20/09/2018, 13.14
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: ‘è grave’ il diffondersi di xenofobia e razzismo e lo sfruttarlo politicamente

“La gravità di questi fenomeni non può lasciarci indifferenti. Siamo tutti chiamati, nei nostri rispettivi ruoli, a coltivare e promuovere il rispetto della dignità intrinseca di ogni persona umana, a cominciare dalla famiglia – luogo in cui si imparano fin dalla tenerissima età i valori della condivisione, dell’accoglienza, della fratellanza e della solidarietà – ma anche nei vari contesti sociali in cui operiamo”.

Città del Vaticano (AsiaNews) – E’ grave che si diffondano xenofobia e razzismo e che “nel mondo della politica si ceda alla tentazione di strumentalizzare le paure o le oggettive difficoltà di alcuni gruppi e di servirsi di promesse illusorie per miopi interessi elettorali”. Gli atteggiamenti “che ledono gravemente la dignità delle persone coinvolte e i loro diritti fondamentali” sono stati condannati da papa Francesco nel discorso per i partecipanti alla World Conference on Xenophobia, Racism, and Populist Nationalism in the context of Global Migration, in corso a Roma dal 18 al 20 settembre 2018, promossa dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale e dal World Council of Churches (WCC), in collaborazione con il Pontificio consiglio per l’unità dei cristiani.

Il Papa ha rivolto ai presenti un saluto e ha consegnato il discorso nel quale sottolinea la responsabilità di “compiere e ispirare gesti che contribuiscano a costruire società fondate sul principio della sacralità della vita umana e sul rispetto della dignità di ogni persona, sulla carità, sulla fratellanza – che va ben oltre la tolleranza – e sulla solidarietà”.

“Viviamo – sottolinea Francesco - tempi in cui sembrano riprendere vita e diffondersi sentimenti che a molti parevano superati. Sentimenti di sospetto, di timore, di disprezzo e perfino di odio nei confronti di individui o gruppi giudicati diversi in ragione della loro appartenenza etnica, nazionale o religiosa e, in quanto tali, ritenuti non abbastanza degni di partecipare pienamente alla vita della società. Questi sentimenti, poi, troppo spesso ispirano veri e propri atti di intolleranza, discriminazione o esclusione, che ledono gravemente la dignità delle persone coinvolte e i loro diritti fondamentali, incluso lo stesso diritto alla vita e all’integrità fisica e morale. Purtroppo accade pure che nel mondo della politica si ceda alla tentazione di strumentalizzare le paure o le oggettive difficoltà di alcuni gruppi e di servirsi di promesse illusorie per miopi interessi elettorali”.

“La gravità di questi fenomeni non può lasciarci indifferenti. Siamo tutti chiamati, nei nostri rispettivi ruoli, a coltivare e promuovere il rispetto della dignità intrinseca di ogni persona umana, a cominciare dalla famiglia – luogo in cui si imparano fin dalla tenerissima età i valori della condivisione, dell’accoglienza, della fratellanza e della solidarietà – ma anche nei vari contesti sociali in cui operiamo”.

E’ una responsabilità che riguarda formatori ed educatori e “coloro che operano nel mondo delle comunicazioni sociali, i quali hanno il dovere di porsi al servizio della verità e diffondere le informazioni avendo cura di favorire la cultura dell’incontro e dell’apertura all’altro, nel reciproco rispetto delle diversità”.

“Coloro, poi, che traggono giovamento economico dal clima di sfiducia nello straniero, in cui l’irregolarità o l’illegalità del soggiorno favorisce e nutre un sistema di precariato e di sfruttamento – talora a un livello tale da dar vita a vere e proprie forme di schiavitù – dovrebbero fare un profondo esame di coscienza, nella consapevolezza che un giorno dovranno rendere conto davanti a Dio delle scelte che hanno operato”.

Il Papa afferma poi che anche i leader “di tutte le religioni” hanno l’importante missione di diffondere “i principi e i valori etici inscritti da Dio nel cuore dell’uomo, noti come la legge morale naturale”. “In particolare, possano le Chiese cristiane farsi testimoni umili e operose dell’amore di Cristo. Per i cristiani, infatti, le responsabilità morali sopra menzionate assumono un significato ancora più profondo alla luce della fede”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’Asia, continente di migranti: una sfida e un’opportunità per il mondo
19/09/2018 10:55
Chiese, società e religioni di fronte a xenofobia, razzismo e nazionalismo
19/09/2018 08:16
Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia
15/12/2017 10:45
Il papa e la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2018
22/08/2017 14:38
Papa: Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati
21/08/2017 12:14