20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/05/2017, 12.10

    VATICANO

    Papa: Cristo, Buon Pastore, è diventato la porta della salvezza dell’umanità, perché ha offerto la vita per le sue pecore



    Prima del Regina Caeli, papa Francesco spiega i simboli presenti nel vangelo di oggi. Gesù “è un capo la cui autorità si esprime nel servizio… Di un capo così ci si può fidare”. Egli una “presenza amica, forte e dolce insieme, che indirizza, protegge, consola e medica”. Troppo spesso mettiamo in ombra questa “dimensione spirituale e affettiva”. Cristo sostenga “quanti sono da Lui chiamati, affinché siano pronti e generosi nel seguire la sua voce”. Sette martiri della guerra civile spagnola beatificati ieri. Nel mese di maggio, pregare il rosario “per la pace, come ha chiesto la Vergine a Fatima”.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – “Cristo, Buon Pastore, è diventato la porta della salvezza dell’umanità, perché ha offerto la vita per le sue pecore”: così papa Francesco ha unificato le due immagini riferite a Gesù nel vangelo di oggi, della quarta domenica di Pasqua (Gv 10,1-10), detta tradizionalmente “del Buon Pastore”, in cui Gesù parla di sé come “pastore” e come “porta delle pecore”.

    Nella sua riflessione prima della recita del Regina Caeli con i pellegrini radunati in piazza san Pietro, il pontefice ha spiegato: “Il gregge, che siamo tutti noi, ha come abitazione un ovile che serve da rifugio, dove le pecore dimorano e riposano dopo le fatiche del cammino. E l’ovile ha un recinto con una porta, dove sta un guardiano. Al gregge si avvicinano diverse persone: c’è chi entra nel recinto passando dalla porta e chi «vi sale da un’altra parte» (v. 1). Il primo è il pastore, il secondo un estraneo, che non ama le pecore. Gesù si identifica col primo e manifesta un rapporto di familiarità con le pecore, espresso attraverso la voce, con cui le chiama e che esse riconoscono e seguono (cfr v. 3). Lui le chiama per condurle fuori, ai pascoli erbosi dove trovano buon nutrimento.

    La seconda immagine con cui Gesù si presenta è quella della «porta delle pecore» (v. 7). Infatti dice: «Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato» (v. 9), cioè avrà la vita e l’avrà in abbondanza (cfr v. 10)”.

    “Gesù, pastore buono e porta delle pecore – ha continuato -  è un capo la cui autorità si esprime nel servizio, un capo che per comandare dona la vita e non chiede ad altri di sacrificarla. Di un capo così ci si può fidare, come le pecore che ascoltano la voce del loro pastore perché sanno che con lui si va a pascoli buoni e abbondanti. Basta un segnale, un richiamo ed esse seguono, obbediscono, si incamminano guidate dalla voce di colui che sentono come presenza amica, forte e dolce insieme, che indirizza, protegge, consola e medica. Così è Cristo per noi”.

    Il papa ha poi parlato della “dimensione spirituale e affettiva” che ci lega a Cristo: una dimensione “dell’esperienza cristiana che forse lasciamo un po’ in ombra”. “A volte – ha aggiunto - razionalizziamo troppo la fede e rischiamo di perdere la percezione del timbro di quella voce, della voce di Gesù buon pastore, che stimola e affascina. Come è capitato ai due discepoli di Emmaus, cui ardeva il cuore mentre il Risorto parlava lungo la via. È la meravigliosa esperienza di sentirsi amati da Gesù: [fatevi la domanda: io mi sento amato, amata da Gesù?] per Lui non siamo mai degli estranei, ma amici e fratelli. Eppure non è sempre facile distinguere la voce del pastore buono. C’è sempre il pericolo del ladro, del brigante e del falso pastore. C’è sempre il rischio di essere distratti dal frastuono di tante altre voci. Oggi siamo invitati a non lasciarci distogliere dalle false sapienze di questo mondo, ma a seguire Gesù, il Risorto, come unica guida sicura che dà senso alla nostra vita”.

    “In questa Giornata Mondiale di preghiera per le vocazioni sacerdotali – ha concluso -  invochiamo la Vergine Maria: Lei accompagni i dieci nuovi sacerdoti che ho ordinato poco fa, e ho chiesto a quattro nuovi della diocesi di Roma di affacciarsi assieme a me per dare la benedizione (v.foto). La Madonna sostenga con il suo aiuto quanti sono da Lui chiamati, affinché siano pronti e generosi nel seguire la sua voce”.

    Dopo la preghiera mariana pasquale, Francesco ha ricordato anzitutto che ieri a Gerona (Spagna) sono stati beatificati Antonio Arribas Hortigüela e sei compagni, religiosi della Congregazione dei Missionari del Sacro Cuore, perseguitati e uccisi durante la guerra civile spagnola. “. Il loro martirio – ha detto -  accettato per amore di Dio e per fedeltà alla loro vocazione, susciti nella Chiesa il desiderio di testimoniare con fortezza il Vangelo della carità”.

    Il pontefice ha anche ricordato che “domani rivolgeremo la Supplica alla Madonna del Rosario di Pompei”. E ha invitato a pregare il rosario “in questo mese di maggio… in particolare per la pace, come ha chiesto la Vergine a Fatima, dove mi recherò in pellegrinaggio tra pochi giorni, in occasione del centenario della prima apparizione”.

    Fra i gruppi che il papa ha salutato, egli ha citato anche un gruppo di Chennai (India).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/05/2017 11:05:00 VATICANO
    Papa a 10 nuovi sacerdoti: Eletti dal Signore non per fare carriera, ma per il servizio

    Nella Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, papa Francesco ha ordinato 10 giovani provenienti dai seminari diocesani romani fra i 26 e i 38 anni. Vi è anche un asiatico, dell’Azerbaijian. L’omelia rituale costellata di commenti a braccio, talvolta sferzanti. “Non fate omelie troppo elaborate, intellettuali, parlate in modo semplice”. “La doppia vita è una malattia brutta nella Chiesa”. “Siate gioiosi, nella gioia del servizio di Cristo, anche in mezzo alle sofferenze, alle incomprensioni, ai propri peccati”. “Non siate signori, chierici di Stato, ma pastori del popolo di Dio”.



    11/05/2014 VATICANO
    Papa: Come i vitelli, importunate i pastori perché vi diano il latte della grazia, della dottrina e della guida
    Citando san Cesario d'Arles, papa Francesco consiglia ai fedeli di essere come "un vitellino" che bussa alla mammella della mucca per ricevere il latte. Un ricordo e una preghiera per tutte le mamme, nella Festa della Mamma. Il saluto alle comunità neocatecumenali, impegnate a portare "l'annuncio di Gesù risorto in 100 piazze di Roma e in tante città del mondo". Prima del Regina Caeli il pontefice ha ordinato 13 nuovi sacerdoti di origine italiana, latino-americana, pakistana, vietnamita e coreana. "Abbiate tanta misericordia!".

    17/04/2016 11:44:00 VATICANO
    Papa: La nostra vita è al sicuro nelle mani di Gesù, per questo non abbiamo più paura

    Al Regina Caeli Francesco sottolinea l’importanza dell’ascolto, da parte dei seguaci, delle parole di Cristo: “Un ascolto coinvolgente, non superficiale, al punto da rendere possibile una versa conoscenza reciproca”. Dopo la preghiera mariana, il pontefice ringrazia chi lo ha accompagnato con la preghiera nella visita a Lesbo con il patriarca Bartolomeo e l’arcivescovo Ieronimo: “L’unità nella carità di tutti i discepoli del Signore”. Il papa racconta la storia di un ragazzo musulmano, cui i terroristi hanno sgozzato la moglie perché cristiana: “E’ una martire, e lui piangeva tanto”. Una preghiera anche per le vittime dei terremoti in Ecuador e Giappone.



    29/04/2007 VATICANO
    Con Maria, dire “sì” a Cristo e pregare per le vocazioni
    Davanti a oltre 40 mila persone, Benedetto XVI chiede a tutti di pregare per i sacerdoti, per i formatori e per le famiglie perché curino il seme della chiamata a seguire Cristo Buon Pastore.

    21/04/2014 VATICANO
    Papa: La gioia pasquale "non è un maquillage! Si imprima nei nostri cuori e traspaia nelle nostre azioni"
    Prima della recita del Regina Caeli, che nel tempo pasquale sostituisce la preghiera dell'Angelus, Francesco invita i fedeli "a riprendere il Vangelo, leggere i capitoli della Risurrezione" e soffermarsi sulla figura di Maria "Madre di tutti i discepoli, Madre della Chiesa e Madre di speranza". Il Lunedì dell'Angelo "prolunga la gioia della Risurrezione di Cristo".



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®