24 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/09/2012
PAKISTAN
Pakistan, ancora rinviata l’udienza per Rimsha Masih
di Shafique Khokhar
Il tribunale di Islamabad deciderà il 3 settembre prossimo per il rilascio su cauzione della minorenne cristiana disabile accusata di blasfemia. La National Commission for Justice and Peace riapre il dibattito sull’educazione in Pakistan e denuncia: per il 2012-2013, in Punjab e Sindh libri di testo pieni di odio e falsi storici contro indù, cristiani e popolo dell’India.

Islamabad (AsiaNews) - Un nuovo rinvio nel caso di Rimsha Masih, la piccola cristiana disabile arrestata per blasfemia. Prevista per oggi, questa mattina la corte di Islamabad che ha in carico il procedimento ha rinviato al 3 settembre prossimo l'udienza per decidere il rilascio su cauzione. Una decisione che arriva a un giorno di distanza dal prolungamento dei termini di custodia cautelare in carcere (14 giorni terminati ieri, ndr) per la ragazzina.

Secondo l'accusa, Rimsha avrebbe oltraggiato alcune pagine di un libro, contenenti versetti del Corano. In base alle leggi sulla blasfemia pakistane, la ragazzina rischia fino all'ergastolo. Tuttavia, la difesa ha ordinato un rapporto medico, che ha certificato la minore età (circa 13 anni) e la condizione di disabilità mentale. L'accusa ha però contestato i risultati della commissione medica.

Intanto, la National Commission for Justice and Peace (Ncjp) ha deciso di riportare davanti al governo la questione dell'educazione e dell'istruzione in Pakistan, e per questo ha organizzato una conferenza a cui hanno partecipato circa 200 persone, tra insegnanti, attivisti, intellettuali e leader religiosi, cristiani e musulmani. Secondo Peter Jacob, direttore esecutivo di Ncjp, "si deve lavorare per eliminare i contenuti d'odio e di intolleranza religiosa verso le minoranze dai libri di testo. Sono questi argomenti che, negli anni, hanno causato la migrazione della comunità indù. O, di recente, l'arresto della piccola Rimsha Masih".

Uno studio pubblicato da Ncjp, Taleem Ya Nafrattki Aabiyari (Educare o nutrire l'odio), rivela che 22 libri di testo per la scuola primaria e secondaria, che saranno adottati nell'anno scolastico 2012-2013 nelle province del Punjab e del Sindh, contengono 55 capitoli "ricchi" di insulti contro indù, cristiani e India, oltre a evidenti distorsioni nelle parti storiche.

Per Mehdi Hasan, un accademico musulmano, "gli studi islamici non dovrebbero essere insegnati nelle scuole, così come [nei libri di testo] non si dovrebbe mai parlare di qualsiasi credo in modo negativo. Ma ormai, la religione ha penetrato così in profondità le nostre menti, che abbiamo iniziato a chiamare strade e alberi con nomi del Corano". 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/10/2012 PAKISTAN
Rimsha Masih, processo aggiornato al 14 novembre. Nuove violenze anticristiane
16/01/2013 PAKISTAN
La Corte suprema conferma: Rimsha Masih è innocente. Soddisfatto Paul Bhatti
20/12/2012 PAKISTAN
Rimsha Masih: il mio Natale vicino ad Asia Bibi e alle vittime della blasfemia
di Dario Salvi
13/09/2012 PAKISTAN
Rinviato il processo di Rimsha Masih. Vescovo di Islamabad: proscioglimento immediato
di Jibran Khan
12/09/2012 PAKISTAN
Islamabad: domani a processo Rimsha Masih, bambina disabile cristiana blasfema
di Jibran Khan

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate