24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/12/2014, 00.00

    PALESTINA-ISRAELE

    Palestinesi all'Onu per la fine dell'occupazione israeliana. La minaccia del veto Usa

    Joshua Lapide

    I sostenitori della risoluzione al Consiglio di sicurezza sono Giordania e Paesi arabi. Si chiede che entro due anni termini l'occupazione israeliana dei territori occupati e di Gerusalemme est. La Corte della Ue toglie Hamas dalla lista delle organizzazioni terroristiche per "motivi tecnici". I passi diplomatici sono l'ultima via percorribile dopo decenni di frustrazioni.

    Gerusalemme (AsiaNews) - I palestinesi presenteranno oggi una risoluzione all'Onu, anche se gli Stati Uniti hanno minacciato il loro veto. Intanto, la Corte generale dell'Unione europea ha tolto Hamas dalla lista delle organizzazioni terroriste.

    La risoluzione palestinese sarà sostenuta dalla Giordania e da altri Paesi arabi e sarà presentata al Consiglio di sicurezza. In essa si prospetta il ritiro delle forze israeliane dai territori  occupati e da Gerusalemme est entro i prossimi due anni.

    Il segretario di Stato Usa John Kerry, ieri si è incontrato a Londra con il negoziatore palestinese Saeb Erakat per cercare di fermarlo. Secondo voci emerse dal colloquio, il timore di Kerry è che un simile passo - inviso a Israele - rischia di spostare ancora più a destra il futuro governo israeliano che dovrebbe emergere dalle elezioni del prossimo 17 marzo. Per questo egli ha anche minacciato l'uso del veto, che bloccherebbe la risoluzione.

    Erakat ha però messo in chiaro che se gli Usa porranno il veto, i palestinesi faranno domanda di entrare in tutte le convenzioni e organizzazioni internazionali, fra cui il Tribunale internazionale.

    Secondo diversi analisti, la decisione dell'Autorità palestinese (Ap) è ormai l'unica strada percorribile dopo i fallimenti dei dialoghi  israelo-palestinesi, la crescente violenza a Gaza e gli attacchi terroristi eseguiti dai cosiddetti "lupi solitari", persone senza precisa affiliazione, frustrate da decenni di oppressione, limiti, umiliazioni.

    D'altra parte, la politica israeliana a favore di una crescita degli insediamenti illegali nella West Bank e a Gerusalemme est sta rendendo sempre più difficile la prospettiva di uno Stato palestinese che abbia confini definiti e continuità territoriale.

    A spingere per il passo all'Onu vi è pure la pressione della popolazione che esige che l'Autorità palestinese interrompa la collaborazione con Israele sulla sicurezza.  Tale collaborazione si basava sugli Accordi di Oslo del 1993 e faceva nascere l'Ap, che sarebbe durata fino al momento del varo di uno Stato.

    Ma dopo quasi due decenni, senza alcun risultato in vista, la base palestinese accusa l'Autorità di essere semplicemente schiava di Israele, avendo ridotto la sua responsabilità a quella di un sindaco, lasciando a Israele il potere di raccogliere le tasse, di controllare entrate e uscite dai Territori, di gestire lo spazio aereo.

    Ormai anche i palestinesi più moderati non hanno fiducia nell'Ap e apprezzano il movimento di Hamas che "almeno si fa rispettare da Israele". In effetti, in tutti questi anni il governo israeliano ha sempre preferito trattare tregue, scambi di prigionieri, cessate-il fuoco non con l'Ap, ma con Hamas, pur accusando questa di essere un'organizzazione terrorista.

    A tale proposito, è di oggi la decisione della Corte generale dell'Unione europea (Ue) di cancellare Hamas dalla lista delle organizzazioni terroriste. Di fronte alle critiche di Israele e degli Usa, la Corte ha precisato che lo stralcio è dovuto a "motivazioni tecniche", dato che l'accusa contro Hamas è basato solo su fonti giornalistiche non su fatti documentati. Il congelamento dei fondi di Hamas rimane ancora in atto per altri tre mesi. In questo periodo si dà tempo a Paesi membri della Ue di appellarsi contro la decisione della Corte, portando nuove prove sul terrorismo di Hamas.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/12/2014 PALESTINA-ISRAELE
    Palestinesi all'Onu per la fine dell'occupazione israeliana entro il 2016
    Pronta una bozza da presentare il 17 dicembre al Consiglio di sicurezza. Molti Paesi europei favorevoli al riconoscimento di uno Stato palestinese. I dialoghi fra Kerry, Lavrov e i ministri degli esteri europei per una soluzione condivisa. L'ira di Netanyahu.

    21/02/2011 ISRAELE – PALESTINA
    Il veto Usa all’Onu, un boomerang contro Israele
    Gli Stati Uniti hanno messo il veto a una bozza di risoluzione per fermare gli insediamenti dei coloni israeliani nei territori occupati. In tal modo gli Usa danneggiano se stessi nei confronti del mondo arabo, ma rischiano anche di far cadere la soluzione dei “due Stati”. Israele rischia di essere cancellato come focolare del popolo ebraico perché dovrà accogliere una maggioranza palestinese.

    15/03/2010 ISRAELE - PALESTINA
    Polizia israeliana in stato d’allerta; palestinesi in sciopero
    Palestinesi d’Israele e gruppi islamici mobilitati alla Spianata delle Moschee, che la polizia israeliana ha proibito a uomini sotto i 50 anni. Oggi vi sarà anche l’inaugurazione della sinagoga di Hurva, segno ulteriore dell’esproprio israeliano della città.

    01/02/2017 08:32:00 ISRAELE - PALESTINA
    Israele autorizza altre 3mila case per i coloni nei Territori occupati

    È il quarto annuncio in due settimane, da quando Trump è presidente. Ma le colonie nei Territori occupati sono cresciute anche sotto Obama. Rendere impossibile la nascita di uno Stato palestinese



    12/11/2015 ISRAELE-PALESTINA-UE
    Obbligatoria l’etichetta sui prodotti israeliani dalle colonie nei Territori occupati. Netanyahu: E’ nazismo
    D’ora in poi le etichette di frutta, olio, cosmetici dal Mar Morto, prodotti industriali dovranno specificare se sono “Made in Israel” o nei Territori occupati della West Bank, del Golan, di Gerusalemme est. Israele teme un boicottaggio. Per l’Olp la decisione Ue è buona, ma insufficiente. Anche se ci fosse un boicottaggio, esso varrebbe circa 50 milioni di dollari Usa, una goccia nel commercio fra Ue e Israele.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®