12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/11/2017, 12.32

    VATICANO

    Papa: ‘non tutto ciò che è tecnicamente possibile è perciò stesso eticamente accettabile’



    I grandi progressi della scienza pongono “grandi e gravi” interrogativi. “Il progresso scientifico e tecnologico  serve al bene di tutta l’umanità e i suoi benefici non possono andare a vantaggio soltanto di pochi”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – I grandi progressi della medicina e della genetica, e quelli incredibili delle macchine autonome e pensanti non solo inducono” alcuni” a pensare che ci troviamo “quasi all’alba di una nuova era e alla nascita di un nuovo essere umano, superiore a quello che abbiamo conosciuto finora”, ma pongono “grandi e gravi” interrogativi. E resta  “sempre valido” il principio che “non tutto ciò che è tecnicamente possibile o fattibile è perciò stesso eticamente accettabile”.

    L’ha ribadito papa Francesco che stamattina ha ricevuto i partecipanti all’Assemblea plenaria del Pontificio consiglio della cultura, che ha avuto al centro la questione antropologica, con l’obiettivo di comprendere le linee future di sviluppo della scienza e della tecnica.

    Riprendendo la domanda sull’essere umano, espressa nel Salmo 8: «Che cosa è mai l’uomo perché di lui ti ricordi?», Francesco ha ricordato la risposta antropologica “che si delinea già nella Genesi e percorre tutta la Rivelazione, sviluppandosi attorno agli elementi fondamentali della relazione e della libertà”.

    “La relazione si dirama secondo una triplice dimensione: verso la materia, la terra e gli animali; verso la trascendenza divina; verso gli altri esseri umani. La libertà si esprime nell’autonomia – naturalmente relativa – e nelle scelte morali”. “Questo impianto fondamentale ha retto per secoli il pensiero di gran parte dell’umanità e conserva ancora oggi la sua validità. Ma, nello stesso tempo oggi ci rendiamo conto che i grandi principi e i concetti fondamentali dell’antropologia sono non di rado messi in questione anche sulla base di una maggiore consapevolezza della complessità della condizione umana ed esigono un approfondimento ulteriore”.

    Considerando l’antropologia come “orizzonte fluido, mutevole, in virtù dei cambiamenti socio-economici, degli spostamenti di popolazioni e dei relativi confronti interculturali, ma anche del diffondersi di una cultura globale e, soprattutto, delle incredibili scoperte della scienza e della tecnica”, Francesco ha indicato alcuni punti fondamentali per rispondere alle sfide di questo nostro tempo partendo, prima di tutto, “dall’ apprezzamento delle scienze”, che “trova il suo fondamento ultimo nel progetto di Dio che «ci ha scelti prima della creazione del mondo […] predestinandoci ad essere suoi figli adottivi» (Ef 1,3-5) e che ci ha affidato la cura del creato: «coltivare e custodire» la terra (cfr Gen 2,15). Proprio perché l’uomo è immagine e somiglianza di un Dio che ha creato il mondo per amore, la cura dell’intera creazione deve seguire la logica della gratuità e dell’amore, del servizio, e non quella del dominio e della prepotenza”.

    Fondamentale è “attingere ai tesori di sapienza conservati nelle tradizioni religiose, alla saggezza popolare, alla letteratura e alle arti, che toccano in profondità il mistero dell’esistenza umana, senza dimenticare, anzi riscoprendo quelli contenuti nella filosofia e nella teologia”.

    Ma per evitare la “tragica divisione” tra “la cultura umanistico-letteraria-teologica e quella scientifica”, e “incoraggiare un maggiore dialogo anche tra la Chiesa, comunità dei credenti, e la comunità scientifica”, il Papa ha fatto riferimento alla Laudato sì, richiamandosi alla “necessità impellente dell’umanesimo”. A questo si aggiungono anche due grandi principi che la Chiesa offre per la realizzazione di questo dialogo: la centralità della persona umana e la destinazione universale dei beni. “Il progresso scientifico e tecnologico  serve al bene di tutta l’umanità e i suoi benefici non possono andare a vantaggio soltanto di pochi. In tal modo, si eviterà che il futuro aggiunga nuove disuguaglianze basate sulla conoscenza, e aumenti il divario tra ricchi e poveri”.

    Altro principio “sempre valido”, ha concluso Francesco, è che “non tutto ciò che è tecnicamente possibile o fattibile è perciò stesso eticamente accettabile”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2015 VATICANO
    Enciclica: la crisi ecologica è una crisi umana, sociale ed etica (2)
    Nei capp. 3 e 4 di “Laudato sì” sulla cura del creato, papa Francesco indica le cause profonde della crisi ecologica in un “antropocentrismo deviato”. Le pretese della scienza e della tecnica portano al relativismo presuntuoso e a una “cultura dello scarto” che produce rifiuti e scarti umani. Il movimento ecologista dovrebbe anche lottare contro l’aborto e la manipolazione degli embrioni umani vivi. La soluzione è un’ecologia integrale che riproponga l’uomo e i suoi rapporti con la natura, ma anche con gli altri, la cultura, e con se stessi, il proprio corpo e la mascolinità e femminilità. Una proposta per gli OGM.

    25/05/2013 VATICANO
    Papa: la crisi economica ha radici etiche, serve un ripensamento globale del sistema
    Non si possono mettere "gli idoli del potere, del profitto, del denaro, al di sopra del valore della persona umana". La disoccupazione "si sta allargando a macchia d'olio in ampie zone dell'occidente e sta estendendo in modo preoccupante i confini della povertà. E non c'è peggiore povertà materiale, mi preme sottolinearlo, di quella che non permette di guadagnarsi il pane e che priva della dignità del lavoro".

    03/06/2015 VATICANO
    Papa: serve una nuova “etica civile” che non ceda “al ricatto di Cesare e Mammona, della violenza e del denaro”
    “La famiglia ha tanti problemi che la mettono alla prova” e “una di queste prove è la povertà”, aggravata dagli pseudo-modelli” diffusi dalla società consumista e lo “sfruttamento” della famiglia da parte di “politica ed economia” che sostanzialmente se ne disinteressano. “Vicinanza” al popolo cinese per il disastro dello Yangtze.

    17/06/2013 VATICANO
    Papa: il G8 promuova un cessate il fuoco in Siria e misure economiche "ispirate all'etica della verità"
    Lettera di Francesco al premier inglese Cameron. La pace "esige una lungimirante rinuncia ad alcune pretese". Si ricordi che l'uomo "non è un fattore economico in più, o un bene scartabile, ma qualcosa che ha una natura e una dignità non riducibili a semplici calcoli economici".

    27/10/2014 VATICANO
    Papa Francesco: Benedetto XVI "un grande Papa", per intelligenza, contributo alla teologia e amore per la Chiesa
    "Il Big-Bang, che oggi si pone all'origine del mondo, non contraddice l'intervento creatore divino ma lo esige. L'evoluzione nella natura non contrasta con la nozione di Creazione, perché l'evoluzione presuppone la creazione degli esseri che si evolvono!. Un "grave peccato" quando l'uomo prende il posto di Dio e distrugge il Creato.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®