12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/05/2009, 00.00

    VATICANO

    Papa: Dalla terra di san Benedetto, il mio pensiero al popolo cinese e ai cattolici



    Il ricordo della Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina e della Vergine di Sheshan (Shanghai). San Benedetto, testimone della pace, dono di Dio e impegno di tutti.

    Cassino (AsiaNews) – Un “pensiero” al popolo cinese e il suo “grande affetto” per i cattolici di Cina sono stati espressi da Benedetto XVI prima della recita del Regina Caeli di oggi. Il pontefice ha ricordato così la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, da lui lanciata con la Lettera ai cattolici cinesi del 2007, e che cade ogni anno il 24 maggio, festa di Maria, Aiuto dei cristiani, celebrata in special modo nel santuario mariano di Sheshan, sulle pendici di Shanghai.

    “Oggi, 24 maggio -  ha detto il papa - memoria liturgica della Beata Vergine Maria, Aiuto dei Cristiani - che è venerata con grande devozione nel santuario di Sheshan a Shanghai -, si celebra la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina. Il mio pensiero va a tutto il Popolo cinese. In particolare saluto con grande affetto i cattolici in Cina e li esorto a rinnovare in questo giorno la loro comunione di fede in Cristo e di fedeltà al Successore di Pietro. La nostra comune preghiera ottenga un 'effusione dei doni dello Spirito Santo, affinché l'unità fra tutti i cristiani, la cattolicità e l'universalità della Chiesa siano sempre più profonde e visibili”.

    Il Regina Caeli di oggi è stato proclamato da Cassino (intonato dal papa in canto), vicino all’abbazia benedettina di Montecassino, dove il pontefice si è recato in visita e dove in mattinata ha celebrato l’eucaristia dell’Ascensione. Nell’omelia della messa il pontefice ha sottolineato il contributo del monachesimo benedettino alla dignità della preghiera, della lectio divina, e al lavoro. Prima della preghiera mariana egli ha voluto sottolineare il valore della “ricchezza” e della “potenza della pace di Cristo”. “San Benedetto – ha spiegato il pontefice - ne è stato grande testimone, perché l’ha accolta nella sua esistenza e l’ha fatta fruttificare in opere di autentico rinnovamento culturale e spirituale. Proprio per questo, all’ingresso dell’Abbazia di Montecassino e di ogni altro monastero benedettino, è posta come motto la parola "PAX": la comunità monastica, infatti, è chiamata a vivere secondo questa pace, che è dono pasquale per eccellenza”.

    Ricordando poi il suo recente viaggio in Terra Santa – una terra piena di tensioni - Benedetto XVI ha sottolineato che “la pace è in primo luogo dono di Dio, e dunque la sua forza sta nella preghiera”.

    E ha aggiunto: “E’ dono affidato, però, all’impegno umano. Anche l’energia necessaria per attuarlo si può attingere dalla preghiera. E’ pertanto fondamentale coltivare un’autentica vita di preghiera per assicurare il progresso sociale nella pace. Ancora una volta la storia del monachesimo ci insegna che una grande crescita di civiltà si prepara nel quotidiano ascolto della Parola di Dio, che spinge i credenti ad un sforzo personale e comunitario di lotta contro ogni forma di egoismo e di ingiustizia. Solo imparando, con la grazia di Cristo, a combattere e vincere il male dentro di sé e nelle relazioni con gli altri, si diventa autentici costruttori di pace e di progresso civile. La Vergine Maria, Regina della Pace, aiuti tutti i cristiani, nelle diverse vocazioni e situazioni di vita, ad essere testimoni della pace, che Cristo ci ha donato e ci ha lasciato come missione impegnativa da realizzare dappertutto”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/05/2009 CINA – VATICANO
    Sotto controllo la Giornata di preghiera per la Chiesa in Cina. La Lettera del papa è oscurata
    A causa di freni e divieti, le diocesi non hanno organizzato pellegrinaggi al santuario di Sheshan. Poca pubblicità anche nella diocesi di Shanghai. Nell’Hebei i cattolici senza messa perché i sacerdoti sono agli arresti. Sul sito vaticano, la Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi (in cinese) è ancora oscurata.

    24/04/2008 CINA
    Nuove restrizioni e controlli per i pellegrini al santuario di Sheshan
    Telecamere di sicurezza, limiti all’uso delle autostrade, obbligo di chiedere il permesso al governo prima di recarsi al santuario mariano di Sheshan durante il mese di maggio. Inoltre, le diocesi circostanti sono state “avvertite”: non organizzate gruppi per celebrare la prima giornata di preghiera per la Chiesa cinese, proclamata dal Papa.

    24/05/2012 CINA - VATICANO
    Sheshan, migliaia di pellegrini per la Giornata di preghiera voluta dal papa
    P. Taddeo Ma Daqin, vicario generale della diocesi di Shanghai, ha presieduto la messa con 40 sacerdoti. Fedeli di altre diocesi ostacolati dalla pesante sorveglianza di poliziotti in borghese. In Hebei arrestati un sacerdote e un seminarista della Chiesa clandestina. È morto mons. Paolo Li Yi, vescovo di Luan (Changzhi, Shanxi).

    24/05/2012 CINA – VATICANO
    A maggio, stretta delle autorità cinesi sul santuario mariano di Donglu
    Una fonte cattolica di AsiaNews conferma il rafforzamento delle misure di sicurezza. Guardie controllano 24 ore su 24 gli ingressi al villaggio di uomini e mezzi. Leader laici cattolici sotto sorveglianza. Cartelloni e pannelli governativi invitano a “resistere all’infiltrazione straniera”. Ma i fedeli pregano la Madonna per l’unità della Chiesa.

    25/03/2010 VATICANO - CINA
    Santa Sede: Formazione, riconciliazione, unità col Papa, priorità della Chiesa in Cina
    Formazione dei seminaristi, sacerdoti e religiose; maggiore riconciliazione fra i cattolici ufficiali e sotterranei; maggiore unità con il papa per tutti i vescovi, evitando la partecipazione a gesti contro la comunione; preghiera per i vescovi e i sacerdoti privati della libertà. Il testo integrale del comunicato alla fine dei lavori della Commissione vaticana sulla Chiesa cattolica in Cina, diffuso stamane dalla Sala Stampa della Santa Sede.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®