21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/05/2006
Pakistan
Pakistan, ogni anno almeno 600 conversioni forzate all'Islam
di Qaiser Felix

Convegno organizzato dalla Commissione per i diritti delle minoranze pakistane. Accuse alla magistratura, troppo dipendente dall'ambiente islamico. Vescovo cattolico: Vi è anche un'influenza della mentalità feudale e dell'economia.



Lahore (AsiaNews) – L'Islam che condanna con la morte la conversione a un'altra religione, obbliga nello stesso tempo le donne sposate a un musulmano di divenire anch'esse musulmane. In Pakistan  ogni anno si attuano  fra le 500 e le 600 conversioni forzate anche se "i media nazionali riportano solo un centinaio di questi casi", che la polizia e la magistratura "trattano sempre con poca giustizia a causa di pregiudizi radicati". Sono questi i dati più importanti emersi dal convegno "La conversione forzata delle donne ed i diritti delle minoranze in Pakistan", che si è tenuto il 26 maggio in un albergo di Lahore.

Al convegno, organizzato dalla Commissione per i diritti delle minoranze pakistane (Mrc), hanno partecipato oltre 50 fra attivisti per i diritti umani, avvocati e rappresentanti delle minoranze religiose provenienti da quattro province del Paese.

Khaliq Shah – membro della Mrc – ha spiegato gli obiettivi dell'incontro: sottolineare a livello nazionale l'importanza della questione, lanciare una campagna contro le conversioni forzate, analizzarne le cause sociali e discutere degli aspetti legali. Shah, che in passato ha condotto due lunghi studi in materia, ha ricordato che il fenomeno "è particolarmente presente nelle classi sociali più povere ed emarginate".

I. A. Rehman, membro della Commissione per i diritti umani del Pakistan, ha aggiunto che – secondo la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo – ogni singolo individuo può abbracciare e praticare in piena libertà ogni tipo di religione e che nessuno può costringere con la forza un'altra persona a cambiare credo. "In quest'ottica – ha spiegato – convertire non è un problema: il problema risiede nell'uso della forza: la conversione forzata deve essere bandita e la questione deve essere discussa".

"In Pakistan – ha poi sottolineato – non abbiamo alcuna legge contro le conversioni forzate, e la conversione di un cittadino dall'Islam a qualunque altra religione significa, per lui, la morte". "Per sconfiggere questo stato di cose – ha concluso - dobbiamo guardare la questione come se fosse una battaglia per la democrazia ed invitare a questi incontri anche dei musulmani, che possono aiutarci a comprendere tutti i punti di vista sull'argomento".

Al convegno era presente anche mons. Joseph Coutts, vescovo di Faisalabad: "Questo è un problema delicato ed ognuno di noi deve contribuire a risolverlo". "Alla base del problema – ha spiegato il presule – vi sono fattori come il feudalesimo e la struttura socio-economica del Paese. Se parliamo di conversioni forzate, dobbiamo parlare anche di questi aspetti".

Per Kalyan Singh, di religione sikh, uno degli scogli più ardui da superare è la "sudditanza della magistratura rispetto ai leader islamici. I giudici non riescono ad essere neutrali, perché temono la vendetta degli estremisti islamici".

Joseph Francis, del Centro aiuto legale, assistenza ed impiego, ha ripreso l'argomento. "La nostra organizzazione – ha spiegato – ha monitorato centinaia di cause legali collegate a questo fenomeno. Neanche i giudici delle Alte Corti riescono a trattarli con obiettività". "Ai genitori – ha concluso – non viene dato il permesso di parlare con i figli ed un gran numero di ragazze convertite con la forza vengono costrette a fare le prostitute".

In conclusione, i partecipanti hanno "condannato con forza ed in maniera unanime il fenomeno delle conversioni forzate" ed hanno chiesto al governo di "abolire le leggi a carattere personale e punire coloro che indulgono in queste pratiche".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/02/2005 PAKISTAN
Pakistan, 7 anni di prigione a cristiano accusato di blasfemia
di Qaiser Felix
23/12/2004 INDIA
Orissa: governo e integralisti indù contro i cristiani
12/05/2011 PAKISTAN
Punjab: infermiera cristiana sequestrata, costretta a convertirsi e a sposare un musulmano
di Jibran Khan
04/08/2012 PAKISTAN
Ramadan in Pakistan: conversione all’islam in diretta tv, protestano le minoranze
di Imran Morris
19/05/2012 PAKISTAN
Pakistan, appello per la giovane cristiana rapita e costretta a convertirsi all'islam
di Shafique Khokhar

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate