29 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/05/2006
Pakistan
Pakistan, ogni anno almeno 600 conversioni forzate all'Islam
di Qaiser Felix

Convegno organizzato dalla Commissione per i diritti delle minoranze pakistane. Accuse alla magistratura, troppo dipendente dall'ambiente islamico. Vescovo cattolico: Vi è anche un'influenza della mentalità feudale e dell'economia.



Lahore (AsiaNews) – L'Islam che condanna con la morte la conversione a un'altra religione, obbliga nello stesso tempo le donne sposate a un musulmano di divenire anch'esse musulmane. In Pakistan  ogni anno si attuano  fra le 500 e le 600 conversioni forzate anche se "i media nazionali riportano solo un centinaio di questi casi", che la polizia e la magistratura "trattano sempre con poca giustizia a causa di pregiudizi radicati". Sono questi i dati più importanti emersi dal convegno "La conversione forzata delle donne ed i diritti delle minoranze in Pakistan", che si è tenuto il 26 maggio in un albergo di Lahore.

Al convegno, organizzato dalla Commissione per i diritti delle minoranze pakistane (Mrc), hanno partecipato oltre 50 fra attivisti per i diritti umani, avvocati e rappresentanti delle minoranze religiose provenienti da quattro province del Paese.

Khaliq Shah – membro della Mrc – ha spiegato gli obiettivi dell'incontro: sottolineare a livello nazionale l'importanza della questione, lanciare una campagna contro le conversioni forzate, analizzarne le cause sociali e discutere degli aspetti legali. Shah, che in passato ha condotto due lunghi studi in materia, ha ricordato che il fenomeno "è particolarmente presente nelle classi sociali più povere ed emarginate".

I. A. Rehman, membro della Commissione per i diritti umani del Pakistan, ha aggiunto che – secondo la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo – ogni singolo individuo può abbracciare e praticare in piena libertà ogni tipo di religione e che nessuno può costringere con la forza un'altra persona a cambiare credo. "In quest'ottica – ha spiegato – convertire non è un problema: il problema risiede nell'uso della forza: la conversione forzata deve essere bandita e la questione deve essere discussa".

"In Pakistan – ha poi sottolineato – non abbiamo alcuna legge contro le conversioni forzate, e la conversione di un cittadino dall'Islam a qualunque altra religione significa, per lui, la morte". "Per sconfiggere questo stato di cose – ha concluso - dobbiamo guardare la questione come se fosse una battaglia per la democrazia ed invitare a questi incontri anche dei musulmani, che possono aiutarci a comprendere tutti i punti di vista sull'argomento".

Al convegno era presente anche mons. Joseph Coutts, vescovo di Faisalabad: "Questo è un problema delicato ed ognuno di noi deve contribuire a risolverlo". "Alla base del problema – ha spiegato il presule – vi sono fattori come il feudalesimo e la struttura socio-economica del Paese. Se parliamo di conversioni forzate, dobbiamo parlare anche di questi aspetti".

Per Kalyan Singh, di religione sikh, uno degli scogli più ardui da superare è la "sudditanza della magistratura rispetto ai leader islamici. I giudici non riescono ad essere neutrali, perché temono la vendetta degli estremisti islamici".

Joseph Francis, del Centro aiuto legale, assistenza ed impiego, ha ripreso l'argomento. "La nostra organizzazione – ha spiegato – ha monitorato centinaia di cause legali collegate a questo fenomeno. Neanche i giudici delle Alte Corti riescono a trattarli con obiettività". "Ai genitori – ha concluso – non viene dato il permesso di parlare con i figli ed un gran numero di ragazze convertite con la forza vengono costrette a fare le prostitute".

In conclusione, i partecipanti hanno "condannato con forza ed in maniera unanime il fenomeno delle conversioni forzate" ed hanno chiesto al governo di "abolire le leggi a carattere personale e punire coloro che indulgono in queste pratiche".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/02/2005 PAKISTAN
Pakistan, 7 anni di prigione a cristiano accusato di blasfemia
di Qaiser Felix
12/05/2011 PAKISTAN
Punjab: infermiera cristiana sequestrata, costretta a convertirsi e a sposare un musulmano
di Jibran Khan
23/12/2004 INDIA
Orissa: governo e integralisti indù contro i cristiani
04/08/2012 PAKISTAN
Ramadan in Pakistan: conversione all’islam in diretta tv, protestano le minoranze
di Imran Morris
19/05/2012 PAKISTAN
Pakistan, appello per la giovane cristiana rapita e costretta a convertirsi all'islam
di Shafique Khokhar

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate