24 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/09/2012, 00.00

    PAKISTAN

    Pakistan, ancora rinviata l’udienza per Rimsha Masih

    Shafique Khokhar

    Il tribunale di Islamabad deciderà il 3 settembre prossimo per il rilascio su cauzione della minorenne cristiana disabile accusata di blasfemia. La National Commission for Justice and Peace riapre il dibattito sull’educazione in Pakistan e denuncia: per il 2012-2013, in Punjab e Sindh libri di testo pieni di odio e falsi storici contro indù, cristiani e popolo dell’India.

    Islamabad (AsiaNews) - Un nuovo rinvio nel caso di Rimsha Masih, la piccola cristiana disabile arrestata per blasfemia. Prevista per oggi, questa mattina la corte di Islamabad che ha in carico il procedimento ha rinviato al 3 settembre prossimo l'udienza per decidere il rilascio su cauzione. Una decisione che arriva a un giorno di distanza dal prolungamento dei termini di custodia cautelare in carcere (14 giorni terminati ieri, ndr) per la ragazzina.

    Secondo l'accusa, Rimsha avrebbe oltraggiato alcune pagine di un libro, contenenti versetti del Corano. In base alle leggi sulla blasfemia pakistane, la ragazzina rischia fino all'ergastolo. Tuttavia, la difesa ha ordinato un rapporto medico, che ha certificato la minore età (circa 13 anni) e la condizione di disabilità mentale. L'accusa ha però contestato i risultati della commissione medica.

    Intanto, la National Commission for Justice and Peace (Ncjp) ha deciso di riportare davanti al governo la questione dell'educazione e dell'istruzione in Pakistan, e per questo ha organizzato una conferenza a cui hanno partecipato circa 200 persone, tra insegnanti, attivisti, intellettuali e leader religiosi, cristiani e musulmani. Secondo Peter Jacob, direttore esecutivo di Ncjp, "si deve lavorare per eliminare i contenuti d'odio e di intolleranza religiosa verso le minoranze dai libri di testo. Sono questi argomenti che, negli anni, hanno causato la migrazione della comunità indù. O, di recente, l'arresto della piccola Rimsha Masih".

    Uno studio pubblicato da Ncjp, Taleem Ya Nafrattki Aabiyari (Educare o nutrire l'odio), rivela che 22 libri di testo per la scuola primaria e secondaria, che saranno adottati nell'anno scolastico 2012-2013 nelle province del Punjab e del Sindh, contengono 55 capitoli "ricchi" di insulti contro indù, cristiani e India, oltre a evidenti distorsioni nelle parti storiche.

    Per Mehdi Hasan, un accademico musulmano, "gli studi islamici non dovrebbero essere insegnati nelle scuole, così come [nei libri di testo] non si dovrebbe mai parlare di qualsiasi credo in modo negativo. Ma ormai, la religione ha penetrato così in profondità le nostre menti, che abbiamo iniziato a chiamare strade e alberi con nomi del Corano". 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/10/2012 PAKISTAN
    Rimsha Masih, processo aggiornato al 14 novembre. Nuove violenze anticristiane
    L’Alta corte di Islamabad ha esteso la sospensione del procedimento, in attesa di decidere sull’annullamento della denuncia per blasfemia. I legali chiedono la piena assoluzione perché il fatto non sussiste. A Karachi una folla estremista attacca la chiesa cattolica di San Francesco. A Faisalabad colpiti i cristiani in preghiera per Malala Yousafzai.

    16/01/2013 PAKISTAN
    La Corte suprema conferma: Rimsha Masih è innocente. Soddisfatto Paul Bhatti
    Il massimo organismo giuridico ha respinto il ricorso presentato dagli avvocati dell’accusa. Per i legali della minorenne cristiana è un “segnale positivo” per l’immagine del Pakistan. Paul Bhatti ad AsiaNews: Non siamo fuggiti davanti alla legge, dando fiducia alla giustizia.

    20/12/2012 PAKISTAN
    Rimsha Masih: il mio Natale vicino ad Asia Bibi e alle vittime della blasfemia
    “Sono felice” racconta la ragazza e “per le feste vorrei in regalo bei vestiti e scarpe carine”. Il desiderio di tornare a scuola, ma resta il problema sicurezza. Il padre ringrazia Gesù, Paul Bhatti e il governo ma avverte: “ci sentiamo in pericolo”. Rimsha e la famiglia inviano un saluto al Papa e augurano a Benedetto XVI e a tutti i cristiani del mondo “Buon Natale”.

    13/09/2012 PAKISTAN
    Rinviato il processo di Rimsha Masih. Vescovo di Islamabad: proscioglimento immediato
    Questa mattina i giudici hanno aggiornato la seduta, concedendo più tempo agli inquirenti per concludere le indagini e presentare il rapporto. L’imputata non era presente in aula per motivi di sicurezza. La sua sorte è legata al processo contro l’imam che ha falsificato le prove; prima udienza prevista per il 16 settembre.

    12/09/2012 PAKISTAN
    Islamabad: domani a processo Rimsha Masih, bambina disabile cristiana blasfema
    Libera su cauzione dal 7 settembre, la ragazza sarà processata (con false accuse) per aver bruciato versi del Corano. Dubbi sulla sua presenza in aula e timori per la sua incolumità. Mons. Rufin Anthony: il suo caso sarà fondamentale per “riformare le leggi sulla blasfemia”. Leader musulmano: “figlia del Pakistan”, la sua liberazione esempio di “armonia interconfessionale”.



    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®