17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 28/01/2017, 09.03

    PAKISTAN

    Pakistan mette al bando un presentatore televisivo: diffonde “discorsi d’odio” contro gli attivisti scomparsi



    Aamir Liaquat Hussain conduce un programma sul canale Bol News. In passato è stato al centro delle polemiche per aver distribuito bambini abbandonati a coppie senza figli e per aver ospitato radicali islamici critici degli ahmadi. I suoi commenti rischiano di provocare reazioni violente contro coloro che chiedono il ritorno a casa dei cinque intellettuali spariti.

    Islamabad (AsiaNews) – L’Authority per le telecomunicazioni del Pakistan (Pemra) ha messo al bando il programma televisivo di Aamir Liaquat Hussain, famoso presentatore radicale, e gli ha vietato di comparire in qualsiasi programma. Contro di lui sono state presentate centinaia di denunce, che lo accusano di aver diffuso “discorsi d’odio” contro i cinque intellettuali attivisti scomparsi nelle scorse settimane. Da parte sua, il controverso personaggio pubblico ha trasgredito l’ordine ed è apparso in video. Ora il canale televisivo rischia di essere oscurato.

    Aamir Liaquat non è nuovo a comportamenti eccessivi e sconvenienti. Nel 2008 ha condotto un approfondimento sulla fede degli ahmadi, minoranza che in Pakistan viene considerata eretica; durante il programma due esperti islamici hanno affermato che tutti i seguaci di falsi profeti “meritano di essere uccisi”. Nel 2013 ha sollevato un mare di polemiche quando nel suo show ha distribuito bambini abbandonati a coppie senza figli.

    Di recente, durante la messa in onda del programma “Aisay Nahi Chalay Ga” (Non è accettabile) sul canale Bol News, egli ha accusato il professor Salman Haider e i quattro blogger scomparsi a Lahore di insulto all’islam, crimine che in Pakistan viene punito con la pena di morte. Nella dichiarazione dell’Authority si legge che “le accuse sono gravi e il solo sospetto di blasfemia può provocare la dura reazione di frange religiose organizzate, con vittime che possono essere attaccate e persino linciate da folle inferocite”.

    Mentre sempre di più prende piede l’ipotesi che i cinque intellettuali siano stati sequestrati dalle forze dell’ordine per aver pubblicato commenti critici nei confronti dell’estremismo religioso e delle frange radicali presenti nel governo e nelle forze armate, il presentatore ha insinuato nuovi dubbi. “Hanno disertato in India”, ha accusato.

    Non solo, Liaquat ha puntato il dito anche contro altri colleghi di spettacolo e attivisti sociali, dichiarando che una cospicua parte dei rappresentanti dei media e della società civile sono “non musulmani”, “infedeli”, “nemici dell’islam” e “spie dell’India”.

    Oltre all’ordinanza della Pakistan Electronic Media Regulatory Authority, la polizia di Rawalpindi ha aperto un’indagine contro di lui in base all’Anti Terrorism Act, per aver pronunciato minacce di morte nei confronti di Jibran Nasir, attivista e avvocato di Karachi, in prima linea tra coloro che chiedono giustizia per gli intellettuali scomparsi e il loro ritorno in libertà.

    In una dichiarazione, la All Pakistan Newspapers Society ha espresso “profonda preoccupazione per l’incessante tendenza di eccessi senza scrupoli con accuse infondate e commenti pieni di odio diffusi sui canali satellitari contro giornalisti, editori e direttori di giornali”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2017 09:05:00 PAKISTAN
    Lahore, torturato uno studente per aver twittato in favore di intellettuali attivisti scomparsi

    Suhail Ahmad studia giurisprudenza alla University Law College e si è distinto per numerose competizioni studentesche. Un gruppo di radicali lo ha prelevato dalla sua stanza del campus e trascinato in un luogo segreto. È stato torturato e tenuto in ostaggio per tre ore. Aperta un’indagine contro gli aggressori.



    19/01/2017 11:21:00 PAKISTAN
    Pakistan, cristiani e musulmani chiedono il rilascio degli intellettuali attivisti scomparsi (Foto)

    La Commissione per i diritti umani ha organizzato un seminario. I parenti degli intellettuali rapiti respingono le accuse di blasfemia, mosse dai radicali islamici. “È solo una mossa per rinchiuderli dietro le sbarre dopo il loro eventuale rilascio”.



    30/01/2017 08:57:00 PAKISTAN
    Pakistan, ricompare un professore attivista scomparso

    Salman Haider era sparito a Islamabad lo scorso 6 gennaio. Prima di lui, si sono perse le tracce di due blogger di Lahore. Un altro blogger disperso si è messo in contatto con la famiglia. Nessuna notizia del presidente della Civil Progressive Alliance of Pakistan.



    24/01/2017 15:37:00 PAKISTAN
    Attivisti pakistani: Il sequestro degli intellettuali è un fallimento dello Stato

    Da quasi tre settimane si sono perse le tracce del professor Salman Haider e di quattro blogger di Lahore. Forse sono stati rapiti per aver criticato le frange radicali del governo e dei militari. Chi è accusato di qualche crimine deve avere il diritto di difendersi davanti a un giudice. Il Pakistan ai primi posti tra i Paesi più a rischio per giornalisti e difensori dei diritti umani.



    11/01/2017 11:34:00 PAKISTAN
    Pakistan, scomparsi quattro attivisti laici. Forse rapiti dalla polizia

    Sono il professor Salman Haider e i blogger Waqas Goraya, Aasim Saeed e Ahmad Raza Naseer. I quattro uomini sono spariti la scorsa settimana in varie città. Avevano espresso sui social network posizioni contrarie all’estremismo religioso e criticato le frange radicali di governo e militari.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®