18 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 28/08/2012
PAKISTAN
Blasfemia, Rimsha Masih è minore e con problemi mentali. Vescovo di Islamabad: sviluppo positivo
di Jibran Khan
Lo ha stabilito la commissione medica; rinviata al 30 agosto l’udienza del tribunale. Attivisti cristiani chiedono la riforma della “legge nera”. Gruppi musulmani difendono la bambina e auspicano il proscioglimento da ogni accusa. Leader islamico: vicenda “emblematica”, da usare per mettere fine alle “ingiustizie” e al “clima di paura”.

Islamabad (AsiaNews) - Uno "sviluppo positivo" della vicenda che infonde speranza, ma il punto centrale è "la fine degli abusi commessi in nome delle leggi sulla blasfemia" in Pakistan. Così mons. Rufin Anthony, vescovo di Islamabad-Rawapindi, commenta ad AsiaNews l'esito del rapporto elaborato dalla Commissione medica sul caso di Rimsha Masih, la bambina cristiana accusata per aver bruciato alcune pagine con impresse alcune scritte tratte dal Corano. Intanto attivisti per i diritti umani e membri della società civile criticano il sistema procedurale utilizzato dalla polizia, che ha incriminato la ragazzina violando le norme previste dal codice, dietro pressioni della frangia estremista islamica. Un modo di operare bollato come "legge della giungla" da alcuni leader musulmani, che si uniscono all'appello dei cristiani e della comunità internazionale per il suo rilascio.

L'udienza per decidere sulla scarcerazione di Rimsha Masih, disabile mentale cristiana incriminata per blasfemia (cfr. AsiaNews 19/08/2012 Islamabad, 11enne disabile cristiana arrestata per blasfemia; 300 famiglie in fuga), prevista per oggi è stata rimandata al 30 agosto; alla base dello slittamento di un paio di giorni alcune questioni di natura tecnica, nella presentazione dell'istanza della difesa relativa alla Commissione medica giudicante. La bambina arrestata in uno slum di Islamabad soffre di un disordine mentale e ha un fratello e una sorella più grandi. I genitori e il resto della famiglia sono ancora vivi, ma sono nascosti in una località protetta nel timore di ritorsioni.

Il team di esperti, nominati dal tribunale di Islamabad, che hanno visitato la bambina per valutarne l'età e le condizioni di salute. Dai primi risultati forniti al pubblico, emerge che Rimsha Masih è minorenne, con un'età compresa "fra i 13 a i 14 anni". Per quanto concerne le condizioni di salute, i medici hanno stabilito che l'età mentale non corrisponde all'età anagrafica, ma questo non chiarisce "se la ragazza è da considerare disabile" o meno a livello psicofisico. Si tratta comunque di due aspetti chiave per poter ottenere il rilascio e far cadere le accuse pendenti a suo carico, in base alle quali rischia fino al carcere a vita. Con molta probabilità il legale della giovane presenterà un ricorso per ottenere la scarcerazione, visto che in base alla minore età e alle condizioni di salute non sarebbe responsabile - anche nel caso in cui avesse strappato o bruciato passi del libro sacro - del gesto compiuto a livello civile e penale.

Per il vescovo di Islamabad siamo di fronte a uno "sviluppo positivo", che porterà al trasferimento del caso davanti a un tribunale minorile. "Preghiamo per il suo rilascio" aggiunge ad AsiaNews mons. Rufin Anthony, che invita i parlamentari cristiani a prendere "iniziative" per "fermare gli abusi" compiuti in nome delle leggi sulla blasfemia. "Domenica scorsa abbiamo recitato una speciale preghiera per lei - conclude il prelato, rivolgendo il pensiero a Rimsha - ed è tempo di restare uniti e batterci per la causa". Un appello condiviso da Haroon Barket, che denuncia "violazioni" nell'apertura del fascicolo di inchiesta della polizia, per le pressioni di elementi estremisti sulle forze dell'ordine. "In Pakistan essere accusati di blasfemia - sottolinea - equivale alla condanna. Chiediamo l'immediata scarcerazione di Rimsha Masih e una riforma delle leggi sulla blasfemia".

Intanto alcuni movimenti islamici pakistani e leader religiosi di primo piano - tra cui la All Pakistan Ulema Council (Apuc) e la Pakistan Interfaith League - sostengono la causa della giovane cristiana; essi chiedono che sia liberata e venga prosciolta da ogni accusa, perché insussistente alla prova dei fatti. Di contro, essi chiedono che sia incriminato chi ha calunniato la ragazza e venga perciò perseguito dalla giustizia.

Tahir Ashrafi, presidente Apuc, insieme a esponenti del Defence Council of Pakistan (Dcp), condanna con forza le richiese avanzate nei giorni scorsi dalla folla e le pressioni sulla polizia, perché aprissero un fascicolo di inchiesta (cfr. AsiaNews 24/08/2012 Musulmani pakistani: l'11enne disabile cristiana va punita). Egli aggiunge che queste accuse indiscriminate di blasfemia trascinano il Pakistan nella logica della "legge della giungla", in cui il più forte si fa giustizia da sé ai danni del più debole. "La vicenda di Rimsha è emblematica per i musulmani in Pakistan - conclude Ashrafi - per le minoranze e il governo. Non vogliamo più casi di ingiustizia. E lavoreremo per mettere fine a questo clima di paura". 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/08/2012 PAKISTAN
Musulmani pakistani: l’11enne disabile cristiana va punita
di Jibran Khan
20/08/2012 PAKISTAN
Paul Bhatti contro ong e attivisti: hanno "speculato" sul dramma della bambina disabile blasfema
di Jibran Khan
19/08/2012 PAKISTAN
Islamabad, 11enne disabile cristiana arrestata per blasfemia; 300 famiglie in fuga
di Imran Morris
29/08/2012 PAKISTAN – ITALIA
Rimsha Masih: attesa per la sentenza. Attivisti cristiani lanciano campagna per la liberazione
13/09/2012 PAKISTAN
Rinviato il processo di Rimsha Masih. Vescovo di Islamabad: proscioglimento immediato
di Jibran Khan

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate