13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/11/2017, 10.31

    VATICANO – BANGLADESH

    Papa al popolo del Bangladesh: vengo per proclamare il messaggio di riconciliazione di Gesù (Video)



    Videomessaggio di papa Francesco in vista nel viaggio pastorale che effettuerà dal 30 novembre al 2 dicembre. Il pontefice sottolinea che la sua visita vuole confermare la comunità cristiana, ma pone molta importanza all'incontro con i leader religiosi.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Vengo come ministro del Vangelo di Gesù Cristo, per proclamare il suo messaggio di riconciliazione, di perdono e di pace” e “non vedo l’ora di incontrare i leader religiosi”. Lo afferma papa Francesco, in un videomessaggio indirizzato a tutto il popolo  bangladeshi, diffuso oggi in vista della sua visita in Bangladesh, dove si recherà dal 30 novembre al 2 dicembre.

    Il pontefice incontrerà i leader delle varie religioni  del Paese il 1° dicembre nel giardino dell’arcivescovado di Dhaka. “Noi viviamo – dichiara – in un tempo in cui i credenti e gli uomini di buona volontà in ogni luogo sono chiamati a promuovere la reciproca comprensione e il rispetto, e a sostenersi l’un l’altro come membri dell’unica famiglia umana”.

    L’incontro interreligioso ed ecumenico è una delle tappe fondamentali della visita pastorale, soprattutto per un Paese segnato dal fondamentalismo islamico, come è stato evidente nel 2016 con l’attentato all’Holey Artisan Bakery Cafè del quartiere Gulshan della capitale, in cui sono morti 20 stranieri (tra cui nove italiani). Di seguito il testo del videomessaggio.

    Cari amici,

    mentre mi preparo a visitare il Bangladesh ormai tra pochi giorni, desidero inviare una parola di saluto e di amicizia a tutto il suo popolo. Non vedo l’ora del momento nel quale potremo stare insieme.

    Vengo come ministro del Vangelo di Gesù Cristo, per proclamare il suo messaggio di riconciliazione, di perdono e di pace. La mia visita intende confermare la comunità cattolica del Bangladesh nella sua fede e nella sua testimonianza del Vangelo, che insegna la dignità di ogni uomo e donna, e ci chiama ad aprire i nostri cuori agli altri, specialmente ai più poveri e ai bisognosi.

    Nello stesso tempo desidero incontrare l’intero popolo. In modo speciale non vedo l’ora di incontrare i leader religiosi a Ramna. Noi viviamo in un tempo in cui i credenti e gli uomini di buona volontà in ogni luogo sono chiamati a promuovere la reciproca comprensione e il rispetto, e a sostenersi l’un l’altro come membri dell’unica famiglia umana.

    So che molti in Bangladesh stanno lavorando con impegno per preparare la mia visita, e li ringrazio. Chiedo a ciascuno di pregare affinché i giorni nei quali sarò con voi possano essere fonte di speranza e di incoraggiamento per tutti. Su di voi e sulle vostre famiglie invoco le divine benedizioni di gioia e di pace! A presto!

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/09/2017 11:38:00 BANGLADESH - VATICANO
    Dhaka: cattolici, protestanti e musulmani attendono con gioia papa Francesco

    Il viaggio pastorale è in calendario dal 30 novembre al 2 dicembre 2017. La Chiesa locale ha costituito 10 sottocommissioni multiconfessionali che incontreranno il pontefice. Politici musulmani: “Siamo ansiosi per la visita”. Consulente del governo: “Spero che parli della violenza contro le donne”. Protestanti aiutano nell’organizzazione.



    05/10/2017 15:43:00 BANGLADESH – VATICANO
    Card. D’Rozario: papa Francesco sarà ‘pellegrino per l’anima del popolo’ del Bangladesh

    Il pontefice è atteso dal 30 novembre al 2 dicembre 2017. È la prima visita dopo quella di Giovanni Paolo II nel 1986. Una visita di Stato e per la cura pastorale dei cristiani e musulmani. Stimolo al dialogo tra le comunità religiose. L’intervista all’arcivescovo di Dhaka.



    01/12/2017 10:25:00 BANGLADESH-VATICANO
    Il Bangladesh pellegrino alla messa con papa Francesco (video)

    Stamattina la messa al Suhrawardi Udyan Park di Dhaka. Ordinati 16 sacerdoti. Presenti più di 70mila persone. Tra i partecipanti, anche alcuni lebbrosi di Khulna. Un gruppo dalla parrocchia di Mohespur ha trascorso 15 ore in viaggio. Le speranze delle giovani lavoratrici. L’impegno di un neo-consacrato.  Dalla nostra inviata.



    01/12/2017 08:29:00 BANGLADESH-VATICANO
    Papa in Bangladesh: Il grazie ai 90mila fedeli; la preghiera per i 16 neo-ordinati

    Alla sua prima messa a Dhaka, papa Francesco ringrazia i cattolici, venuti anche ““da lontano, in un viaggio di più di due giorni”. La celebrazione nel luogo dove Mujibur Rahman ha proclamato la nascita del Bangladesh.



    02/12/2017 12:46:00 BANGLADESH-VATICANO
    Papa: Giovani del Bangladesh, impavidi, la sapienza di Dio rafforza la speranza

    All’incontro coi giovani, sono presenti 7mila cattolici, oltre a membri di altre religioni. Canti e danze per l’accoglienza e le testimonianze di un ragazzo e una ragazza. “Siete sempre pieni di entusiasmo, e mi sento ringiovanire ogni volta che vi incontro”. Per “non girovagare senza meta”, occorre affidarsi alla sapienza di Dio, che “ci aiuta a riconoscere e respingere le false promesse di felicità”. Tale sapienza “apre agli altri”, fa apprezzare la cultura degli anziani, “ci aiuta ad affrontare il futuro con coraggio”.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®