23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/01/2017, 13.37

    PAKISTAN

    Lahore, arrestati 110 imam: osannavano l’assassinio di Salman Taseer

    Shafique Khokhar

    L’arresto è avvenuto nel giorno dell’anniversario della morte dell’ex governatore del Punjab, ucciso perché aveva difeso la cristiana Asia Bibi. Attivisti e persone comuni hanno sfidato le minacce di morte e partecipato alla commemorazione funebre.

    Lahore (AsiaNews) – La polizia di Lahore ha arrestato ieri un gruppo di 110 imam mentre festeggiava l’omicidio di Salman Taseer. L’arresto dei religiosi islamici è avvenuto nel giorno del sesto anniversario della morte dell’ex governatore del Punjab, "punito" perché aveva difeso la cristiana Asia Bibi e si era espresso contro la “legge nera” sulla blasfemia.

    Ad AsiaNews alcuni attivisti denunciano il clima di fanatismo religioso e la profonda contraddizione presente nel Paese. “Da una parte – afferma Rana Kashif Javed – il governo del Pakistan esprime a gran voce l’intenzione di rendere effettivo il Piano di azione nazionale e riaffermare la supremazia della Costituzione e dello Stato di diritto; dall’altra gli estremisti religiosi scendono in strada e bloccano la capitale della provincia del Punjab, attuando una grave violazione dei diritti umani fondamentali”. Secondo l’attivista, “tutto questo rappresenta una costante minaccia per il nostro Paese”. Gli imam sono stati bloccati e arrestati sul Main Boulevard del quartiere Gulberg, dove stavano inscenando un raduno per celebrare la morte dell’ex governatore.

    L’intenzione dei religiosi islamici era quella di bloccare la città e impedire la commemorazione funebre. Sfidando le minacce dei radicali, attivisti e altre persone comuni si sono riuniti invece a poche decine di chilometri di distanza, nella zona di Lalik Chowk.

    Syeda Deep, l’organizzatore della veglia, riferisce che i partecipanti hanno sventolato cartelloni, intonato slogan e acceso candele contro il terrorismo e il fondamentalismo religioso. “Sono venuti qui – dice – nonostante le minacce di morte e hanno ribadito che non si faranno sopraffare dalla paura dei mullah neo fascisti”.

    Samson Salamat, presidente cristiano del Rawadari Tehreek Movement (Movimento per la tolleranza), afferma: “A Lahore l’intolleranza religiosa ha raggiunto i massimi livelli mentre gli islamici chiedevano di bloccare la veglia funebre. Tutto ciò è ridicolo, se si considera che Mumtaz Qadri, l’assassino reo confesso di Salman Taseer, è stato ritenuto colpevole dalla legge dello Stato e impiccato”. Ciò che hanno tentato di fare gli imam, continua, “è una grave violazione delle libertà e dei diritti fondamentali. La cosa ancora più grave è che tutto ciò avviene in presenza di una Piano d’azione nazionale che chiede in modo chiaro a governo e istituzioni di fermare tali attività”. Salamat ritiene che il Pakistan “non sarà un Paese pacifico fino a quando lo Stato stesso non attuerà azioni risolute contro i gruppi militanti che commettono ‘crimini di odio’ e diffondono l’intolleranza nella società”.

    L’ex governatore del Punjab, dice in conclusione Kashif Javed, “era un governante onesto. È un atto incostituzionale il modo in cui la sua famiglia e altri suoi sostenitori [il figlio è stato colpito da una fatwa per aver chiesto di pregare per coloro che sono stati incolpati ingiustamente di blasfemia, ndr], che difendono la legge, la pace, la tolleranza e l’uguaglianza, sono presi di mira”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/01/2018 15:50:00 PAKISTAN
    Pakistan, commemorato in privato Salman Taseer. I suoi eredi contro l’estremismo

    A Faisalabad una cerimonia organizzata da Human Rights Focus Pakistan. In tutto il Paese operano cristiani e musulmani di buona volontà che lottano contro le discriminazioni e la persecuzione delle minoranze. Nel dettaglio, chi porta avanti il lavoro dell’ex governatore del Punjab.



    04/01/2017 08:54:00 PAKISTAN
    Pakistan, il figlio di Salman Taseer rischia l’incriminazione per blasfemia

    Oggi ricorre il sesto anniversario dell’omicidio dell’ex governatore del Punjab. Salman Taseer è stato ucciso dalla sua guardia del corpo per aver criticato la “legge nera” sulla blasfemia e difeso la madre cristiana Asia Bibi. Il figlio Shaan Taseer ha pubblicato un video giudicato offensivo.



    16/09/2017 09:29:00 PAKISTAN
    Lahore, cristiano condannato a morte per ‘blasfemia su Whatsapp’

    La sentenza è stata emessa il 14 settembre. Nadeem James era detenuto da luglio 2016. Un amico lo ha accusato di aver inviato un poema che offende l’islam. L’avvocato farà appello all’Alta corte. Ha ricevuto minacce di morte e rimane in carcere.



    28/07/2015 PAKISTAN
    Lahore, condannati gli assalitori del corteo per Salman Taseer, ucciso per aver difeso Asia Bibi
    Cinque uomini sono stati condannati per aver preso a manganellate la folla che lo scorso gennaio ricordava l’anniversario della morte del governatore del Punjab. Attivista cristiano: “La sentenza è un buon inizio, ma il principale colpevole è ancora a piede libero”.

    01/03/2016 12:37:00 PAKISTAN
    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®