21/11/2017, 10.31
VATICANO – BANGLADESH
Invia ad un amico

Papa al popolo del Bangladesh: vengo per proclamare il messaggio di riconciliazione di Gesù (Video)

Videomessaggio di papa Francesco in vista nel viaggio pastorale che effettuerà dal 30 novembre al 2 dicembre. Il pontefice sottolinea che la sua visita vuole confermare la comunità cristiana, ma pone molta importanza all'incontro con i leader religiosi.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “Vengo come ministro del Vangelo di Gesù Cristo, per proclamare il suo messaggio di riconciliazione, di perdono e di pace” e “non vedo l’ora di incontrare i leader religiosi”. Lo afferma papa Francesco, in un videomessaggio indirizzato a tutto il popolo  bangladeshi, diffuso oggi in vista della sua visita in Bangladesh, dove si recherà dal 30 novembre al 2 dicembre.

Il pontefice incontrerà i leader delle varie religioni  del Paese il 1° dicembre nel giardino dell’arcivescovado di Dhaka. “Noi viviamo – dichiara – in un tempo in cui i credenti e gli uomini di buona volontà in ogni luogo sono chiamati a promuovere la reciproca comprensione e il rispetto, e a sostenersi l’un l’altro come membri dell’unica famiglia umana”.

L’incontro interreligioso ed ecumenico è una delle tappe fondamentali della visita pastorale, soprattutto per un Paese segnato dal fondamentalismo islamico, come è stato evidente nel 2016 con l’attentato all’Holey Artisan Bakery Cafè del quartiere Gulshan della capitale, in cui sono morti 20 stranieri (tra cui nove italiani). Di seguito il testo del videomessaggio.

Cari amici,

mentre mi preparo a visitare il Bangladesh ormai tra pochi giorni, desidero inviare una parola di saluto e di amicizia a tutto il suo popolo. Non vedo l’ora del momento nel quale potremo stare insieme.

Vengo come ministro del Vangelo di Gesù Cristo, per proclamare il suo messaggio di riconciliazione, di perdono e di pace. La mia visita intende confermare la comunità cattolica del Bangladesh nella sua fede e nella sua testimonianza del Vangelo, che insegna la dignità di ogni uomo e donna, e ci chiama ad aprire i nostri cuori agli altri, specialmente ai più poveri e ai bisognosi.

Nello stesso tempo desidero incontrare l’intero popolo. In modo speciale non vedo l’ora di incontrare i leader religiosi a Ramna. Noi viviamo in un tempo in cui i credenti e gli uomini di buona volontà in ogni luogo sono chiamati a promuovere la reciproca comprensione e il rispetto, e a sostenersi l’un l’altro come membri dell’unica famiglia umana.

So che molti in Bangladesh stanno lavorando con impegno per preparare la mia visita, e li ringrazio. Chiedo a ciascuno di pregare affinché i giorni nei quali sarò con voi possano essere fonte di speranza e di incoraggiamento per tutti. Su di voi e sulle vostre famiglie invoco le divine benedizioni di gioia e di pace! A presto!

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dhaka, il grazie al governo per la visita del papa. Chiese sorvegliate a Natale
15/12/2017 12:09
Papa: ‘Guardare in faccia i più bisognosi, ecco cosa ci rende cristiani’
07/08/2013
Papa: Giovani del Bangladesh, impavidi, la sapienza di Dio rafforza la speranza
02/12/2017 12:46
Il Bangladesh pellegrino alla messa con papa Francesco (video)
01/12/2017 10:25
Papa in Bangladesh: Il grazie ai 90mila fedeli; la preghiera per i 16 neo-ordinati
01/12/2017 08:29