla tradizione islamica. E i terroristi lo fanno convinti di rendere un culto a Dio!

    L'islam ha bisogno, come tutte le religioni, di essere ripensato!

    Forse nel VII secolo tale violenza era comprensibile, fra gente che viveva nel deserto. Ma oggi va condannata e va salvato il cuore religioso dell'islam.

    Anche la Bibbia presenta dei passaggi violenti nell'Antico Testamento. E mi ricordo che il grande biblista, l'attuale cardinal Gianfranco Ravasi, aveva scritto per denunciare queste violenze fatte in nome del Dio e della Bibbia.

    Ma nessuno di noi cristiani, che pur riconosciamo l'AT come un testo rivelato, ci sogniamo di applicare alla lettera quanto scritto in alcuni di quei libri. Sarebbe inaccettabile.

    Se nessuno dice nulla, tantomeno i musulmani, il seme della violenza crescerà. Il rifiuto della violenza dev'essere assoluto e radicale, per tutti quelli che credono in Dio, per tutti quelli che credono nell'Uomo, in nome di Dio e in nome dell'Umanesimo!

     

    Attenzione: le immagini del video citato possono urtare la vostra sensibilità.

    Questo è il link con il video di "Egitto oggi":

    https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=sxGWlOQZyEs&skipcontrinter=1

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/02/2006 islam
    L'ombra di Al Qaeda sulle proteste per le vignette

    Un proclama dei terroristi chiede ai governi musulmani di ritirare dai Paesi che hanno pubblicato le vignette ambasciatori e investimenti e di negare loro il petrolio. Si vede anche un interesse di Iran e Siria a tenere alta la tensione.



    27/03/2006 islam
    L'uccisione dell'apostata non è nel Corano, ma nelle convinzioni delle masse

    I teologi fondamentalisti spingono la convinzione delle masse che si è di fronte ad una rottura dell'Umma, l'unità. Ma, dice Francesco Zannini, professore di Islam contemporaneo presso il Pontificio Istituto di  Studi Arabi ed Islamistica (PISAI), tra gli islamici il dibattito è forte.



    03/10/2012 INDIA – ISLAM
    Islam e blasfemia: il Corano non prescrive violenze per chi offende Maometto
    Il noto intellettuale islamico indiano spiega che il libro sacro per i musulmani non condanna chi insulta il profeta o usa contro di lui un linguaggio offensivo. Ripercorrendo alcuni versetti del Corano, Maulana Wahiduddin Khan ricorda che lo stesso Maometto era apostrofato come “bugiardo”, “posseduto”, “sciocco”, ma in nessuna parte del testo si invitano i credenti a vendicare le offese.

    17/09/2012 LIBANO - ISLAM
    Hezbollah lancia una settimana di proteste contro il film anti-islam
    Il capo degli sciiti militanti ha atteso la partenza di Benedetto XVI dal Libano. Sette giorni di manifestazioni in tutto il Paese. Paesi islamici devono chiedere una legge internazionale che proibisca insulti all'islam e alle altre religioni. In Libia arrestate e fermate 50 persone legate all'attacco al consolato Usa, dove è stato ucciso l'ambasciatore Chris Stevens. Per il presidente dell'Assemblea libica, i responsabili dell'attacco, pianificato mesi prima, sono membri di al Qaeda.

    13/05/2005 PAKISTAN
    Pakistan, si diffondono proteste per l'oltraggio al Corano




    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®