16 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/01/2017, 11.34

    PAKISTAN

    Pakistan, scomparsi quattro attivisti laici. Forse rapiti dalla polizia



    Sono il professor Salman Haider e i blogger Waqas Goraya, Aasim Saeed e Ahmad Raza Naseer. I quattro uomini sono spariti la scorsa settimana in varie città. Avevano espresso sui social network posizioni contrarie all’estremismo religioso e criticato le frange radicali di governo e militari.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – La scorsa settimana quattro attivisti laici sono scomparsi nel nulla in varie città del Pakistan. Si tratta del professor Salman Haider e dei tre blogger Waqas Goraya, Aasim Saeed e Ahmad Raza Naseer. Tutti e quattro gli uomini sono noti per le loro posizioni, che esprimono tramite commenti sui social network, critiche dell’estremismo religioso e delle frange radicali presenti nel governo e in ambienti militari. Ieri in tutto il Paese centinaia di persone son scese in strada per chiedere che sia fatta piena luce su queste misteriose sparizioni e che gli attivisti possano tornare presto dalle loro famiglie.

    Sostenitori e amici degli attivisti esprimono grande preoccupazione sulle sorti dei loro cari, arrivando persino ad ipotizzare un sequestro da parte di agenzie governative. Parlando di fronte alla folla riunita ad Islamabad, il senatore Afrasiab Khatak, ex presidente della Human Rights Commission of Pakistan, ha affermato: “Questo è bullismo di Stato. Chi ha fatto tutto ciò ha infranto la legge. Questo Paese non appartiene né ai generali, né ai burocrati, né ai capitalisti o ai signori feudali, ma appartiene al suo popolo. Non rimarremmo in silenzio”.

    Salman Haider è un noto poeta e insegna alla Fatima Jinnah Women’s University di Rawalpindi. Egli è scomparso lo scorso 6 gennaio a Islamabad, mentre due giorni prima a Lahore si sono perse le tracce dei cugini Waqas Goraya e Aasim Saeed. Infine il 7 gennaio è scomparso anche il blogger Ahmed Raza Naseer, malato di poliomelite, forse rapito mentre era nel suo negozio di Skeikhupura, vicino Lahore.

    Il ministro dell’Interno ha annunciato che condurrà un’indagine sul professor Haider, che aveva denunciato in pubblico alcune sparizioni forzate in Balochistan, ma non ha fatto riferimento a nessuno dei tre blogger.

    Shahzad Ahmed, a capo della Ong “Bytes for All” che si occupa di sicurezza in rete, riferisce che “nessuno degli scomparsi era mai comparso davanti a un giudice o era mai stato incolpato di qualche reato. La modalità della loro sparizione è preoccupante non solo per le famiglie, ma anche per gli internauti e per gli utenti dei social media nel Paese”. Secondo altri attivisti, mentre in passato le autorità statali hanno attuato stretti controlli sul mezzo televisivo, ora avrebbero ampliato il raggio d’azione anche sullo spazio digitale.

    In un editoriale apparso su Dawn, il maggior quotidiano in lingua inglese del Pakistan, si sottolinea che non si “può nascondere la sgradevole verità: il Pakistan continua ad essere sospettato di coinvolgimento nella scomparsa o nella detenzione illegale di una serie di privati cittadini. Ora […] si è aperto un nuovo capitolo nel torbido di Stato, nella guerra illegale contro la società civile. Non basta che governo e polizia dichiarino di voler aprire un’indagine sulle sparizioni. Lo Stato, proprio perché è l’esecutore della legge, non può essere al di sopra della legge”. Brad Adams, direttore per l’Asia di Human Rights Watch, aggiunge: “La natura di questi chiari rapimenti mette il governo in avviso di essere parte della soluzione o essere ritenuto responsabile per il suo ruolo nel problema”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/10/2014 VIETNAM
    Hanoi: scarcerato il blogger e attivista Nguyen Van Hai, ha già lasciato il Paese
    L’uomo, condannato nel 2012 a 12 anni di prigione per propaganda anti-governativa, è stato prelevato dalla cella, portato in aeroporto e imbarcato su un volo per gli Usa. La famiglia non è stata avvisata della scarcerazione. Attivisti parlano di espulsione e deportazione. Era fra i fondatori del Club giornalisti liberi.

    31/10/2014 STATI UNITI - VIETNAM
    Dissidente vietnamita: Hanoi usa i detenuti politici come merce di scambio nei negoziati
    Nguyen Van Hai: "Non sono stato rilasciato, ma deportato". Egli non ha potuto salutare la famiglia e gli amici. E lancia un appello alle diplomazie internazionali, perché trattando con il Vietnam “mettano la democrazia e i diritti civili” come precondizione ad accordi.

    12/03/2014 VIETNAM
    Per condannare una blogger, la polizia vietnamita manipola prove e testimonianze
    Bui Thi Minh Hang è in cella da un mese con altre due persone senza alcun capo di imputazione; la donna è in sciopero della fame. Le forze dell’ordine hanno cercato di estorcere dichiarazioni scritte a cinque attivisti per condannarla. Rischia da tre mesi fino a tre anni di galera, anche se non vi sono prove di colpevolezza. 


    23/12/2013 EGITTO
    Egitto, attivisti laici condannati a tre anni di prigione e lavori forzati
    Ahmed Maher (fondatore del Movimento 6 aprile), Mohamed Adel e Ahmed Douma sono stati condannati per aver organizzato "manifestazioni illegali". Critiche delle organizzazioni per i diritti umani e dei parenti degli imputati: "Il governo si sta comportando come i precedenti regimi".

    05/08/2013 CINA
    Aggressioni e acido in faccia, la risposta di Pechino a chi denuncia i corrotti
    Il presidente Xi Jinping ha lanciato una crociata contro tangenti e malversazioni nel Partito, invitando la popolazione a partecipare smascherando chi si comporta male. Ma blogger e attivisti che lo hanno preso sul serio sono finiti in ospedale o sono spariti nel nulla. Li Jianxin, accoltellato e sfigurato con l’acido, ha perso un occhio.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®