23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/01/2017, 13.11

    PAKISTAN

    Pakistan, premier esalta l’armonia interreligiosa. Ricorda ahmadi e altre minoranze

    Kamran Chaudhry

    Nawaz Sharif ha affermato che il Paese verrà riconosciuto come “amico delle minoranze”. La comunità musulmana di confessione ahmadi è considerata eretica dall’islam sunnita e sciita. A dicembre è stato attaccato un antico luogo di culto ahmadiyya. Il governo dei Sindh ha respinto la legge contro le conversioni forzate. Proteste nel giorno del ricordo dell’assassinio di Salman Taseer.

    Lahore (AsiaNews) – Mentre il 2016 è terminato con una nota sconfortante per le minoranze religiose in Pakistan, il nuovo anno sembra portare loro buone notizie, in particolare dopo il recente discorso del primo ministro Nawaz Sharif. L’11 gennaio, durante una cerimonia al Katas Raj Temple nel distretto di Chakwal (nella provincia del Punjab), egli ha infatti affermato: “Il Pakistan sarà più forte e guadagnerà una buona reputazione servendo le minoranze e Allah sarà soddisfatto. Non è lontano il giorno in cui il Pakistan verrà riconosciuto sul piano internazionale come un Paese amico delle minoranze…dobbiamo dare alle minoranze i propri diritti, non solo riconoscerle ma anche trattarle con compassione. Ciò fa parte della nostra fede”. “Sono esterrefatto – ha continuato – di come alcune nostre persone interpretino la fede e degli insegnamenti carichi di odio che alcuni ulema pronunciano contro le altre religioni. Siamo tutti uguali – musulmani, indù, sikh, cristiani – anche coloro che appartengono ad altre religioni. Siamo una cosa sola”.

    La condanna del premier contro la persecuzione religiosa di sicuro ha attirato l’attenzione dei 190 milioni di cittadini pakistani, ma ciò che assume ancora più rilevanza è la sua visita personale ad Katas Raj. Si tratta del tempio indù più sacro del subcontinente asiatico e si trova a pochi chilometri di distanza da Dar ul Zikr, un luogo di culto Ahmadiyya, attaccato da più di mille musulmani sunniti esattamente un mese fa.

    L’attacco nel giorno della nascita del profeta Maometto è costato la vita ad un fedele di 65 anni (stroncato da un arresto cardiaco), l’arredamento è stato bruciato, le pareti del complesso – antiche centinaia di anni – sono state danneggiate dai proiettili e dal lancio di pietre. Lo stesso giorno circa 600 ahmadi sono fuggiti dal villaggio di Dulmial. Le famiglie che hanno fatto ritorno ora lamentano di essere vittime di un boicottaggio sociale.

    Sono rimasto sorpreso nel leggere la reazione del vice commissario del distretto, che la scorsa settimana ha dichiarato al The Express Tribune che il governo non può fare nulla per fermare il boicottaggio sociale. Gli agenti di polizia da soli non possono riportare la pace dopo un conflitto. La Costituzione della Repubblica islamica stabilisce in modo chiaro che misure adeguate devono essere accordate alle minoranze, in modo che esse siano libere di professare e praticare la propria religione e sviluppare la propria cultura.

    Purtroppo queste “misure adeguate” non sono mai state applicate agli ahmadi, fin da quando essi nel 1974 sono stati dichiarati “non musulmani” da parte dell’Assemblea nazionale. Tutti gli apparati di Stati, compresi il sistema giudiziario e i media, hanno abbandonato la comunità. Sono stati chiusi i programmi televisivi che tentavano di sollevare la questione delle sofferenze degli ahmadi.

    Ma ciò che più addolora è quando un legislatore tenta di aiutare le minoranze e poi ritratta. Ciò è accaduto di recente quando il governo della provincia del Sindh (nel sud-est del Pakistan) ha respinto la legge che punisce le conversioni forzate con il carcere e persino con l’ergastolo. La resa del governo alla pressione dei gruppi islamici accresce la delusione tra i leader delle minoranze.

    Un altro esempio di tutto ciò si è osservato la scorsa settimana per le strade di Lahore, quando ingorghi, proteste e petardi hanno segnato la cerimonia per il sesto anniversario della morte di Salman Taseer, ex governatore del Punjab del Pakistan People’s Party (Ppp). Taseer è stato assassinato per aver difeso Asia Bibi, la donna cattolica condannata a morte per blasfemia.

    Jehan Ara Wattoo, capo addetto stampa del Ppp, ha dichiarato: “Il blocco di Lahore a causa di gruppi estremisti è una grave preoccupazione per i liberali. Noi ci eravamo riuniti per condannare la violazione dei diritti delle minoranze. Vogliamo un Pakistan progressista e pacifico”.

    Nessun discorso, da solo, può garantire un Paese “progressista e pacifico”. Lo Stato deve disporre “misure adeguate” per garantire la sicurezza dei suoi cittadini. Nonostante le buone intenzioni, il governo non può revocare leggi approvate in nome dell’islam. D’altro canto, può fare leggi per proteggere gli ahmadi o le ragazze indù. Può dare applicazione al National Action Plan, redatto di recente, e punire i manifestanti violenti che in modo aperto hanno pronunciato discorsi di odio a Lahore. Può coinvolgere i leader islamici più intransigenti nei comitati interreligiosi, portandoli così all’attenzione pubblica.

    I critici di Sharif affermano che la maggior parte degli attacchi contro i cristiani sono avvenuti sotto il suo regime. Altri concordano sul fatto che egli abbia avviato un cambiamento nei cuori, da quando è tornato al potere per il terzo mandato come premier.

    I leader ecclesiastici sono stati molto contenti di vedere gli auguri del governo per il periodo del Natale nelle principali strade di Lahore. Molti sacerdoti mi hanno riferito che il numero degli striscioni a favore dei cristiani è stato molto più alto nel 2016. Per la prima volta dopo 10 anni si è svolta la tradizionale parata di Natale nella capitale del Punjab.

    La visita di Sharif nel distretto diviso dai conflitti non significa nulla se non porta ad un cambiamento nella situazione degli ahmadi locali. Egli è anche il primo ministro degli ahmadi pakistani.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/10/2017 14:17:00 PAKISTAN
    Deputato propone discriminazioni per gli ahmadi. Attivisti esigono le scuse

    Safdar è un capitano in pensione e genero dell’ex premier Nawaz Sharif. Si è scagliato contro i fedeli ahmadi, già oggetto di persecuzione in Pakistan. Musulmano: “Verrà lanciata una petizione online”.



    28/07/2017 14:09:00 PAKISTAN
    Corte suprema interdice il premier Nawaz Sharif. Minoranze: ha vinto la giustizia

    Il primo ministro, la figlia prediletta e altri familiari sono coinvolti nello scandalo dei Panama Papers. Fondi sospetti di società offshore utilizzati per acquistare alcuni appartamenti di lusso a Londra. Leader sikh esprime dubbi: “Sembra che ci sia stata una cospirazione per rimuovere un primo ministro eletto in maniere legale”.



    04/09/2017 15:43:00 PAKISTAN
    Il vescovo di Lahore ‘ingannato’ dalla figlia di Sharif si difende: niente comizi dal pulpito

    Maryam Nawaz ha trasgredito il discorso concordato con l’arcidiocesi. La donna avrebbe dovuto chiedere solo preghiere per la madre malata. Mons. Shaw: “Volevo bloccarla, ma avevo gli occhi di milioni puntati addosso. Volevo andarmene, ma sarebbe stato dannoso per la Chiesa”. I canali d’informazione hanno interessi politici.



    21/09/2010 PAKISTAN – ONU
    Onu, sciopero della fame per le minoranze in Pakistan
    L’Organizzazione europea per il rispetto dei diritti umani delle minoranze che vivono in Pakistan ha organizzato una manifestazione di protesta durante l’incontro del Consiglio Onu per i diritti umani. Islamabad accusata di truccare i dati del censimento per negare rappresentatività alle minoranze.

    16/10/2017 11:51:00 PAKISTAN
    Punjab, tre ahmadi condannati a morte per blasfemia

    I presunti colpevoli sono Mubasher Ahmad, Ghulam Ahmed e Ehsan Ahmed. Portavoce degli ahmadi: “La condanna è ingiusta”. La scorsa settimana il genero dell’ex premier Sharif aveva invitato al boicottaggio sociale della minoranza “eretica”.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®