13/01/2008, 00.00
VATICANO
Invia ad un amico

Papa: “Sopraffatti dalla gioia” perché Cristo ci dona la vita vera e piena

All'Angelus, Benedetto XVI sottolinea ancora il mistero del battesimo di Gesù e ricorda la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, dedicata ai giovani migranti. Domanda alle comunità ecclesiali di comprenderli ed accoglierli; ai giovani migranti di non lasciarsi trasportare dalla violenza.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Nell’ultimo Angelus del tempo liturgico di Natale, il papa ha ricordato il mistero della festa di oggi, quella del battesimo di Gesù, “la sua prima manifestazione pubblica, dopo trent’anni circa di vita nascosta a Nazaret”. Il senso profondo di questo gesto, ha detto il pontefice, “emergerà solo alla fine della vicenda terrena di Cristo, cioè nella sua morte e risurrezione”.

Davanti alle migliaia di pellegrini, radunati in piazza san Pietro sotto una pioggia battente, il pontefice ha spiegato: “Facendosi battezzare da Giovanni insieme con i peccatori, Gesù ha iniziato a prendere su di sé il peso della colpa dell’intera umanità, come Agnello di Dio che ‘toglie’ il peccato del mondo (cfr Gv 1,29). Opera che Egli portò a compimento sulla croce, quando ricevette anche il suo ‘battesimo’ (cfr Lc 12,50). Morendo infatti si ‘immerse’ nell’amore del Padre ed effuse lo Spirito Santo, affinché i credenti in Lui potessero rinascere da quella sorgente inesauribile di vita nuova ed eterna. Tutta la missione di Cristo si riassume in questo: battezzarci nello Spirito Santo, per liberarci dalla schiavitù della morte e ‘aprirci il cielo’, l’accesso cioè alla vita vera e piena, che sarà "un sempre nuovo immergersi nella vastità dell’essere, mentre siamo semplicemente sopraffatti dalla gioia" (Spe salvi, 12)”.

Dopo la preghiera mariana, Benedetto XVI ha ricordato che oggi si celebra anche la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che quest’anno pone al centro dell’attenzione i giovani migranti. “Numerosi – ha detto il papa - sono infatti i giovani che vari motivi spingono a vivere lontani dalle loro famiglie e dai loro Paesi. Particolarmente a rischio sono le ragazze e i minori. Alcuni bambini e adolescenti sono nati e cresciuti in ‘campi-profughi’: anch’essi hanno diritto ad un futuro! Esprimo il mio apprezzamento per quanti si impegnano in favore dei giovani migranti, delle loro famiglie e per la loro integrazione lavorativa e scolastica; invito le comunità ecclesiali ad accogliere con simpatia giovani e giovanissimi con i loro genitori, cercando di comprenderne le storie e di favorirne l’inserimento. Cari giovani migranti! Impegnatevi a costruire insieme ai vostri coetanei una società più giusta e fraterna, adempiendo i vostri doveri, rispettando le leggi e non lasciandovi mai trasportare dalla violenza. Vi affido tutti a Maria, Madre dell’intera umanità”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: Gesù non descrive la "fine del mondo", ma è il centro del presente e del futuro
18/11/2012
Papa: La speranza della venuta di Gesù ci spinge a una vita intensa, non al disimpegno
08/08/2010
Papa: Cristo, fondamento della speranza di cui hanno bisogno tutti gli uomini
29/11/2009
Papa: Evangelizzare la realtà della morte, liberandola da superstizioni, sincretismi, mitologie
02/11/2008
Papa: Giovanni Battista contro il nostro Natale materialistico
09/12/2007